Le “Relazioni Pericolose” della Elite Grillina

di Guido da Landriano.

Ieri il neoministro della pubblica istruzione ha fatto un tweet che sembrerebbe perfettamente innocuo a chi non conoscesse le persone coinvolte: “Oggi mi è venuto a trovare il mio collega e amico Jeffrey Sachs, uno dei più noti economisti al mondo. Abbiamo discusso di come fare dell’Italia un pioniere globale dello sviluppo sostenibile applicato al processo di formazione e ricerca in tutti i settori”. Ma chi è questo “Amicone” Jeffrey Sachs? Sachs è un professore americano noto per le sue posizioni iperliberiste ed a favore dell’aborto come sistema di riduzione della natalità: per Sachs il problema è esclusivamente economico ed i bambini sono da eliminare perchè la loro cura non è economicamente proficua.

*****************

Ieri il neoministro della pubblica istruzione ha fatto un tweet che sembrerebbe perfettamente innocuo a chi non conoscesse le persone coinvolte: “Oggi mi è venuto a trovare il mio collega e amico Jeffrey Sachs, uno dei più noti economisti al mondo. Abbiamo discusso di come fare dell’Italia un pioniere globale dello sviluppo sostenibile applicato al processo di formazione e ricerca in tutti i settori”.

Un incontro fra due amici ed accademici, ma chi è questo “Amicone” Jeffrey Sachs? Presentiamo qualcosa di lui.

Jeffrey Sachs è un professore americano noto per le sue posizioni iperliberiste ed a favore dell’aborto come sistema di riduzione della natalità. Su questo secondo punto intervenne nel 2015 ad un convegno perfino in Vaticano. Quali sono le sue idee a proposito? Condensiamole in un paio di frasi simpatiche, dal suo libro manifesto sulla materia “Commonwealth: economics for a crowded planet”:

  • l’Aborto è “un’opzione a basso rischio ed a basso costo” piuttosto che portare al mondo una vita;
  • “la legalizzazione dell’aborto dimezza il tasso totale di fertilità di un paese in modo significativo, solitamente di mezzo figlio in media” evidentemente per lui l’aborto è un fenomeno di massa;

Insomma per Sachs il problema è esclusivamente economico ed i bambini sono da eliminare perchè la loro cura non è economicamente proficua. Certo sarebbe da chiedere cosa ne pensa in una società come quella europea che invecchia in modo progressivo e la cui stagnazione economica è essenzialmente dovuta ad un problema di carattere demografico, ma probabilmente non gli interessa.

Sachs è noto inoltre per essersi occupato della transizione dei paesi Ex comunisti, o sud americani, nella strada verso lo sviluppo. Su questo vi proponiamo questo estratto…

La citazione è tratta da “The Handbook of Liberalism” dove si tratta dell’esperienza di Jeffrey Sachs in questi processi di trasformazione nei primi anni novanta. Sachs è noto per la “Shock therapy” per cui non si può trasformare una società poco alla volta, bisogna applicare degli shock liberalisti anche a costo di provocare dei disastri dal punto di vista sociale. Traduciamo un pezzo:

Sachs si era imbevuto nella fantasie neoliberali nella Harvard degli anni 70 ed andò ad applicare i suoi noti programmi di “Terapia Shock” in Polonia ed in Colombia, basate su una grossolana liberalizzazione di queste economie. Nonostante gli alti costi sociali queste misure vennero celebrate dalle elite neoliberali  come in grado di aprire questi paesi agli investimenti, e quindi come casi di successo del neoliberalismo (sappiamo che non lo furono, e che la Polonia cresce con un governo identitario , Ndr). Sachs quindi applicò le sue misure alle Russia. Man mano che la Russia scivolava nella crisi un economista premio Nobel lo invitò a “Ricordare la storia di un’entità costruita artificialmente come il mostro di Frankenstein”. facendo notare che Sachs rischiava di costruire una specie di mostro se la velocità delle riforme non fosse stata rallentata e non si fossero prese le necessarie tutele istituzionali, e concluse che “quella di Frankestein può essere una parabola applicabile al caso”. Purtroppo Sachs scelse di ignorare i consigli ed il Mostro di Franckestein  andò in piena frenesia di distruzione. In Russia la Shock Therapy causò una delle più profonde e lunghe  recessioni della storia moderna, mettendo Sachs di fronte alla realtà del Capitalismo sotto forma di un sistema segnato dalla crisi che fece a pezzi la società russa con una apparentemente incontrollabile furia distruttiva

Chi non è un ragazzino ricorda bene cosa fosse la russia di Eltsin, divisa fra pochi rapaci miliardari ed una massa di poveri disposta a tutto per sopravvivere, mentre lo stato e le tutele sociali cadevano a pezzi. La reazione è stata la Russia di Putin che ha rifiutato buona parte della lezione di Sachs.

Ecco, questi sono gli amici del Ministro dell’Istruzione Fioramonti. Ora potete sentirvi più tranquilli. L’iperliberalismo abortista vi salverà.

Fonte: Scenari Economici

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.