Brigida, la copatrona d’Europa che ammoniva i papi

Ascolta le parole che dico, papa Gregorio XI. Perchè mi odi tanto? Perchè la tua audacia verso di me è così grande e la tua presunzione nei miei confronti così insopportabile? La tua corte mondana infatti rovina la mia corte celeste. Mi privi con orgoglio delle mie pecore… Ho tollerato con pazienza la tua nomina alla più alta carica della Chiesa, al sommo pontificato e ti ho reso note le mie volontà con lettere che ti sono state inviate da Roma e che erano frutto di una rivelazione divina… Tu fai sì che nel tuo cuore regnino una grande superbia, un’insaziabile cupidigia, un’abominevole lussuria, e il perniciosissimo abisso di un’orrida simonia. Come se non bastasse, benchè pastore e prelato di ogni mia pecora, tu rapisci e sottrai innumerevoli anime perchè mandi all’inferno quasi tutti coloro che si rivolgono al tuo cuore… Vieni, non con la superbia e la pompa che ti sono consuete, bensì con carità e umiltà. E dopo che sarai giunto [a Roma] estirpa, strappa, dissipa ogni vizio dal tuo cuore e scaccia da te il consiglio della carne, del sangue e degli amici mondani...”: sono alcuni passaggi di una rivelazione che Gesù stesso fa a santa Brigida di Svezia, invitandola a riportare le sue parole al pontefice dell’epoca, Gregorio XI.

Parole molto forti, che ci introducono a questa figura affascinante di santa medievale, che non ha perso d’attualità, se è vero come è vero che esattamente vent’anni orsono, il I ottobre 1999, Giovanni Paolo II la nominava co-patrona d’Europa, vedendo in Lei la donna che aveva riconosciuto chiaramente la malattia spirituale che la attraversava.

Proviamo a ripercorrere brevemente la vita di questa straordinaria figura, che stravolge molte delle convizioni dell’uomo e del cattolico contemporaneo, mostrando sia quale ruolo potessero avere le donne nella Chiesa di un tempo, sia quali grandi tradimenti possano compiere, verso Cristo, non solo i suoi ministri infedeli, che Brigida chiamava “demoni incarnati”, ma anche i suoi stessi vicari.

Brigida è stata anzitutto una mistica: già a sette anni e poi a dieci ella viene resa partecipe in modo straordinario della Passione di Gesù. Le viene fatto comprendere che “il dolore di Gesù è anche necessariamente il dolore di chi lo ama”. A quattordici anni Brigida viene data in sposa al principe di Nericia, Ulf Gudmarson: marito e moglie vanno ad abitare nel castello di Ulvasa. Avranno otto figli, tra cui una santa, Katerina di Svezia.

Sposa e donna di corte, Brigida rivela un animo nobile e generoso, che la porta a non dimenticare mai i poveri e i bisognosi, provvedendo per esempio alla dote per le ragazze povere, aiutando le prostitute ad uscire dalla loro condizione… Nel 1341 Brigida e il marito compiono insieme un pellegrinaggio a Santiago di Compostela, al ritorno dal quale Ulf si ritira in un monastero; Brigida lo assisterà, durante la malattia, sino alla morte.

Rimasta vedova, questa donna che ha conosciuto il mondo, diventa tutta di Dio: accompagnata dalle Rivelazioni, dona i suoi beni, fonda un monastero, e parte per Roma. E’ Cristo stesso a mandarla in missione nella città santa, desolata, in un tempo in cui il papa vive ad Avignone.

Il suo impegno è per riportare il vicario di Cristo nella sua sede naturale, e per ricondurlo sulla retta via.

Brigida agisce e parla con una forza e una parresia incredibili: di Clemente VI condanna pubblicamente la corruzione, e lo descrive come già “putrefatto”, pur essendo ancora vivo. Nella “sua” chiesa, le dice Gesù nelle Rivelazioni, “l’orgoglio sostituisce l’umiltà, l’ostinazione l’obbedienza, l’avidità di ricchezza la giustizia, l’ira e la malevolenza la misericordia, mentre chi la occupa [cioè il papa] non aspira ad altro che ad essere chiamato saggio e maestro secondo il metro umano”.

Con papa Urbano VI, Brigida non è meno attiva: lo stimola ad essere coraggioso, ma quando il pontefice, tornato per qualche tempo a Roma, decide di ripartire, ella lo affronta, faccia a faccia, riferendogli una profezia della Vergine: se lascerai Roma, morirai presto.

Ciononostante il 4 settembre del 1370 Urbano decide di prendere il mare, per la Provenza, ma già in novembre si ammala e il 10 dicembre muore. “La predizione di Brigida – scrive Lodovico Gatto, docente di storia medievale, nel suo Le grandi donne del medioevo – si era in tal modo avverata e pare che Urbano V, sul letto di morte, colpito dalla sorprendente coincidenza, facesse voto, ma invano, di ritornare sul suolo italiano in caso di guarigione”.

