Anagrafi in rivolta: in giro un losco figuro, che non si sa da dove venga e dove vada. Correre ai ripari!

La più antica icona del Volto di Cristo Pantocratore, su legno, risalente sec. VI.
Monastero di S. Caterina del Sinai
.

Repubblica del 10 Ottobre 2019: “Radio Maria pubblica la carta di identità di Gesù: fedeli in rivolta sui social” (qui).

Aleteia del 12 ottobre 2019: “Radio Maria e la “carta d’identità” di Gesù. I social si scatenano” (qui).

Prima di colazione, un’amara lettura: gli articoli di Repubblica e di Aleteia. Repubblica, in stile di relazione concisa, sobria, dei fatti -dopo la tirata di orecchie della Sala Stampa Vaticana- porta in scena la “rivolta” dei fedeli della pagina “fb” di Radio Maria. Aleteia, con pacatezza, riflette e in qualche modo scusa Padre Livio, forse ignaro. Lodevole l’intento di Aleteia.

Repubblica utilizza sconnessi commenti di alcuni lettori della pagina “fb” di Radio Maria.

Non avrei mai pubblicato questo pseudo sussidio che Radio Maria ha diffuso, sia per i buoni motivi addotti da Aletea che per molti altri.

La C. I. diffusa da Radio Maria

Ma il fatto è successo. Se, però, si volesse avere un sincero occhio culturale, non si dovrebbero dimenticare molti altri scempi, realizzati dalla stampa o dalla cinematografia, cristiane o no, anche da frange, inquietantemente ampie della stessa chiesa.

Chi si lamentò, nel 2012, della CEI per l’immagine pubblicata su Famiglia Cristiana per il Convegno della Chiesa Italiana?

“Aperto a Roma il convegno del Progetto culturale Cei. Molti studiosi con i cardinali Bagnasco, Ruini, Scola e Ravasi. Il dossier di Jesus nel 2003 (art. del 10/02/2012) qui

Eppure era già stata utilizzata da Jesus nel 2003!

Chi mai si lamentò, sulla stampa “laica”, per i complessi rockettari nelle chiese, protrattisi per decenni, o per le chiese trasformate in sale concerto con tanto di biglietto e SIAE, le liturgie in spettacoli teatrali per prime donne?

Chi si lamentò, del film “Jesus Christ superstar”? Se ne fecero invece ampie lodi. Chi criticava era considerato tradizionalista! Non erano tentativi giustificati per parlare alla gente contemporanea?

E nell’anno del Giubileo della Misericordia, quale stampa “laica” si lamentò per lo scempio della facciata di San Pietro in versione pseudo ecologica?

“FIAT LUX” GIUBILEO A SAN PIETRO: GLI ANIMALI video

Un vero “peccato”, questo evento? Perché barriti e ruggiti richiamavano più l’avanzare di simboli diabolici e mostruosi, nella Chiesa, che voler ispirare una custodia sapiente del Creato!

Eppure, andava bene così!, pare. Forse per banalità e ignoranza che non sanno rispettare il senso della liturgia, la grandezza dell’arte rinascimentale. Oppure, fu un modo architettato da qualcuno per dissacrare?

Ora, Radio Maria ha pubblicato una “carta di identità”, -modo di dire ampiamente presente nella lingua italiana-. Ovviamente, tradotto in immagine, -perché pensato per una pagina “fb”-, è di maggior impatto e può apparire banale e blasfemo. E meno male che è stato riproposto il Gesù Misericordioso e non quello in camicia e cravatta di Jesus!

Ma ciò che addolora chi crede, sono le reazioni scomposte di lettori che da anni, forse, ascoltano le trasmissioni di alto livello di Radio Maria in molti campi: dalla teologia all’esegesi, dalla catechesi alla storia, dalla medicina alle problematiche sociali ed educative.

In un minuto, questi presunti “ascoltatori”, hanno dimenticato tutto? pretendono spiegazioni??

Ma se Radio Maria avesse sbagliato, -e può aver sbagliato, ma forse intendeva solo dare l’idea che Gesù è tra di noi con un indirizzo celeste ed un modo di pensare diverso-, e avessimo cercato di cogliere la buona intenzione, ci saremmo risparmiati livore inutile e dannoso e anche del tempo prezioso.

Piace, invece, al Cielo che la Chiesa, ed enti ad essa collegati, -come anche Radio Maria ampiamente dimostra quotidianamente da decenni- sanno fare anche cose molto belle, per esempio questa.

Lustratevi gli occhi e tenete il cuore nella pace del Signore.

I VOLTI DI CRISTO NELL’ARTE

Tibi sit Gloria, Domine!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.