Macron e “Giuseppi”, la nuova coppia, in nome dell’Europa accogliente

di Anicio Severino.

Passa la scialuppa “Matteo Salvini” e Conte salta su. Passa l’imbarcazione macroniana e Conte salta pure su quella. Guardate che un cambio di gioco così, almeno nei tempi recenti, non si era ancora visto. Conte c’è e predica europeismo. “Sono stato sempre molto attento per formazione civica alla vita politica, la mia formazione è di sinistra nel cattolicesimo democratico. Anche quando ho parlato di immigrazione ho sempre ragionato rifuggendo la formula porti aperti o porti chiusi”. Lo ha detto per davvero, non per scherzo, nel corso della festa di Articolo Uno. Ce lo teniamo. Serva al centrodestra tutto come monito

*****************

Emmanuel Macron e Giuseppe – Giuseppi “grazie” a un tweet di The Donald – finalmente d’amore e d’accordo. Il malinteso leghista è un armadio di riposto in una abitazione di transito. Ora è il tempo delle buone cancellerie. Il vino buono è il vin de France. Da gustare con piacere, mentre la rotta viene invertita. Pure perché Giusepp(i) Conte – lo ha detto proprio così – ritiene che la strada dei porti chiusi, quella del governo che ha presieduto fino a un paio di mesi fa, sia una “strada riduttiva“. Lo ha detto dopo aver certificato l’intesa con il presidente della Repubblica francese. Quello dei migranti di Ventimiglia. E il trasformismo, come definizione politologica, non basta più. Qui ci troviamo dinanzi a un raro caso di camaleontismo. Ma bisogna incassare.

L’errore sta a monte. L’errore sta nel fatto di aver pensato che uno dei ministri selezionati da Luigi Di Maio, in un ipotetico governo tutto giallo, potesse fare da raccordo. Forse ha sbagliato pure il leader grillino, che dell’equazione Conte potrebbe non aver calcolato l’incognita protagonismo. “Ci sono anch’io”, cantava Max Pezzali, ma quella era una bella storia. Quella di un riscatto partito dal basso. Questa è un’opera di galleggiamento. Passa la scialuppa “Matteo Salvini” e Conte salta su. Passa l’imbarcazione macroniana e Conte salta pure su quella. Guardate che un cambio di gioco così, almeno nei tempi recenti, non si era ancora visto. Neppure il miglior playmaker del centrocampo della nazionale spagnola. Conte c’è e predica europeismo. “Sono stato sempre molto attento per formazione civica alla vita politica, la mia formazione è di sinistra nel cattolicesimo democratico. Anche quando ho parlato di immigrazione ho sempre ragionato rifuggendo la formula porti aperti o porti chiusi”.

Lo ha detto per davvero, non per scherzo, nel corso della festa di Articolo Uno. Ce lo teniamo. Serva al centrodestra tutto come monito: finché i confini sono delineati in modo preciso, le sorprese stentano ad arrivare. Quando i “porti” della coalizione vengono aperti, in funzione di esperimenti cromatici, non è detto che tutto vada come previsto. L’accoglienza è un fatto pure politico. Anche in quell’ambito è meglio una “linea restrittiva”. Noi comunque di Conte ci ricordavamo un ode al populismo, ma forse ascoltavamo la canzone nel verso sbagliato. Incassare e andare avanti: è il parlamentarismo, si è già detto e si dirà. Poi c’è lui, Emmanuel Macron, l’enfant prodige, che adesso è ben contento di triangolare con i cugini disordinati, che poi saremmo noi. Fanno una bella coppia elitaria. E quando a fine mese a La Valletta l’Europa si ritroverà per discutere del “Che fare” con i migranti, potrebbero arrivare a braccetto. Macron e “Giuseppi”, sincronizzati, in nome dell’Europa accogliente. Che bella storia da raccontare. Agli elettori, per segnalare come la semplificazione politica passi dalle cose chiare, tipo il bipolarismo, che difficilmente consente i cambi di verso alla contiana maniera. A noi stessi, mentre ci ricompattiamo, affinché un assist del genere, una parte del centrodestra, non lo serva più.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.