Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

di Giulio Sibona.

Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza

**************

Il concetto di populismo è abbastanza ampio e forse fumoso, fondato sul presunto buonsenso della politica, al di là degli schemi classici. In Europa è per lo più destroide e nazionalista, in Italia però c’è un rilevante caso di populismo di sinistra, o, se vogliamo, “sociale”. Noi abbiamo potuto assaggiare il primo esperimento nazionale di governo a doppio populismo, e doppio buonsenso, quello appena passato. Così se per caso qualcosa (di sinistro) non riuscisse, a causa dei nazionalisti, si potrebbe sempre ritrovare il buonsenso con qualcun altro, magari col centrosinistra. Litigano su tutto ma possono andare d’accordo su qualcosa: per esempio per liberalizzare il consumo delle droghe, a partire dalla cannabis.

Succedeva infatti che Salvini cercava di mantenere più possibile fede al programma suo e della coalizione di centrodestra, con la quale era stato votato, quanto stilava il programma di governo col futuro alleato. Perciò quando questi provava nella persona del senatore Mantero a proporre un testo di legge intitolato «disposizioni in materia di legalizzazione della coltivazione, della lavorazione e della vendita della cannabis e dei suoi derivati», la replica del ministro degli Interni non si fece aspettare, intimandone il ritiro perché non voleva “lo Stato spacciatore”. Tuttavia formalmente il Parlamento è indipendente dal governo, può insomma proporre leggi al di là dell’indirizzo dell’Esecutivo!

Ora però la maggioranza comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, resta esclusa dal governo solo +E. Si è così ritrovata nuova unità di intenti sul tema, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza. Tuttavia di partenza il neo segretario Zingaretti era contrario e aveva pure rimproverato Salvini di qualche accusa fuori luogo, tipo la chiusura dei “canapa shop”, che ad avviso del democratico era solo una sparata per guadagnare consenso. Il consenso, in Parlamento, ora potrebbe esserci per una liberalizzazione estrema.

Si è poi lanciata Vincenza Bruno Bossio nel disporre sulla coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati, focalizzata sulla cessione (leggi “spaccio”) tra maggiorenni e l’uso ricreativo. Si mette in coda col grillino Lello Ciampolillo che ne vuole legalizzare la coltivazione. Quella più interessante però forse è quella di altri democratici, tra cui in primis Nadia Ginetti, che partono dall’impiego farmaceutico e medico, con la scusa di un parere tecnico e scientifico, per approdare ai medesimi risultati di coltivazione e consumo. Toglie qualsiasi imbarazzo a questi tentativi di occultamento un ultimo democratico, Tommaso Cerno, il quale propone la rimozione di qualsiasi sanzione, penale o amministrativa che sia, della coltivazione/produzione «per fini non di lucro, per un consumo personale o collettivo, da praticare in luoghi deputati o in private abitazioni».

Non sappiamo che cosa ci dovremo aspettare da questo governo su tutti i principali problemi che affliggono l’Italia, non sappiamo nemmeno quanto durerà e se si limiterà a sudare qualche mese di feroci litigi o sarà una corsa appassionata alle elezioni del nuovo Presidente della Repubblica e poi alle elezioni del 2023, ma intuiamo che se il Parlamento decidesse di affrontare la liberalizzazione, l’unico dubbio sarebbe se trasformaci direttamente in un “canapa shop” o se diluirlo in più passaggi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…