5 settembre: Santa Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta ha dedicato la sua vita, in India, a favore dei malati abbandonati; dei paria o dalit, e delle altre caste inferiori; dei bambini e delle bambine nell’utero materno, uccisi con l’aborto procurato, da lei considerato “l’inizio di tutti i mali” e la peggiore minaccia per la pace nel mondo; dei lebbrosi, scacciati da tutti perché considerati maledetti; degli orfani e delle vedove, figure particolarmente emarginate nella cultura induista, che conosce ancora oggi l’infanticidio seriale delle bambine femmine e la discriminazione, anche pesante, contro le donne che hanno perso il marito e che sino a non moltissimi anni fa subivano ancora il sati, cioè la morte sulla pira del coniuge defunto.

 

teresa 4bn_00391bn_00181Nirmal Hriday

A Madre Teresa si devono la fondazione dellaCasa Kalighat per i morenti” (poi “Nirmal Hriday”), nata per offrire cure e assistenza ai numerosi malati rifiutati dagli ospedali cittadini ed abbandonati, un centro per i malati di lebbra a Tigarah ed un intero villaggio sempre per costoro, chiamato “Shanti Nagar” (“città della pace”). Da queste prime opere, e dalle suore discepole di Madre Teresa, ne nasceranno moltissime altre, in tanti paesi, del Terzo Mondo, ma non solo1.

teresa5

E’ forse bene fare un cenno alla nascita della Casa Kalighat nel 1952. Questa struttura sorse proprio accanto al tempio indù di Kalì, la dea infernale con il volto nero, le numerose braccia e mani che impugnano armi, la lingua fuori e una collana di teste umane mozze.

Image of the Goddess Kali on the wall of Kali temple in Puri

La dea Kalì

Ebbene il simbolo che madre Teresa pose in cima al ricovero è un Cristo crocifisso, con la scritta “ho sete”, in inglese: il Dio che si fa uomo, medicus et infirmus, che dà la sua vita per la sete delle anime, venne così a trovarsi vicino alla dea che, per saziare la sua sete, chiede il sacrificio cruento, ancora oggi attestato qua e là, di esseri umani.

Difficile immaginare uno scontro di visioni religiose più evidente. “L’intrusione delle suore in sari bianco ornato di un crocifisso in quel quartiere interamente dedicato al culto di Kalì –racconta Dominique Lapierre ne “La città della gioia”- suscita dapprima la curiosità. Ma ben presto alcuni indù ortodossi si indignano…Scoppiano incidenti. Un giorno piovono sassi e mattoni sull’ambulanza che trasporta dei moribondi raccolti per strada”.

Gli indù non capivano cosa muovesse madre Teresa a dedicarsi a degli infelici, disgraziati, condannati a soffrire, giustamente secondo loro, a causa della loro vita precedente.

Però, col tempo, molti di loro si inchineranno ai fatti, alla forza dell’Amore incarnato così angelicamente in quella piccola figura minuta e ricurva.

1 C. Siccardi, Madre Teresa. Tutto iniziò nella mia terra, San Paolo, Milano, 2010; L. Gjergji, Madre Teresa, prima biografia completa, Jaca Book, Milano, 1983; M. Muggeridge, Qualcosa di bello per Dio. Madre Teresa di Calcutta, San Paolo, Milano, 1988.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…

    • Domande alla Santa Sede dopo la violazione del Concordato

      di Gianfranco Amato. Perché la Santa Sede non ha denunciato la violazione del Concordato? Si intende farne cessare gli effetti per disapplicazione e desuetudine? Non è più interessata a quel particolare trattato internazionale? La grave inerzia di fronte alle violazioni del governo è dovuta ad una limitata conoscenza giuridica o ad una deliberata volontà? Sarebbe giusto comunicarlo ai fedeli, consapevoli delle conseguenze pratiche: la Santa Sede si ritiene ancora uno Stato indipendente? Leggi il seguito…

    • Dopo la pandemia

      di Marcello Veneziani. Per la prima volta la metà dell’umanità è stata chiusa in quarantena nelle proprie case, costretta alla solitudine, per un tempo piuttosto lungo, stravolgendo la sua vita subendo restrizioni mai registrate. Con un effetto catastrofico sulla vita sociale ed economica, produttiva e lavorativa, oltre che su tutte le attività scolastiche, culturali, ludiche, ricreative, gli spostamenti, il turismo, le relazioni e la vita affettiva. Fino a profilare una vera e propria mutazione antropologica, che sarà difficilmente riassorbita nel tempo. E che potrà determinare cambiamenti, mutamenti di visioni e di prospettive come non era finora accaduto. Allora cerchiamo di capire quali sono stati dal punto di vista geopolitico e geospirituale gli effetti che ha prodotto Leggi il seguito…