Il dato è tratto?

di Fabio Lugano.

Perchè Salvini ha dato questa accelerazione. Strategicamente: non può fare nulla con un governo in cui tre ministeri chiave, Esteri, Economia e Difesa sono in mano al Quirinale. Non si può fare una manovra espansiva con un ministro dell’Economia che non vede l’ora di aumentare l’IVA; non si può fare politica estera con un ministro che non ha ancora risposto alla richiesta USA di partecipare alla scorta nel Golfo; non si può fare Difesa con un ministro che ha ceduto i segreti militari alla Francia; ha ritenuto, a torto o a ragione, che la sua posizione sia di forza nel paese, dal punto di vista elettorale; ha anticipato qualsiasi mossa di avversari ed “Alleati”; il fatto che comunque i vincoli posti da Conte e dal Quirinale all’operato del governo erano divenuti troppo stretti…

*****************

Quindi pare che il governo Conte siano concluso. La storia giudicherà che tipo di esperienza sia stata questa che, comunque, in ogni modo, è stata una rottura con quanto visto prima in Italia, sia per le modalità di formazione sia per il peso invadente tenuto dal Quirinale fin dai suoi primi passi. Passiamo dimenticare la vicenda del MEF e del professor Savona, la cui nomina Mattarella minacciò di non controfirmare? Comunque pare che siamo giunti alla fine di questa avventura.

Sicuramente a questa prima fase di questa avventura è chiusa e presto sapremo se lo è chiusa in modo assoluto. Se così fosse la strada maestra sarebbe quella del voto, che tutti hano invocato da mesi e che tutti continuano ad invocare. Sinceramente sorridevo sentendo oggi la Bernini che chiedeva il voto, visto che questo, così anticipato, senza preparazione, sarebbe la pietra tombale per i berlusconiani.

Vedremo ora se anche il PD che chiedeva elezioni fino a ieri veramente rispetterà il mandato oppure cercherà un accordo all’ultimo minuto per il solito governicchio tecnico “Di transizione”, “Di bilancio” etc etc. Non è detto che non ci provino, nel breve tempo facendo un grosso sgambetto a Salvini, ma nel medio lungo, vista l’incapacità di fare una manovra espansiva per la totale sottomissione a Bruxelles, facendogli un grande favore.

Perchè Salvini ha dato questa accelerazione:

Strategicamente:

  • non può fare nulla con un governo in cui tre ministeri chiave, Esteri, Economia e Difesa sono in mano al Quirinale. Non si può fare una manovra espansiva con un ministro dell’Economia che non vede l’ora di aumentare l’IVA; non si può fare politica estera con un ministro che non ha ancora risposto alla richiesta USA di partecipare alla scorta nel Golfo; non si può fare Difesa con un ministro che ha ceduto i segreti militari alla Francia.
  • ha ritenuto, a torto o a ragione, che la sua posizione sia di forza nel paese, dal punto di vista elettorale;
  • ha anticipato qualsiasi mossa di avversari ed “Alleati”;
  • comunque ha buttato la palla dall’altra parte;
  • il fatto che comunque i vincoli posti da Conte e dal Quirinale all’operato del governo erano divenuti troppo stretti.

Ci saranno stati sicuramente, in una decisione del genere, dei fattori caratteriali:

  • i continui fastidiosi piccoli attacchi di una stampa che non ha nulla da dire, come ad esempio le ultime polemiche sul figlio sulla moto d’acqua o del Papetee beach ed il desiderio di chiuderle con una notizia vera;
  • il doversi confrontare ad ogni voto con l’ala da centro sociale dei Cinque Stelle, i vari Fico etc, incapaci di stare nel proprio ruolo;
  • il trovarsi, ad ogni legge, le “Osservazioni” del Quirinale che sembrano suggerimenti per ricorsi alla corte costituzionale e che sono indicatori dell’incapacità di stare al proprio posto.

Salvini ha fatto bene o ha sbagliato? Questo lo sapremo piuttosto presto, sicuramente è una figura totalmente estranea al profilo politico italiano, perchè ha fatto una cosa incredibile, quasi inaudita: ha preso una decisione.

Fonte: Scenari Economici

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.