Macron e “Giuseppi”, la nuova coppia, in nome dell’Europa accogliente

di Anicio Severino.

Passa la scialuppa “Matteo Salvini” e Conte salta su. Passa l’imbarcazione macroniana e Conte salta pure su quella. Guardate che un cambio di gioco così, almeno nei tempi recenti, non si era ancora visto. Conte c’è e predica europeismo. “Sono stato sempre molto attento per formazione civica alla vita politica, la mia formazione è di sinistra nel cattolicesimo democratico. Anche quando ho parlato di immigrazione ho sempre ragionato rifuggendo la formula porti aperti o porti chiusi”. Lo ha detto per davvero, non per scherzo, nel corso della festa di Articolo Uno. Ce lo teniamo. Serva al centrodestra tutto come monito

*****************

Emmanuel Macron e Giuseppe – Giuseppi “grazie” a un tweet di The Donald – finalmente d’amore e d’accordo. Il malinteso leghista è un armadio di riposto in una abitazione di transito. Ora è il tempo delle buone cancellerie. Il vino buono è il vin de France. Da gustare con piacere, mentre la rotta viene invertita. Pure perché Giusepp(i) Conte – lo ha detto proprio così – ritiene che la strada dei porti chiusi, quella del governo che ha presieduto fino a un paio di mesi fa, sia una “strada riduttiva“. Lo ha detto dopo aver certificato l’intesa con il presidente della Repubblica francese. Quello dei migranti di Ventimiglia. E il trasformismo, come definizione politologica, non basta più. Qui ci troviamo dinanzi a un raro caso di camaleontismo. Ma bisogna incassare.

L’errore sta a monte. L’errore sta nel fatto di aver pensato che uno dei ministri selezionati da Luigi Di Maio, in un ipotetico governo tutto giallo, potesse fare da raccordo. Forse ha sbagliato pure il leader grillino, che dell’equazione Conte potrebbe non aver calcolato l’incognita protagonismo. “Ci sono anch’io”, cantava Max Pezzali, ma quella era una bella storia. Quella di un riscatto partito dal basso. Questa è un’opera di galleggiamento. Passa la scialuppa “Matteo Salvini” e Conte salta su. Passa l’imbarcazione macroniana e Conte salta pure su quella. Guardate che un cambio di gioco così, almeno nei tempi recenti, non si era ancora visto. Neppure il miglior playmaker del centrocampo della nazionale spagnola. Conte c’è e predica europeismo. “Sono stato sempre molto attento per formazione civica alla vita politica, la mia formazione è di sinistra nel cattolicesimo democratico. Anche quando ho parlato di immigrazione ho sempre ragionato rifuggendo la formula porti aperti o porti chiusi”.

Lo ha detto per davvero, non per scherzo, nel corso della festa di Articolo Uno. Ce lo teniamo. Serva al centrodestra tutto come monito: finché i confini sono delineati in modo preciso, le sorprese stentano ad arrivare. Quando i “porti” della coalizione vengono aperti, in funzione di esperimenti cromatici, non è detto che tutto vada come previsto. L’accoglienza è un fatto pure politico. Anche in quell’ambito è meglio una “linea restrittiva”. Noi comunque di Conte ci ricordavamo un ode al populismo, ma forse ascoltavamo la canzone nel verso sbagliato. Incassare e andare avanti: è il parlamentarismo, si è già detto e si dirà. Poi c’è lui, Emmanuel Macron, l’enfant prodige, che adesso è ben contento di triangolare con i cugini disordinati, che poi saremmo noi. Fanno una bella coppia elitaria. E quando a fine mese a La Valletta l’Europa si ritroverà per discutere del “Che fare” con i migranti, potrebbero arrivare a braccetto. Macron e “Giuseppi”, sincronizzati, in nome dell’Europa accogliente. Che bella storia da raccontare. Agli elettori, per segnalare come la semplificazione politica passi dalle cose chiare, tipo il bipolarismo, che difficilmente consente i cambi di verso alla contiana maniera. A noi stessi, mentre ci ricompattiamo, affinché un assist del genere, una parte del centrodestra, non lo serva più.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…