Sovranismo e patria

Dottrina Sociale di Stefano Fontana.

Papa Francesco è intervenuto qualche giorno fa sul tema del “sovranismo” con un intervento piuttosto problematico. In tutt’altro modo aveva affrontato il tema Giovanni Paolo II nel suo libro Memoria e identità (Rizzoli, Milano 2005). Qui il tema della nazione, della patria e della identità è collocato in un quadro di storia della salvezza di grande respiro e non appiattito sugli slogan del momento. Il quadro è quello della caduta e della redenzione, della filosofia del male e della filosofia del bene. La nazione e la patria si reggono su una memoria storica e valoriale. Secondo Giovanni Paolo II il termine patria deriva da “pater” e rimanda quindi alla paternità degli antenati nei nostri confronti, al fatto che la nazione ci è patria in modo non uguale ma simile a come ci sono padri e madri i nostri genitori, al punto che egli poteva dire di essere “figlio della Polonia”.

Secondo lui il fondamento dei diritti alla identità di nazione è costituito dal quarto comandamento: onora il padre e la madre. Anche la nazione va onorata come si onorano i genitori. Infatti l’educazione che l’uomo fa propria dentro la densità della cultura della propria nazione è una prosecuzione della generazione.

Fondamentale, quindi, per esercitare l’amore di patria è la memoria che crea identità quando è portatrice di verità. La religione cristiana ha animato la memoria dei popoli cristiani, non disprezzando la dimensione nazionale e identitaria, ma riempiendola di verità dall’interno. La rivelazione cristiana si è sempre rivolta alle persona ma anche alle nazioni. La storia della salvezza è fatta di singole persone ed anche di popoli e di un popolo in particolare. La storia della Polonia, che nel libro viene richiamata, è significativa in questo senso.

L’ultimo capitolo del libro è di rara profondità. Vi si fa riferimento a Maria e alla sua memoria: “Conservava queste cose nel suo cuore”. La memoria di Maria è la memoria materna della Chiesa, la Tradizione, da cui nasce la sua essenziale identità. Ma la memoria della Chiesa conserva dentro di sé anche la memoria dell’uomo: “La Chiesa è madre che, a somiglianza di Maria, serba nel cuore la storia dei suoi figli”, conservando cosa l’uomo doveva essere in principio e trasmettendolo a tutte le nazioni. La Chiesa non si oppone alla memoria e alle identità, anzi essa conserva in sé la memoria salvifica di cosa era l’uomo nell’originario progetto di Dio e fa memoria di questa storia.

Tutto il discorso si innesta quindi nell’azione drammatica – storica e cosmica nello stesso tempo – della caduta e della redenzione, perché questa è la memoria della Chiesa, la memoria che essa infonde in quella delle nazioni. Con il peccato originale l’uomo era rimasto solo, autore di se stesso e signore della propria storia. Sono nate così le ideologie del male, ancora persistenti nella nostra società come “lo sterminio legale degli esseri umani concepiti e non ancora nati”. Solo la misura del bene immesso nella storia dalla venuta di Cristo può contrastare queste ideologie del male. Con la sua resurrezione, Egli ha rivelato “la giusta misura del bene inteso da Dio all’inizio della storia umana”, ha reso possibile la memoria, l’unica memoria veramente decisiva per l’unica identità veramente decisiva, quella cristiana. Memoria di come stavano le cose “in principio” che diventa misura di come dovrebbero essere, ossia guida per la vita. In questa memoria trovano spazio anche le memorie dei popoli, delle nazioni e delle patrie. Ecco lo stretto legame che collega il cristianesimo con le nazioni e che nella storia passata, le “nazioni cristiane” come la Polonia hanno realizzato, pur con le debolezze e gli errori dovuti alla situazione umana.

Molti aspetti del pensiero moderno negano la caduta dell’uomo col peccato originale e non ammettono il dramma della caduta e della redenzione. Considerano ancora che l’uomo sia solo, creatore e salvatore di se stesso. Nascono così le ideologie universalistiche e, possiamo dire oggi con un termine che Giovanni Paolo II ancora non poteva usare, globaliste. Esse negano la memoria delle nazioni e la dimensione naturale delle “patrie”. Vogliono uomini soli e privi di identità nazionali. Nazioni prive della loro memoria non possono essere nemmeno portatrici della memoria della Chiesa, quella che Maria coltivava nel suo cuore.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…