Anagrafi in rivolta: in giro un losco figuro, che non si sa da dove venga e dove vada. Correre ai ripari!

La più antica icona del Volto di Cristo Pantocratore, su legno, risalente sec. VI.
Monastero di S. Caterina del Sinai
.

Repubblica del 10 Ottobre 2019: “Radio Maria pubblica la carta di identità di Gesù: fedeli in rivolta sui social” (qui).

Aleteia del 12 ottobre 2019: “Radio Maria e la “carta d’identità” di Gesù. I social si scatenano” (qui).

Prima di colazione, un’amara lettura: gli articoli di Repubblica e di Aleteia. Repubblica, in stile di relazione concisa, sobria, dei fatti -dopo la tirata di orecchie della Sala Stampa Vaticana- porta in scena la “rivolta” dei fedeli della pagina “fb” di Radio Maria. Aleteia, con pacatezza, riflette e in qualche modo scusa Padre Livio, forse ignaro. Lodevole l’intento di Aleteia.

Repubblica utilizza sconnessi commenti di alcuni lettori della pagina “fb” di Radio Maria.

Non avrei mai pubblicato questo pseudo sussidio che Radio Maria ha diffuso, sia per i buoni motivi addotti da Aletea che per molti altri.

La C. I. diffusa da Radio Maria

Ma il fatto è successo. Se, però, si volesse avere un sincero occhio culturale, non si dovrebbero dimenticare molti altri scempi, realizzati dalla stampa o dalla cinematografia, cristiane o no, anche da frange, inquietantemente ampie della stessa chiesa.

Chi si lamentò, nel 2012, della CEI per l’immagine pubblicata su Famiglia Cristiana per il Convegno della Chiesa Italiana?

“Aperto a Roma il convegno del Progetto culturale Cei. Molti studiosi con i cardinali Bagnasco, Ruini, Scola e Ravasi. Il dossier di Jesus nel 2003 (art. del 10/02/2012) qui

Eppure era già stata utilizzata da Jesus nel 2003!

Chi mai si lamentò, sulla stampa “laica”, per i complessi rockettari nelle chiese, protrattisi per decenni, o per le chiese trasformate in sale concerto con tanto di biglietto e SIAE, le liturgie in spettacoli teatrali per prime donne?

Chi si lamentò, del film “Jesus Christ superstar”? Se ne fecero invece ampie lodi. Chi criticava era considerato tradizionalista! Non erano tentativi giustificati per parlare alla gente contemporanea?

E nell’anno del Giubileo della Misericordia, quale stampa “laica” si lamentò per lo scempio della facciata di San Pietro in versione pseudo ecologica?

“FIAT LUX” GIUBILEO A SAN PIETRO: GLI ANIMALI video

Un vero “peccato”, questo evento? Perché barriti e ruggiti richiamavano più l’avanzare di simboli diabolici e mostruosi, nella Chiesa, che voler ispirare una custodia sapiente del Creato!

Eppure, andava bene così!, pare. Forse per banalità e ignoranza che non sanno rispettare il senso della liturgia, la grandezza dell’arte rinascimentale. Oppure, fu un modo architettato da qualcuno per dissacrare?

Ora, Radio Maria ha pubblicato una “carta di identità”, -modo di dire ampiamente presente nella lingua italiana-. Ovviamente, tradotto in immagine, -perché pensato per una pagina “fb”-, è di maggior impatto e può apparire banale e blasfemo. E meno male che è stato riproposto il Gesù Misericordioso e non quello in camicia e cravatta di Jesus!

Ma ciò che addolora chi crede, sono le reazioni scomposte di lettori che da anni, forse, ascoltano le trasmissioni di alto livello di Radio Maria in molti campi: dalla teologia all’esegesi, dalla catechesi alla storia, dalla medicina alle problematiche sociali ed educative.

In un minuto, questi presunti “ascoltatori”, hanno dimenticato tutto? pretendono spiegazioni??

Ma se Radio Maria avesse sbagliato, -e può aver sbagliato, ma forse intendeva solo dare l’idea che Gesù è tra di noi con un indirizzo celeste ed un modo di pensare diverso-, e avessimo cercato di cogliere la buona intenzione, ci saremmo risparmiati livore inutile e dannoso e anche del tempo prezioso.

Piace, invece, al Cielo che la Chiesa, ed enti ad essa collegati, -come anche Radio Maria ampiamente dimostra quotidianamente da decenni- sanno fare anche cose molto belle, per esempio questa.

Lustratevi gli occhi e tenete il cuore nella pace del Signore.

I VOLTI DI CRISTO NELL’ARTE

Tibi sit Gloria, Domine!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…