Il governo trenta denari non si farà. Bisogna solo decidere quando si vota

di Francesco Storace.

Manovrate quanto volete, ma mai come stavolta è Mattarella ad avere le carte in mano. E sa già quali domande porre ai suoi interlocutori non appena si apriranno le consultazioni formali, oltre a quelle informali già in corso.

Oggi al Senato i capigruppo che non vogliono votare faranno di tutto per mettere i bastoni tra le ruote a chi chiede di dare la parola al popolo sovrano. Ma o per la mozione di sfiducia o per eventuali dimissioni dei ministri della Lega è al Colle che si sta per andare a finire. La devozione di Conte a Santa Maria del Rancore non lo aiuterà a risorgere. Sta giocando malissimo il suo ultimo tempo.

Questione di giorni

Lo scioglimento del Parlamento è solo questione di giorni, non si illudano. È un percorso che un politico di lungo corso come il Presidente della Repubblica conosce bene. Mattarella sa già che da due partiti avrà la stessa risposta. Matteo Salvini e Giorgia Meloni gli diranno che vogliono le elezioni anticipate.

Poi, i commedianti. Sarà giocoforza chiedere al Pd in quanti sono, viste le incredibili uscite di Matteo Renzi. Che faranno i capigruppo renziani in delegazione con Zingaretti? Si metteranno di traverso al segretario mentre questi dice a Mattarella che non ci sono le condizioni per un nuovo governo?

E quando il capo dello Stato si troverà di fronte Berlusconi potrà evitare di chiedergli se se la sente di far parte di una maggioranza con Di Maio? E a Di Maio, glielo chiederà Mattarella se è pronto a governare assieme a Berlusconi?

Da Mattarella il game over

Ma di che cosa stiamo parlando, a meno che non si voglia far nascere un governo burletta, un governo trenta denari. Sarà proprio Mattarella a pronunciare il fatidico game over.

Ci mancava pure Beppe Grillo a dire che si può cambiare qualcosa…. L’unica modifica che dovete fare è al reddito di cittadinanza. Datelo anche ai parlamentari che tornano a casa così la finite di frignare. Trenta denari al mese, non di più perché il vostro attaccamento alla poltrona non merita generosità immotivata.

Non hanno senso le manovre messe in campo – messe in scena – per screditare sempre di più un partito come il Pd, dove eleggono un segretario, Zingaretti, ma le decisioni vuole prenderle quello che hanno cacciato, Renzi, con i parlamentari che non sanno a chi dei due dare retta.

Il governo degli impossibili

Ecco perché più di qualcosa ci dice che contrariamente a quel che si vuol far credere, Mattarella non sia affatto convinto di favorire manovre boomerang. Il governo degli impossibili è fuori da ogni cultura istituzionale: distruggerebbero l’Italia schiaffeggiandosi più di prima.

Ne prendano atto il prima possibile anche oggi a Palazzo Madama. Non c’è da tirarla troppo per le lunghe questa storia del voto sulla mozione di sfiducia al governo. Anche perché è davvero curioso che nelle stanze della Camera alta ci sia chi sostiene che non si deve votare per far scornare tra di loro Lega e Cinquestelle. Ma che democrazia sarebbe quella che rifiuta di votare sì o no alla permanenza in carica di un governo…..

Fonte: Secolo d’Italia

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…