Dopo genitore 1 e 2, dei neonati avranno madre e madre

Secondo il Vocabolario della Lingua italiana di Nicola Zingarellimadre vuol dire, anzitutto, “genitrice di figli”. Ma questo molto presto non sarà più vero nella nostra vicina Francia per gli esiti estremi, ma infondo estremamente logici, di una nuova normativa bioetica, laica e destabilizzante, fortemente (e follemente) voluta dall’algido e insipido presidente Emmanuel Macron. La quale normativa sarà discussa e, visti i numeri in parlamento e le dichiarazioni di voto, facilmente approvata a partire da questo settembre.

Ed ora in TV il ministro della giustizia transalpino nonché sostenitrice della legge, madame Nicole Belloubet, ha spiegato che i figli che nasceranno grazie alla PMA (procreazione medicalmente assistita, che sarebbe meglio chiamare con il suo proprio nome ovvero: procreazione artificiale) saranno iscritti nell’atto di nascita (civile) come nati da madre x e madre y.

E sempre secondo la ministra, “molto probabilmente”, la (vera) madre biologica comparirà per prima nello stato civile del nascituro, mentre la (finta) madre intenzionale o sociale, dopo. Con aberrante esclusione e rimozione del padre, come se il seme ricevuto in dono (od offerto dietro lauto compenso) non appartenesse a nessuno, e fosse prodotto in laboratorio.

Sono decenni che si parla e si straparla di scomparsa del padre, dell’uomo, del maschio, nelle società tendenzialmente femministe e parricide del post-68, come ad esempio faceva già molti anni fa il nostro Claudio Risé, in un breve testo divenuto ora profetico (Il padre. L’assente inaccettabile, san Paolo, 2013). Ma qui si va oltre. 

Scrivere su un atto pubblico ufficiale, che quel bambino lì, quella creatura di nome JeanBrigitte, che si agita nel ventre materno prima di vedere la luce, ha 2 madri ed è nata grazie all’amore di queste due madri, è fare un falso in atto pubblico. E ciò in ogni società ben costituita dovrebbe interessare la giustizia penale, altro che storie e diritti!

Cosa c’entra la donna B, innamoratissima della mamma A, con la nascita del figlio C? Che per caso il figlio è frutto dell’amore tra A e B? Anche un neonato capirebbe che così non è.

Davanti a questa ennesima follia, gli animi si dividono e si surriscaldano. Se Emilie Duret, vicepresidente degli “avvocati LGBT” dichiara che la decisione della Belloubet “era necessaria” e va salutata, del tutto opposta è la reazione di Ludovine de La Rochère presidentessa della Manif pour tous, la quale prepara le sue truppe per la manifestazione – che si suppone oceanica – contro la “PMA senza padre” indetta per domenica 6 ottobre a Parigi.

E’ interessante notare che, rispetto alle manifestazioni degli scorsi anni, il linguaggio della Manif si è fatto ancora più preciso e tagliente, e l’argomentazione imparabile. Così, tra gli slogan pensati per il corteo parigino, spiccano i seguenti: “Tutti nati da un padre e una madre”, “Mater semper certa est”, “Marchons enfants” (Marciamo figli, dall’inno nazionale francese) e “Uguaglianza per tutti i bambini”.

Se c’è in effetti una nuova e insidiosa discriminazione che si fa avanti, nell’ombra della logica dei diritti, è proprio, ancora una volta, quella contro i bambini, i minori, i più deboli. I quali, in nome dei diritti della donna (lesbica), non dovranno né potranno – secondo la legge che si sta per approvare a Parigi – mai conoscere il proprio padre. Una vita senza padre, non a causa di morte accidentale e imprevista, ma al contrario prevista e voluta esplicitamente dalla legge…

A questo siamo arrivati per seguire il progresso (e le lobby gay): a rendere preventivamente orfani alcuni dei nostri bambini. E al contempo a spossessare l’uomo della sua più naturale prerogativa: la paternità. Ma come ha scritto giustamente la giornalista Juliette Mondon, “dire che un bambino abbia due madri è come dire che la terra è piatta”. E forse anche peggio.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…