Il Verbo Incarnato: una famiglia religiosa in festa

Dal 30 luglio  al 3 agosto si è svolto a Roma l’Ive Meeting, cioè il raduno internazionale della famiglia religiosa del Verbo Incarnato. Di origine argentina, il Verbo Incarnato è una comunità con moltissime giovani vocazioni, maschili e femminili, che predilige la missione nei luoghi più difficili, nelle “periferie esistenziali”, materiali e spirituali, dal quartiere Zen di Palermo alla striscia di Gaza, da Betlemme ad Aleppo… La straordinaria capacità di attrazione dei religiosi dell’Ive deriva certamente da uno spirito molto “latino” che sa conciliare allegria, gioco e devozione popolare: il torinese don Bosco con il suo oratorio e il napoletano sant’Alfonso de Liguori, con i suoi canti e la sua teologia morale, chiara ma non rigorista, sono due santi particolarmente stimati e imitati.

Ma ad una squisi ta semplicità, ad uno spirito di povertà evidente a chi abbia visitato qualche volta le loro case e i loro conventi, si unisce una profonda attenzione alla cultura, alla filosofia e all’attualità. Di qui, per esempio, il grande lavoro della casa editrice EDIVI, specializzata soprattutto nelle edizioni critiche di un acutissimo teologo italiano del Novecento, il padre Cornelio Fabro (1911-1995), per anni presidente della Società Internazionale San Tommaso d’Aquino e fondatore del primo istituto europeo di Storia dell’Ateismo. Filosofo e teologo di enorme spessore, oltre che appassionato calciatore ed amorevole pastore, Fabro è noto al grande pubblico per essere stato il principale scopritore e valorizzatore del filosofo danese Soren Kierkegaard. Le traduzioni e i commenti di Fabro hanno permesso a milioni di persone di apprezzare questo originale pensatore, nato in un paese protestante, eppure critico verso le chiese di stato luterane e  per molti aspetti evidentemente filo cattolico.

Kierkegaard, annota il Fabro, ha saputo colpire “l’errore hegeliano e riprendere il realismo greco-cristiano e ristabilire la centralità dell’Assoluto e il momento decisivo della libertà come scelta assoluta dell’Assoluto” ( C. Fabro, L’uomo e il rischio di Dio, Edivi, Segni, 2014). Kierkegaard ebbe effettivamente il coraggio di sfidare il suo secolo, l’Ottocento, che con Hegel, Marx, il positivismo ecc. impose  una visione filosofica immanentista, capace di preparare le devastazioni del Novecento. All’immanentismo, idealista e materialista, che distrugge l’unicità del Singolo, annulla l’uomo sciogliendolo in una fantomatica ed astratta Umanità, e considera la storia il luogo in cui si realizza un processo necessario e automatico di autoredenzione progressiva, K. oppose il singolo che assume consistenza, libertà, senso, non davanti all’io o al mondo, o a fumosi sogni ideologici, ma solo “davanti a Dio”.

Da: https://loccidentale.it/ive-una-comunita-al-servizio-delle-periferie-umane/

Qui alcuni video:

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…