Padre Bonello: non svuotiamo la croce di Cristo

L’Argentina di Josè Mario Bergoglio è anche la patria di una Famiglia religiosa, l’Istituto del Verbo Incarnato (IVE), che da diversi anni vive una staordinaria fioritura: crescono le vocazioni religiose maschili e femminili, nascono sempre nuovi gruppi di famiglie, fervono le attività culturali e caritatevoli.

Incontriamo Padre Andrés Bonello, sacerdote argentino dell’Istituto, qualche giorno prima del raduno mondiale che la sua famiglia religiosa terrà a Roma, dal 30 luglio al 3 agosto.

Padre Andrés come è nata la sua vocazione?

Avevo 17 anni quando sono entrato al seminario minore dell’Istituto in Argentina, nella città di San Rafael, Mendoza. Ho scelto il Verbo Incarnato perché è un istituto di vita religiosa di forte impronta missionaria e mariana. Oggi, per grazia di Dio siamo presenti nei 5 continenti, e professiamo un quarto voto mariano, secondo lo spirito di san Luigi Maria Grignon di Montfort.

Nel 1984 nasce il ramo maschile; nel 1988 il ramo femminile, l’Istituto “Serve del Signore e della Vergine di Matarà”, in allusione ad un’ umile città del nord argentino, dove fu scoperta una croce con dei simboli catechetici con cui venivano evangelizzati gli indios della zona.

Avete anche tante giovani suore…

Sì, le suore sono presenti nei 5 continenti e attualmente contano circa 1.200 membri; nel ramo maschile siamo circa 900, di cui 450 sono sacerdoti.

Il carisma, con approvazione di diritto diocesano, nel 2004, da parte di Monsignore Andrea M. Erba, consiste nel riprodurre, in noi religiosi e nei nostri terziari laici, il mistero dell’Incarnazione, vivendo le virtù dell’annientamento di Cristo, imitando la sua vita nascosta in Maria con il quarto voto e nella scelta dei luoghi di missione. Preferiamo quelli più abbandonati: è regola nostra andare anzitutto lì dove nessuno vuole andare.

Le famose “periferie esistenziali”?

Sì, effettivamente siamo presenti nella striscia di Gaza (l’unica parrocchia cattolica è quella gestita dai nostri padri e suore), in Iraq, in Siria (proprio ad Aleppo), dove suor Maria Guadalupe ha avuto l’impegno di diffondere la verità sulla situazione di persecuzione dei cristiani, ricevendo anche molta attenzione in Italia.

Siamo anche presenti in Tagikistan (missio sui iuris affidata direttamente da Papa Giovanni Paolo II), Kazakistan, Russia, Egitto, Tunisia, Giordania, Russia, Ucraina, Filippine, Cina, Papua Nuova Guinea, Australia, Tanzania, Lituania, Stati Uniti, Brasile, Peru, Cile, Ecuador, Canada. Anche in Italia, Spagna, Francia, Germania, Olanda, Scozia, Albania, Grecia.

Quali i vostri obiettivi?

Il fine specifico è l’evangelizzazione della cultura. Ad imitazione del mistero dell’Incarnazione dove in Cristo si uniscono in modo indissolubile la natura Divina e la natura umana, cerchiamo di elevare ogni realtà umana al Vangelo. Assumiamo tutto ciò che è autenticamente umano affinché sia anche pieno della grazia soprannaturale. Il fine è far sì che ogni uomo sia “come una nuova incarnazione del Verbo”.

Chiediamo due grazie in modo speciale per il nostro Istituto: la povertà e la persecuzione. Il motivo è che anzitutto sono due beatitudini insegnate da Cristo, per le quali bisogna gioire. Ma in modo particolare perché sono le due beatitudine che ci fanno dipendere esclusivamente da Dio.

