La democrazia al contrario: le sconfitte fanno andare al governo. Siamo in Italia

di Francesco Storace.

Lotteria Italia. Con la differenza che lì incassi se vinci. Qui, in politica, basta che perdi. È un film davvero brutto quello che nel copione di oggi prevede alle 15 le bordate di Giuseppe Conte contro Matteo Salvini nell’aula del Senato.

Conte, che non ha mai vinto una elezione, anche perché le ha sdegnosamente scansate nella sua vita; Salvini che ha vinto tutte quelle più recenti; nel duello vincerà chi perde. E si infileranno i grillini scornati dagli elettori ogni volta che entrano nelle urne al pari di quel Pd con cui vorrebbero fare un governo. A Conte basta restare a palazzo Chigi o andare in Europa. Si accontenta di poco, l’avvocato del popolo e degli affari suoi.

Salvini ai Rapporti col Parlamento…

Certo che non è normale il momento che stiamo vivendo. Il governo si scassa malamente e non possiamo andare a votare. Nel tutti contro uno c’è spazio persino per il recupero degli ingenti resti di Matteo Renzi. Quasi quasi sarebbe da auspicare un trasloco di Salvini al ministero per i Rapporti col Parlamento: le bombe contro la legislatura sarebbe ancora più efficaci…

Eppure, l’opinione del popolo è abbastanza nota, anche al presidente Mattarella. Al Quirinale non devono certo leggere i sondaggi per capire qual è l’umore degli italiani. Si è votato praticamente ogni mese o ogni due, da marzo 2018 a oggi, e il responso è stato sempre quello. Lega in gran spolvero, Fdi in buona crescita, Pd, Cinquestelle e Forza Italia in crisi di numeri. E Pd, Cinquestelle e Fi dovrebbero fare il nuovo governo? Con l’aggiunta di Leu se gli azzurri dovessero risultare troppo indigesto?

I dubbi sono presenti in queste ore anche al Colle. E per questo gli interlocutori di Mattarella si sentono dire sempre più spesso “o si fa una cosa seria, spiegabile agli italiani, o è meglio votare”.

Al governo quelli che perdono sempre

Le elezioni politiche del marzo 2018 hanno rappresentato uno spartiacque. Sono state le ultime del vecchio mondo, con la crescita impetuosa e mai più ripetibile dei Cinquestelle. Poi, da allora, una serie impressionante di verdetti popolari, praticamente tutti nella stessa direzione. In Friuli Venezia Giulia come in Abruzzo; in Molise come in Piemonte; in Trentino Alto Adige come in Basilicata; in Sardegna come poi in tutta Italia per le elezioni europee non c’è stato un solo turno elettorale di rilievo che abbia fatto esultare il Pd. O rianimare i grillini. Eppure, dovrebbero governare assieme l’Italia. Alla faccia degli italiani, dunque.

In effetti, che del voto popolare se ne infischino lo abbiamo visto recentemente anche a Strasburgo. L’Europa ha punito direttamente gli italiani posizionando sulla poltrona più alta di quel Parlamento David Sassoli. Ovvero, l’esponente del partito più schiaffeggiato dal nostro popolo. È stata la cosiddetta coalizione Ursula, quella che il redivivo Romano Prodi – mani nei capelli, per favore! – vorrebbe scodellare anche per governare l’Italia.

E i grillini ci stanno perché sono terrorizzati dai sondaggi che li danno a percentuali di una sola cifra. Sì, costoro sono davvero attaccati alle poltrone. E non sono nemmeno capaci di nascondere la loro fiera avversione al rischio di dover andare a lavorare.

Fonte: Secolo d’Italia

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Covid, se i fanatici dell’autodeterminazione ora tifano per il Tso

      di Claudia Passa. “Fare il medico significa anche preoccuparsi per quei due terzi di italiani che non stanno socializzando e sono divisi a metà: ci sono quelli ricchi che stanno a Sankt Moritz, Cortina o a Forte dei Marmi nelle seconde case a fare l’homeworking e poi l’altra metà bloccata in casa a Lorenteggio, o in qualche altro quartiere periferico, impaurito e senza aria condizionata perché qualcuno gli ha detto che se esce muore”. Leggi il seguito…

    • Regno Unito e Belgio, battute d’arresto per l’aborto

      di Luca Volonté. Nel Regno Unito sono naufragati gli emendamenti che miravano a depenalizzare completamente l’aborto e liberalizzare permanentemente l’aborto domestico nei casi di abusi. E intanto la Corte d’Appello ha deciso di accogliere un ricorso di Christian Concern. Sospiro di sollievo anche in Belgio, dove fallisce il progetto di estendere a 18 settimane il tempo per uccidere i bambini in grembo. Leggi il seguito…

    • Il Covid e la propaganda terroristica: ecco la prova della malafede

      di Claudia Passa. La prova della malafede sta nel modo con il quale vengono forniti i dati. Se si parla degli Stati Uniti si insiste sulle cifre assolute omettendo il fatto che la popolazione americana è cinque volte quella italiana e che, prendendo un parametro statisticamente più valido come ad esempio il numero di decessi per milione di abitanti, il nostro Paese sopravanza gli States di Donald Trump di oltre il 50 per cento (per non parlare del confronto col Brasile di Jair Bolsonaro). Leggi il seguito…

    • Trump smaschera (finalmente) la furia iconoclasta dei “fascisti di sinistra”

      di Corrado Ocone. Il nostro è un tempo di guerra, all’interno del nostro stesso mondo. Un nuovo Kulturkampf, una “guerra culturale” fra due opposte concezioni: una che pretende di conquistare l’egemonia delle idee, dei miti, dei simboli, dell’immaginario, e quindi di quella che nell’epoca della rivoluzione cognitiva è la più importante risorsa, il capitale intellettuale, da cui l’economico e il sociale per molti versi discendono; l’altra, che, in modo a volte contraddittorio e confuso, e comunque in maniera diversa a seconda dei contesti e delle latitudini, reagisce alla prima in nome di quel bagaglio di idee e valori che, pur sempre in movimento, costituiscono la potente eredità ricevuta dai nostri padri. Leggi il seguito…