In una delle Rivelazioni, Maria dice a Brigida, riguardo a papa Urbano: “Mi volge le spalle, non mi guarda e pretende di allontanarsi da me, guidato come è dagli inganni dello spirito del male. In verità lo disgustano le opere divine e gode del benessere materiale. Del resto il Diavolo lo attira verso il diletto mondano… [ma] egli renderà conto a Dio: di ciò che ha fatto sul soglio pontificio e di ciò che ha omesso” (Rivelazioni, libro IV, 138).

Dopo Urbano VI, nel 1370 viene eletto Gregorio XI. Anche a lui, come abbiamo visto all’inizio, Brigida si rivolge con perentoria decisione. La Madonna le ha rivelato che il papa è “come un paralitico”, e che solo tante preghiere potranno smuoverlo. Brigida lo ammonisce più volte, direttamente o inviando le sue rivelazioni a cardinali e vescovi, affinchè le consegnino al pontefice. Arriva a scrivergli: “Proverai il bastone della giustizia di Dio! I giorni della tua vita saranno abbreviati! Sarai chiamato a giudizio!”.

A Brigida, in una delle tante rivelazioni, Gesù indica le radici stesse della corruzione che regna nella Chiesa: “Suo fondamento -le rivela- è la fede, e cioè il credere che io sono Giudice giusto e misericordioso. Ma ora è scavato il fondamento, perchè tutti mi credono e predicano misericordioso, però quasi nessuno predica e crede che io sono giusto Giudice. Essi mi ritengono quasi un giudice iniquo. Iniquo infatti sarebbe il giudice che per misericordia mandasse impuniti gli iniqui, sicchè opprimano ancora più i giusti”.

Nel 1371 Brigida parte in pellegrinaggio per Gerusalemme, sui luoghi della Passione e della Risurrezione di Cristo: sperimenta grandi tentazioni, preghiera e penitenza, prima di tornare a Roma, dove muore il 23 luglio 1373, senza aver visto il ritorno a Roma del papa.

Gregorio XI, tante volte ammonito da Brigida, tornerà definitivamente nella Città Santa 4 anni dopo, nel 1377, dopo aver subito le pressioni e gli ammonimenti di un’altra santa, cui Brigida ha preparato la strada: Santa Caterina da Siena.

Anche lei copatrona d’Europa; anche lei nella vita spedisce suppliche, ammonimenti privati e pubblici, lettere… ai papa dell’epoca, invitandoli all’umiltà, ad ascolatre i buoni consigli, a non eleggere cardinali diabolici, a non dare scandalo con scatti d’ira e mancanze di misericordia (Caterina da Siena, Le lettere di Santa Caterina da Siena, Edizioni Studio domenicano, Bologna, 1998, Vol. 2).

Anche Caterina, oltre che patrona d’Italia con san Francesco, è, come Brigida, copatrona d’Europa.

Da: La nuova Bussola

Per approfondire, a breve in libreria: https://www.edizionilavela.it/prodotto/la-donna-nel-tempo-una-storia-alternativa/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…

    • Domande alla Santa Sede dopo la violazione del Concordato

      di Gianfranco Amato. Perché la Santa Sede non ha denunciato la violazione del Concordato? Si intende farne cessare gli effetti per disapplicazione e desuetudine? Non è più interessata a quel particolare trattato internazionale? La grave inerzia di fronte alle violazioni del governo è dovuta ad una limitata conoscenza giuridica o ad una deliberata volontà? Sarebbe giusto comunicarlo ai fedeli, consapevoli delle conseguenze pratiche: la Santa Sede si ritiene ancora uno Stato indipendente? Leggi il seguito…

    • Dopo la pandemia

      di Marcello Veneziani. Per la prima volta la metà dell’umanità è stata chiusa in quarantena nelle proprie case, costretta alla solitudine, per un tempo piuttosto lungo, stravolgendo la sua vita subendo restrizioni mai registrate. Con un effetto catastrofico sulla vita sociale ed economica, produttiva e lavorativa, oltre che su tutte le attività scolastiche, culturali, ludiche, ricreative, gli spostamenti, il turismo, le relazioni e la vita affettiva. Fino a profilare una vera e propria mutazione antropologica, che sarà difficilmente riassorbita nel tempo. E che potrà determinare cambiamenti, mutamenti di visioni e di prospettive come non era finora accaduto. Allora cerchiamo di capire quali sono stati dal punto di vista geopolitico e geospirituale gli effetti che ha prodotto Leggi il seguito…