Centrodestra di battaglia: “Insieme per dire No al Conte bis voluto da Bruxelles”

di l’Occidentale.

“In nome del popolo sovrano, elezioni subito”. Lo chiedono i manifestanti riuniti a piazza Montecitorio – stracolma come le piazze vicine dove sono stati installati maxi schermi per seguire l’evento – giunti per protestare contro la fiducia al governo Conte bis oggi alla Camera.

Dal palco allestito di fronte Montecitorio, intanto, parlano diversi esponenti di Fdi. “Questo è il nostro vaffa day contro i poltronari”, dicono.

Oltre a Giorgia Meloni, padrona di casa dell’iniziativa indetta proprio da Fratelli d’Italia, arriva anche Matteo Salvini, circondato da decine di cronisti, scavalcando le transenne che delimitano la Camera dal resto della piazza, dove manifestanti di Lega e Fdi sono da un paio d’ore per protestare contro il governo Conte bis. Boato dei manifestanti alla vista di Salvini.

“Salutiamo i poltronari chiusi in questo momento nel palazzo e che così hanno perduto ogni dignità. Vergogna per chi ha paura del voto e del giudizio degli elettori“.

Subito selfie, abbracci, baci e cenni d’intesa tra Giorgia Meloni e Giovanni Toti, leader di “Cambiamo”, sotto il palco di piazza Montecitorio, dove Fdi e Lega si sono dati appuntamento per manifestare contro il governo Conte bis. Il presidente della Regione Liguria, da poco fuoriuscito da Fi, non ha fatto mancare la propria presenza in piazza e poco prima dell’intervento della leader di Fdi si è intrattenuto con lei per qualche foto.

Non poteva mancare nella piazza contro il nascente Governo Conte 2, un riferimento polemico al ‘partito di Bibbiano’. Un gruppo di manifestanti regge con qualche difficoltà uno striscione di carta, sul quale campeggiano i simboli di Pd e M5s e la domanda: “D’accordo su Bibbiano?”

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il virus della paura globale

      di Marcello Veneziani. Paura, per ogni vittima del coronavirus ci sono mille vittime della paura del contagio. Sulla paura si fonda la politica, anche se dissimulata in altre vesti. Paura del fascismo, del comunismo, dell’invasore, del terrorismo. La paura della bomba atomica mosse i movimenti pacifisti. E il movimento ecologista di Greta Thunberg cos’è se non una variazione sulla paura della catastrofe ambientale e climatica? Ci sono paure nobili e paure indecenti, paure politically correct perché progressiste e paure inammissibili perché ritenute regressive? “Non abbiate paura” tuonò Papa Giovanni Paolo II agli inizi del suo glorioso e lungo pontificato. Dio sa quanto ce ne vorrebbe di coraggio e di esempi a non avere paura. Coraggio virile contro paura virale Leggi il seguito…

    • È magistero o no? Il groviglio del linguaggio sinodale

      di Stefano Fontana. Che rapporto c'è tra l'esortazione "Querida Amazonia" e il Documento dei padri sinodali? Ci è stato detto che la prima è magistero e il secondo no. Ma la prima chiede di applicare il secondo, quindi di renderlo vincolante. Il credente non può credere in qualcosa se non sa in cosa consista questo qualcosa. Eppure il nuovo quadro inquieta molto perché nell'incertezza fluida si inserisce di tutto. Leggi il seguito…

    • Caro Salvini, ci dispiace, ma sull’aborto si sbaglia

      di Benedetta Frigerio. Le parole del leader leghista sull'aborto come contraccezione hanno scatenato l'ira della Sinistra sebbene siano deboli: se la donna, come sostiene, ha diritto di scegliere, non si vede perché in alcuni casi non possa farlo. Non si comprende il perché di questa ambiguità ma se il problema è l'elettorato basta guardare a Trump. Se si vuole difendere la fede del Paese non si può farlo senza la ragione e la verità. Come ricorda la Madonna, che lui ama citare. Leggi il seguito…

    • Come l’Arizona sfida la dittatura del politicamente corretto nei college

      di Eugenio Capozzi. In Arizona il deputato repubblicano Anthony Kern ha appena presentato un progetto di legge che istituirebbe, in ogni università dello Stato, un “Office of public policy events” con il compito di assicurare il pluralismo e la libera espressione di opinioni differenti negli eventi di rilevanza politica organizzati dall’ateneo. Leggi il seguito…