Avete molto successo con i giovani…

E’ vero. Il fatto stupisce anche noi. Alcuni anni fa, con la collaborazione di suore e seminaristi abbiamo iniziato le “Giornate di Formazione” per i giovani. Sono 8 giorni molto intensi in cui si offrono loro formazione apologetica tramite delle conferenze, e formazione spirituale attraverso forti momenti di preghiera, adorazione, Santa Messa, direzione spirituale, confessioni e diverse pratiche spirituali. Tutto però nell’ ambito di un grande clima di allegria attraverso momenti di ricreazione, in mezzo a canti e giochi.

L’intensità di queste giornate ha fatto sì che dai 15 giovani presenti alla prima edizione, nel 2012, si sia passati ad alcune centinaia che partecipano da tutta l’Italia. Un nutrito numero di loro partecipa anche al gruppo “Voci del Verbo”, con il quale cerchiamo di mantenere lo spirito di queste giornate e portarle alla pratica concreta dell’apostolato. Abbiamo poi esportato lo stesso format in Albania e Spagna, con una partecipazione ancora maggiore. A breve partiremo in Ucraina…

Cosa attrae i giovani?

Paul Claudel diceva che “la gioventù non è fatta per il piacere ma per l’eroismo”. Quando al nostro fondatore chiedevano come mai vi erano tante vocazione nel nostro Istituto, lui rispondeva sempre che è perché qui “non svuotiamo la croce di Cristo”. La nostra famiglia religiosa è molto legata agli scritti del padre italiano Cornelio Fabbro, quello che in Italia ha fatto conoscere il filosofo danese Søren Aabye Kierkegaard: anche Kierkegaard, nell’Ottocento, invitava i cristiani a non “borghesizzare” Gesù Cristo, a non anestetizzare la forza del messaggio evangelico.

Ai giovani proponiamo impegno, sforzo nella ricerca della Verità, un modo di vivere diverso da quello “facile” e mondano che di solito gli viene offerto. I giovani amano mettersi in gioco per ciò che è grande, anche se comporta sacrifici. Essere alla moda può sembrare più facile, ma alla fine non attare, non tocca in profondità la mente e il cuore.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    • Il disagio di dirsi italiani

      di Marcello Veneziani. Confesso che mi trovo a disagio a vivere in questa fase nel nostro Paese, che esito a chiamare Italia; mi vergogno nel vedere questo spettacolo di saltimbanchi e di cialtroni vendicativi e giustificarlo col suo rovescio, che è finita l’epoca dell’odio e della cattiveria, ora arrivano i buoni e l’umanità. Confesso che mi vergogno da italiano nel vedermi rappresentato all’estero da un avvocato saltafossi, venuto dal vaffanculismo e approdato al paraculismo, premier nel vaniloquio e nelle citazioni farlocche per far capire in mezzo a tanti ignoranti che lui ha studiato; e cita ovvietà sconcertanti, del tipo “Hannah Arendt dice che in politica esistono i pregiudizi”. La banalità del tale… Leggi il seguito…

    • Ora la politica torni ad essere “di parola”!

      di Carlo Mascio. Ecco, ora più che mai, a bocce quasi ferme, una riflessione dovrebbe sorgere spontanea: in politica che fine ha fatto il “potere della parola”? E si, perché praticamente tutti, ma proprio tutti, in questa pazza crisi agostana hanno dovuto rimangiarsi parole o dichiarazioni pronunciate su questo o quel partito o su questa o quella persona. Ma la missione della politica richiede una precondizione necessaria da rispettare: garantire una coerenza tra ciò che si promette e ciò che si realizza. La fiducia (e dunque il consenso) fiorisce solo (e bene) in questo processo: coerenza tra parole e fatti. Tutto questo perché le parole hanno un valore e, quando vengono pronunciate, producono sempre un effetto e molte volte questo effetto è la fiducia da parte di chi ascolta. Ecco perché a chi fa politica sono richieste, a maggior ragione, chiarezza e sincerità, fino in fondo. Leggi il seguito…

    • Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

      di Giulio Sibona. Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.