Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

di Giulio Sibona.

Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza

**************

Il concetto di populismo è abbastanza ampio e forse fumoso, fondato sul presunto buonsenso della politica, al di là degli schemi classici. In Europa è per lo più destroide e nazionalista, in Italia però c’è un rilevante caso di populismo di sinistra, o, se vogliamo, “sociale”. Noi abbiamo potuto assaggiare il primo esperimento nazionale di governo a doppio populismo, e doppio buonsenso, quello appena passato. Così se per caso qualcosa (di sinistro) non riuscisse, a causa dei nazionalisti, si potrebbe sempre ritrovare il buonsenso con qualcun altro, magari col centrosinistra. Litigano su tutto ma possono andare d’accordo su qualcosa: per esempio per liberalizzare il consumo delle droghe, a partire dalla cannabis.

Succedeva infatti che Salvini cercava di mantenere più possibile fede al programma suo e della coalizione di centrodestra, con la quale era stato votato, quanto stilava il programma di governo col futuro alleato. Perciò quando questi provava nella persona del senatore Mantero a proporre un testo di legge intitolato «disposizioni in materia di legalizzazione della coltivazione, della lavorazione e della vendita della cannabis e dei suoi derivati», la replica del ministro degli Interni non si fece aspettare, intimandone il ritiro perché non voleva “lo Stato spacciatore”. Tuttavia formalmente il Parlamento è indipendente dal governo, può insomma proporre leggi al di là dell’indirizzo dell’Esecutivo!

Ora però la maggioranza comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, resta esclusa dal governo solo +E. Si è così ritrovata nuova unità di intenti sul tema, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza. Tuttavia di partenza il neo segretario Zingaretti era contrario e aveva pure rimproverato Salvini di qualche accusa fuori luogo, tipo la chiusura dei “canapa shop”, che ad avviso del democratico era solo una sparata per guadagnare consenso. Il consenso, in Parlamento, ora potrebbe esserci per una liberalizzazione estrema.

Si è poi lanciata Vincenza Bruno Bossio nel disporre sulla coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati, focalizzata sulla cessione (leggi “spaccio”) tra maggiorenni e l’uso ricreativo. Si mette in coda col grillino Lello Ciampolillo che ne vuole legalizzare la coltivazione. Quella più interessante però forse è quella di altri democratici, tra cui in primis Nadia Ginetti, che partono dall’impiego farmaceutico e medico, con la scusa di un parere tecnico e scientifico, per approdare ai medesimi risultati di coltivazione e consumo. Toglie qualsiasi imbarazzo a questi tentativi di occultamento un ultimo democratico, Tommaso Cerno, il quale propone la rimozione di qualsiasi sanzione, penale o amministrativa che sia, della coltivazione/produzione «per fini non di lucro, per un consumo personale o collettivo, da praticare in luoghi deputati o in private abitazioni».

Non sappiamo che cosa ci dovremo aspettare da questo governo su tutti i principali problemi che affliggono l’Italia, non sappiamo nemmeno quanto durerà e se si limiterà a sudare qualche mese di feroci litigi o sarà una corsa appassionata alle elezioni del nuovo Presidente della Repubblica e poi alle elezioni del 2023, ma intuiamo che se il Parlamento decidesse di affrontare la liberalizzazione, l’unico dubbio sarebbe se trasformaci direttamente in un “canapa shop” o se diluirlo in più passaggi.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ultima dei sinistri: il sovranismo è una malattia!

      di Cominius. La malattia si chiama “sovranismo psichico”. E’ inguaribile? Forse no, e possiamo tirare un sospiro di sollievo, perché sembra che almeno una terapia farmacologica ci sia, e l’ha individuata Gilberto Corbellini, un pezzo da novanta del CNR: si chiama ossitocina. Segnatevela, se siete afferrati da un attacco grave magari il farmacista ve la dà pure senza ricetta. I sintomi? Ce li descrive autorevolmente il dizionario Treccani on line: è un atteggiamento mentale caratterizzato dalla difesa identitaria del proprio presunto spazio vitale (mi raccomando il presunto, sennò che pazzia sarebbe?). Leggi il seguito…

    • Intervista a Giulio Sapelli: “Il Mes? Va cambiato radicalmente. E non possiamo perdere l’Ilva”

      Intervista di Giuseppe Pica. “La discussione attorno alle modifiche da apportare a questo fondo va riaperta da subito: è giusto che ne discuta il Parlamento e, credo, prima o poi anche la Corte Costituzionale dovrà essere chiamata in causa”. Il professor Giulio Sapelli non usa mezzi termini quando si parla del MES e dell’iter da seguire in merito. L’Occidentale lo ha raggiunto per cercare di fare chiarezza su un tema tanto discusso. E non manca qualche accenno su Alitalia e ILVA. Leggi il seguito…

    • Europa: rinascita o morte? Intervista a Stanislaw Grygiel

      di Andrea Mariotto. Europa: rinascita o morte?” è il titolo di un incontro che il prof. Stanislaw Grygiel (filosofo, direttore della cattedra Karol Wojtyla al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II presso la Pontificia Università Lateranense a Roma) ha recentemente tenuto per la Scuola di Cultura Cattolica di Bassano del Grappa. È stata l’occasione per delineare i principali tratti della crisi del Vecchio continente, crisi che affonda le radici – prima ancora che nella politica – nella cultura e nella visione dell’uomo. A margine dell’incontro abbiamo potuto raccogliere qualche sua dichiarazione. Leggi il seguito…

    • Il MES lo conferma: non ci si può definire liberali e appoggiare il dirigismo dei tecnocrati Ue

      di Eugenio Capozzi. Il processo comunitario europeo, così come è maturato storicamente, ha realizzato, tra molte contraddizioni, un grado considerevole di libera circolazione di merci e persone, di scambi, di opportunità legate ad uno spazio economico e sociale governato da regole comuni. Ma non è possibile ignorare il fatto che sull’altro piatto della bilancia – soprattutto a partire dalla trasformazione della Cee in Ue – si trova un assetto dei poteri concentrato in un direttorio intergovernativo in cui vige un’enorme sproporzione tra gli Stati economicamente più forti e quelli più deboli. E che al potere assegnato ad organi come la Commissione e il Consiglio europeo corrisponde un insufficiente spazio concesso alla rappresentanza dei popoli europei, nonché un ruolo pallido e ambiguo del Parlamento: quello che ancora fino ad una quindicina di anni fa molti commentatori di area liberale e progressista chiamavano – giustamente – il “deficit democratico” delle istituzioni comunitarie Leggi il seguito…