La democrazia al contrario: le sconfitte fanno andare al governo. Siamo in Italia

di Francesco Storace.

Lotteria Italia. Con la differenza che lì incassi se vinci. Qui, in politica, basta che perdi. È un film davvero brutto quello che nel copione di oggi prevede alle 15 le bordate di Giuseppe Conte contro Matteo Salvini nell’aula del Senato.

Conte, che non ha mai vinto una elezione, anche perché le ha sdegnosamente scansate nella sua vita; Salvini che ha vinto tutte quelle più recenti; nel duello vincerà chi perde. E si infileranno i grillini scornati dagli elettori ogni volta che entrano nelle urne al pari di quel Pd con cui vorrebbero fare un governo. A Conte basta restare a palazzo Chigi o andare in Europa. Si accontenta di poco, l’avvocato del popolo e degli affari suoi.

Salvini ai Rapporti col Parlamento…

Certo che non è normale il momento che stiamo vivendo. Il governo si scassa malamente e non possiamo andare a votare. Nel tutti contro uno c’è spazio persino per il recupero degli ingenti resti di Matteo Renzi. Quasi quasi sarebbe da auspicare un trasloco di Salvini al ministero per i Rapporti col Parlamento: le bombe contro la legislatura sarebbe ancora più efficaci…

Eppure, l’opinione del popolo è abbastanza nota, anche al presidente Mattarella. Al Quirinale non devono certo leggere i sondaggi per capire qual è l’umore degli italiani. Si è votato praticamente ogni mese o ogni due, da marzo 2018 a oggi, e il responso è stato sempre quello. Lega in gran spolvero, Fdi in buona crescita, Pd, Cinquestelle e Forza Italia in crisi di numeri. E Pd, Cinquestelle e Fi dovrebbero fare il nuovo governo? Con l’aggiunta di Leu se gli azzurri dovessero risultare troppo indigesto?

I dubbi sono presenti in queste ore anche al Colle. E per questo gli interlocutori di Mattarella si sentono dire sempre più spesso “o si fa una cosa seria, spiegabile agli italiani, o è meglio votare”.

Al governo quelli che perdono sempre

Le elezioni politiche del marzo 2018 hanno rappresentato uno spartiacque. Sono state le ultime del vecchio mondo, con la crescita impetuosa e mai più ripetibile dei Cinquestelle. Poi, da allora, una serie impressionante di verdetti popolari, praticamente tutti nella stessa direzione. In Friuli Venezia Giulia come in Abruzzo; in Molise come in Piemonte; in Trentino Alto Adige come in Basilicata; in Sardegna come poi in tutta Italia per le elezioni europee non c’è stato un solo turno elettorale di rilievo che abbia fatto esultare il Pd. O rianimare i grillini. Eppure, dovrebbero governare assieme l’Italia. Alla faccia degli italiani, dunque.

In effetti, che del voto popolare se ne infischino lo abbiamo visto recentemente anche a Strasburgo. L’Europa ha punito direttamente gli italiani posizionando sulla poltrona più alta di quel Parlamento David Sassoli. Ovvero, l’esponente del partito più schiaffeggiato dal nostro popolo. È stata la cosiddetta coalizione Ursula, quella che il redivivo Romano Prodi – mani nei capelli, per favore! – vorrebbe scodellare anche per governare l’Italia.

E i grillini ci stanno perché sono terrorizzati dai sondaggi che li danno a percentuali di una sola cifra. Sì, costoro sono davvero attaccati alle poltrone. E non sono nemmeno capaci di nascondere la loro fiera avversione al rischio di dover andare a lavorare.

Fonte: Secolo d’Italia

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…