Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

di Giulio Sibona.

Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza

**************

Il concetto di populismo è abbastanza ampio e forse fumoso, fondato sul presunto buonsenso della politica, al di là degli schemi classici. In Europa è per lo più destroide e nazionalista, in Italia però c’è un rilevante caso di populismo di sinistra, o, se vogliamo, “sociale”. Noi abbiamo potuto assaggiare il primo esperimento nazionale di governo a doppio populismo, e doppio buonsenso, quello appena passato. Così se per caso qualcosa (di sinistro) non riuscisse, a causa dei nazionalisti, si potrebbe sempre ritrovare il buonsenso con qualcun altro, magari col centrosinistra. Litigano su tutto ma possono andare d’accordo su qualcosa: per esempio per liberalizzare il consumo delle droghe, a partire dalla cannabis.

Succedeva infatti che Salvini cercava di mantenere più possibile fede al programma suo e della coalizione di centrodestra, con la quale era stato votato, quanto stilava il programma di governo col futuro alleato. Perciò quando questi provava nella persona del senatore Mantero a proporre un testo di legge intitolato «disposizioni in materia di legalizzazione della coltivazione, della lavorazione e della vendita della cannabis e dei suoi derivati», la replica del ministro degli Interni non si fece aspettare, intimandone il ritiro perché non voleva “lo Stato spacciatore”. Tuttavia formalmente il Parlamento è indipendente dal governo, può insomma proporre leggi al di là dell’indirizzo dell’Esecutivo!

Ora però la maggioranza comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, resta esclusa dal governo solo +E. Si è così ritrovata nuova unità di intenti sul tema, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza. Tuttavia di partenza il neo segretario Zingaretti era contrario e aveva pure rimproverato Salvini di qualche accusa fuori luogo, tipo la chiusura dei “canapa shop”, che ad avviso del democratico era solo una sparata per guadagnare consenso. Il consenso, in Parlamento, ora potrebbe esserci per una liberalizzazione estrema.

Si è poi lanciata Vincenza Bruno Bossio nel disporre sulla coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati, focalizzata sulla cessione (leggi “spaccio”) tra maggiorenni e l’uso ricreativo. Si mette in coda col grillino Lello Ciampolillo che ne vuole legalizzare la coltivazione. Quella più interessante però forse è quella di altri democratici, tra cui in primis Nadia Ginetti, che partono dall’impiego farmaceutico e medico, con la scusa di un parere tecnico e scientifico, per approdare ai medesimi risultati di coltivazione e consumo. Toglie qualsiasi imbarazzo a questi tentativi di occultamento un ultimo democratico, Tommaso Cerno, il quale propone la rimozione di qualsiasi sanzione, penale o amministrativa che sia, della coltivazione/produzione «per fini non di lucro, per un consumo personale o collettivo, da praticare in luoghi deputati o in private abitazioni».

Non sappiamo che cosa ci dovremo aspettare da questo governo su tutti i principali problemi che affliggono l’Italia, non sappiamo nemmeno quanto durerà e se si limiterà a sudare qualche mese di feroci litigi o sarà una corsa appassionata alle elezioni del nuovo Presidente della Repubblica e poi alle elezioni del 2023, ma intuiamo che se il Parlamento decidesse di affrontare la liberalizzazione, l’unico dubbio sarebbe se trasformaci direttamente in un “canapa shop” o se diluirlo in più passaggi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.