Trump: niente fondi se in ospedale si abortisce

di Stefano Magni.

Nel maggio 2018 il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, aveva presentato una nuova norma contro il finanziamento pubblico dell’aborto. Adesso inizia ad essere implementata: per accedere ai fondi del programma Titolo X (cura della famiglia) dovranno separare, fisicamente e amministrativamente, i loro servizi relativi all’aborto.

Nel maggio 2018 il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, aveva presentato una nuova norma contro il finanziamento pubblico dell’aborto. Dopo aver re-istituito la Mexico City Policy, che pone fine al finanziamento delle Ong che praticano o informano sull’aborto all’estero, la nuova legge, poi passata nel febbraio del 2019, riguarda le organizzazioni nazionali americane, dagli ospedali fino alle piccole cliniche. Per accedere ai fondi del programma Titolo X (per la cura della famiglia, un programma da 260 milioni all’anno, che interessa 4 milioni di donne, in media) dovranno separare, fisicamente e amministrativamente, i loro servizi relativi all’aborto. Da venerdì, la Casa Bianca ha fissato una tabella di marcia per tutte le cliniche americane: dovranno adeguarsi alla nuova normativa entro il mese di marzo 2020.

La nuova legge ha suscitato un vespaio di polemiche, tanto che la sua implementazione, decisa di fatto solo questo fine settimana, è già una notizia. Pur con una causa in corso al tribunale di San Francisco e Planned Parenthood che minaccia di ritirarsi dal programma Titolo X , l’amministrazione ha preferito procedere, dimostrando ancora una volta come ritenga il diritto alla vita una sua priorità.

Il motivo fondamentale dell’introduzione di questa nuova norma nazionale è fiscale, oltre che etico. Negli Usa, la sentenza Roe vs. Wade ha reso legale l’aborto in tutta la federazione, ma non lo ha reso “pubblico”. I privati possono pagare l’aborto, aiutati da associazioni volontarie come Planned Parenthood, ma i cittadini, fra cui anche i cattolici e tutti coloro che si oppongono all’aborto, non devono essere obbligati a pagare le tasse per “l’interruzione di gravidanza” o per “la salute riproduttiva”, o altre formule con cui viene mimetizzata la parola “aborto”. L’Obamacare, nella sua prima versione, aveva suscitato polemiche proprio perché introduceva, in modo indiretto, fondi pubblici per l’aborto, obbligando i cittadini ad assicurarsi a polizze che includevano anche quel servizio, oltre alla contraccezione. Ma anche se la versione definitiva dell’Obamacare esclude quel servizio, ci sono molti modi per reintrodurre nel pubblico ciò che è privato, indirettamente, con fondi pubblici che vanno a ospedali e cliniche che poi, all’interno delle loro strutture, praticano anche l’aborto.

La nuova legge serve proprio ad evitare questi equivoci. Non solo la condizione di un ospedale per ricevere fondi pubblici sarà quella di non ricoverare più donne per interventi abortivi all’interno della loro struttura, ma i consultori per l’interruzione di gravidanza dovranno essere considerati “pratiche opzionali” e non più “pratiche standard” e solo alcuni membri del personale specificamente designati potranno discuterne con le pazienti. Planned Parenthood, nella sua protesta, già a febbraio rispondeva in modo eloquente, per bocca dell’allora presidente Leana Wen: “Immaginate se l’amministrazione Trump vieti ai dottori di parlare di insulina ai loro pazienti affetti da diabete”. E con questo Planned Parenthood, la più grande organizzazione americana che promuove e pratica l’aborto, dimostra ancora una volta di considerare i bambini nascituri come una malattia.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

      di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

    • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

      di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…

    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…