Il governo trenta denari non si farà. Bisogna solo decidere quando si vota

di Francesco Storace.

Manovrate quanto volete, ma mai come stavolta è Mattarella ad avere le carte in mano. E sa già quali domande porre ai suoi interlocutori non appena si apriranno le consultazioni formali, oltre a quelle informali già in corso.

Oggi al Senato i capigruppo che non vogliono votare faranno di tutto per mettere i bastoni tra le ruote a chi chiede di dare la parola al popolo sovrano. Ma o per la mozione di sfiducia o per eventuali dimissioni dei ministri della Lega è al Colle che si sta per andare a finire. La devozione di Conte a Santa Maria del Rancore non lo aiuterà a risorgere. Sta giocando malissimo il suo ultimo tempo.

Questione di giorni

Lo scioglimento del Parlamento è solo questione di giorni, non si illudano. È un percorso che un politico di lungo corso come il Presidente della Repubblica conosce bene. Mattarella sa già che da due partiti avrà la stessa risposta. Matteo Salvini e Giorgia Meloni gli diranno che vogliono le elezioni anticipate.

Poi, i commedianti. Sarà giocoforza chiedere al Pd in quanti sono, viste le incredibili uscite di Matteo Renzi. Che faranno i capigruppo renziani in delegazione con Zingaretti? Si metteranno di traverso al segretario mentre questi dice a Mattarella che non ci sono le condizioni per un nuovo governo?

E quando il capo dello Stato si troverà di fronte Berlusconi potrà evitare di chiedergli se se la sente di far parte di una maggioranza con Di Maio? E a Di Maio, glielo chiederà Mattarella se è pronto a governare assieme a Berlusconi?

Da Mattarella il game over

Ma di che cosa stiamo parlando, a meno che non si voglia far nascere un governo burletta, un governo trenta denari. Sarà proprio Mattarella a pronunciare il fatidico game over.

Ci mancava pure Beppe Grillo a dire che si può cambiare qualcosa…. L’unica modifica che dovete fare è al reddito di cittadinanza. Datelo anche ai parlamentari che tornano a casa così la finite di frignare. Trenta denari al mese, non di più perché il vostro attaccamento alla poltrona non merita generosità immotivata.

Non hanno senso le manovre messe in campo – messe in scena – per screditare sempre di più un partito come il Pd, dove eleggono un segretario, Zingaretti, ma le decisioni vuole prenderle quello che hanno cacciato, Renzi, con i parlamentari che non sanno a chi dei due dare retta.

Il governo degli impossibili

Ecco perché più di qualcosa ci dice che contrariamente a quel che si vuol far credere, Mattarella non sia affatto convinto di favorire manovre boomerang. Il governo degli impossibili è fuori da ogni cultura istituzionale: distruggerebbero l’Italia schiaffeggiandosi più di prima.

Ne prendano atto il prima possibile anche oggi a Palazzo Madama. Non c’è da tirarla troppo per le lunghe questa storia del voto sulla mozione di sfiducia al governo. Anche perché è davvero curioso che nelle stanze della Camera alta ci sia chi sostiene che non si deve votare per far scornare tra di loro Lega e Cinquestelle. Ma che democrazia sarebbe quella che rifiuta di votare sì o no alla permanenza in carica di un governo…..

Fonte: Secolo d’Italia

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…