Trump: niente fondi se in ospedale si abortisce

di Stefano Magni.

Nel maggio 2018 il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, aveva presentato una nuova norma contro il finanziamento pubblico dell’aborto. Adesso inizia ad essere implementata: per accedere ai fondi del programma Titolo X (cura della famiglia) dovranno separare, fisicamente e amministrativamente, i loro servizi relativi all’aborto.

Nel maggio 2018 il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, aveva presentato una nuova norma contro il finanziamento pubblico dell’aborto. Dopo aver re-istituito la Mexico City Policy, che pone fine al finanziamento delle Ong che praticano o informano sull’aborto all’estero, la nuova legge, poi passata nel febbraio del 2019, riguarda le organizzazioni nazionali americane, dagli ospedali fino alle piccole cliniche. Per accedere ai fondi del programma Titolo X (per la cura della famiglia, un programma da 260 milioni all’anno, che interessa 4 milioni di donne, in media) dovranno separare, fisicamente e amministrativamente, i loro servizi relativi all’aborto. Da venerdì, la Casa Bianca ha fissato una tabella di marcia per tutte le cliniche americane: dovranno adeguarsi alla nuova normativa entro il mese di marzo 2020.

La nuova legge ha suscitato un vespaio di polemiche, tanto che la sua implementazione, decisa di fatto solo questo fine settimana, è già una notizia. Pur con una causa in corso al tribunale di San Francisco e Planned Parenthood che minaccia di ritirarsi dal programma Titolo X , l’amministrazione ha preferito procedere, dimostrando ancora una volta come ritenga il diritto alla vita una sua priorità.

Il motivo fondamentale dell’introduzione di questa nuova norma nazionale è fiscale, oltre che etico. Negli Usa, la sentenza Roe vs. Wade ha reso legale l’aborto in tutta la federazione, ma non lo ha reso “pubblico”. I privati possono pagare l’aborto, aiutati da associazioni volontarie come Planned Parenthood, ma i cittadini, fra cui anche i cattolici e tutti coloro che si oppongono all’aborto, non devono essere obbligati a pagare le tasse per “l’interruzione di gravidanza” o per “la salute riproduttiva”, o altre formule con cui viene mimetizzata la parola “aborto”. L’Obamacare, nella sua prima versione, aveva suscitato polemiche proprio perché introduceva, in modo indiretto, fondi pubblici per l’aborto, obbligando i cittadini ad assicurarsi a polizze che includevano anche quel servizio, oltre alla contraccezione. Ma anche se la versione definitiva dell’Obamacare esclude quel servizio, ci sono molti modi per reintrodurre nel pubblico ciò che è privato, indirettamente, con fondi pubblici che vanno a ospedali e cliniche che poi, all’interno delle loro strutture, praticano anche l’aborto.

La nuova legge serve proprio ad evitare questi equivoci. Non solo la condizione di un ospedale per ricevere fondi pubblici sarà quella di non ricoverare più donne per interventi abortivi all’interno della loro struttura, ma i consultori per l’interruzione di gravidanza dovranno essere considerati “pratiche opzionali” e non più “pratiche standard” e solo alcuni membri del personale specificamente designati potranno discuterne con le pazienti. Planned Parenthood, nella sua protesta, già a febbraio rispondeva in modo eloquente, per bocca dell’allora presidente Leana Wen: “Immaginate se l’amministrazione Trump vieti ai dottori di parlare di insulina ai loro pazienti affetti da diabete”. E con questo Planned Parenthood, la più grande organizzazione americana che promuove e pratica l’aborto, dimostra ancora una volta di considerare i bambini nascituri come una malattia.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…