Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

di Giulio Sibona.

Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza

**************

Il concetto di populismo è abbastanza ampio e forse fumoso, fondato sul presunto buonsenso della politica, al di là degli schemi classici. In Europa è per lo più destroide e nazionalista, in Italia però c’è un rilevante caso di populismo di sinistra, o, se vogliamo, “sociale”. Noi abbiamo potuto assaggiare il primo esperimento nazionale di governo a doppio populismo, e doppio buonsenso, quello appena passato. Così se per caso qualcosa (di sinistro) non riuscisse, a causa dei nazionalisti, si potrebbe sempre ritrovare il buonsenso con qualcun altro, magari col centrosinistra. Litigano su tutto ma possono andare d’accordo su qualcosa: per esempio per liberalizzare il consumo delle droghe, a partire dalla cannabis.

Succedeva infatti che Salvini cercava di mantenere più possibile fede al programma suo e della coalizione di centrodestra, con la quale era stato votato, quanto stilava il programma di governo col futuro alleato. Perciò quando questi provava nella persona del senatore Mantero a proporre un testo di legge intitolato «disposizioni in materia di legalizzazione della coltivazione, della lavorazione e della vendita della cannabis e dei suoi derivati», la replica del ministro degli Interni non si fece aspettare, intimandone il ritiro perché non voleva “lo Stato spacciatore”. Tuttavia formalmente il Parlamento è indipendente dal governo, può insomma proporre leggi al di là dell’indirizzo dell’Esecutivo!

Ora però la maggioranza comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, resta esclusa dal governo solo +E. Si è così ritrovata nuova unità di intenti sul tema, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza. Tuttavia di partenza il neo segretario Zingaretti era contrario e aveva pure rimproverato Salvini di qualche accusa fuori luogo, tipo la chiusura dei “canapa shop”, che ad avviso del democratico era solo una sparata per guadagnare consenso. Il consenso, in Parlamento, ora potrebbe esserci per una liberalizzazione estrema.

Si è poi lanciata Vincenza Bruno Bossio nel disporre sulla coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati, focalizzata sulla cessione (leggi “spaccio”) tra maggiorenni e l’uso ricreativo. Si mette in coda col grillino Lello Ciampolillo che ne vuole legalizzare la coltivazione. Quella più interessante però forse è quella di altri democratici, tra cui in primis Nadia Ginetti, che partono dall’impiego farmaceutico e medico, con la scusa di un parere tecnico e scientifico, per approdare ai medesimi risultati di coltivazione e consumo. Toglie qualsiasi imbarazzo a questi tentativi di occultamento un ultimo democratico, Tommaso Cerno, il quale propone la rimozione di qualsiasi sanzione, penale o amministrativa che sia, della coltivazione/produzione «per fini non di lucro, per un consumo personale o collettivo, da praticare in luoghi deputati o in private abitazioni».

Non sappiamo che cosa ci dovremo aspettare da questo governo su tutti i principali problemi che affliggono l’Italia, non sappiamo nemmeno quanto durerà e se si limiterà a sudare qualche mese di feroci litigi o sarà una corsa appassionata alle elezioni del nuovo Presidente della Repubblica e poi alle elezioni del 2023, ma intuiamo che se il Parlamento decidesse di affrontare la liberalizzazione, l’unico dubbio sarebbe se trasformaci direttamente in un “canapa shop” o se diluirlo in più passaggi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Paesi frugali, l’Italia e la bellezza delle cicale

      di Roberto Marchesini. Recovery Fund, al danno dei pochi spiccioli, si unisce la beffa: l’Italia, insieme ai Paesi mediterranei, è stata additata dal club dei «frugali» con lo sprezzante epiteto di «cicala». Eppure, le cicale impiegano il tempo nel canto, che è armonia e quindi riflesso dell’ordine dell’universo. L’Ue ci vorrebbe tutti formiche, ma sicuri che non sia solo invidia? Leggi il seguito…

    • La Raggi scatta, ma il MoVimento è già finito

      di Frodo. Virginia Raggi ha rotto gli indugi, affermando in almeno due occasioni in poche ore (a Il Foglio e alla sua maggioranza) di voler correre di nuovo per la poltrona di primo cittadino della capitale. L’incubo dei romani potrebbe non essere terminato. Leggi il seguito…

    • La dittatura a sorteggio, il Paese a caso

      di Marcello Veneziani. In effetti aveva ragione lui, Giuseppe Conte. Passerà alla storia. L’Italia sarà un caso da studiare, unico, speciale, da manuale. Abbiamo inventato un modello senza precedenti: un regime monocratico, para-dispotico, semi-dittatoriale, in cui l’uomo solo al comando, l’autocrate, non è un dittatore venuto da un golpe militare, non è il capo di un partito o un movimento che conquista il potere, non è un duce salito su dal popolo che marcia sulla capitale e dispone di un consenso popolare e una milizia agguerrita, non è il discendente di una dinastia che decide di incoronarsi monarca assoluto, non è un tecnocrate andato al potere come Massimo Esperto che poi sospende la democrazia per governare coi pieni poteri e non è nemmeno il viceré, il proconsole, il governatore insediato da una potenza straniera alla guida di un paese colonizzato. Leggi il seguito…

    • I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

      di Frodo. Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione. Leggi il seguito…