Il dato è tratto?

di Fabio Lugano.

Perchè Salvini ha dato questa accelerazione. Strategicamente: non può fare nulla con un governo in cui tre ministeri chiave, Esteri, Economia e Difesa sono in mano al Quirinale. Non si può fare una manovra espansiva con un ministro dell’Economia che non vede l’ora di aumentare l’IVA; non si può fare politica estera con un ministro che non ha ancora risposto alla richiesta USA di partecipare alla scorta nel Golfo; non si può fare Difesa con un ministro che ha ceduto i segreti militari alla Francia; ha ritenuto, a torto o a ragione, che la sua posizione sia di forza nel paese, dal punto di vista elettorale; ha anticipato qualsiasi mossa di avversari ed “Alleati”; il fatto che comunque i vincoli posti da Conte e dal Quirinale all’operato del governo erano divenuti troppo stretti…

*****************

Quindi pare che il governo Conte siano concluso. La storia giudicherà che tipo di esperienza sia stata questa che, comunque, in ogni modo, è stata una rottura con quanto visto prima in Italia, sia per le modalità di formazione sia per il peso invadente tenuto dal Quirinale fin dai suoi primi passi. Passiamo dimenticare la vicenda del MEF e del professor Savona, la cui nomina Mattarella minacciò di non controfirmare? Comunque pare che siamo giunti alla fine di questa avventura.

Sicuramente a questa prima fase di questa avventura è chiusa e presto sapremo se lo è chiusa in modo assoluto. Se così fosse la strada maestra sarebbe quella del voto, che tutti hano invocato da mesi e che tutti continuano ad invocare. Sinceramente sorridevo sentendo oggi la Bernini che chiedeva il voto, visto che questo, così anticipato, senza preparazione, sarebbe la pietra tombale per i berlusconiani.

Vedremo ora se anche il PD che chiedeva elezioni fino a ieri veramente rispetterà il mandato oppure cercherà un accordo all’ultimo minuto per il solito governicchio tecnico “Di transizione”, “Di bilancio” etc etc. Non è detto che non ci provino, nel breve tempo facendo un grosso sgambetto a Salvini, ma nel medio lungo, vista l’incapacità di fare una manovra espansiva per la totale sottomissione a Bruxelles, facendogli un grande favore.

Perchè Salvini ha dato questa accelerazione:

Strategicamente:

  • non può fare nulla con un governo in cui tre ministeri chiave, Esteri, Economia e Difesa sono in mano al Quirinale. Non si può fare una manovra espansiva con un ministro dell’Economia che non vede l’ora di aumentare l’IVA; non si può fare politica estera con un ministro che non ha ancora risposto alla richiesta USA di partecipare alla scorta nel Golfo; non si può fare Difesa con un ministro che ha ceduto i segreti militari alla Francia.
  • ha ritenuto, a torto o a ragione, che la sua posizione sia di forza nel paese, dal punto di vista elettorale;
  • ha anticipato qualsiasi mossa di avversari ed “Alleati”;
  • comunque ha buttato la palla dall’altra parte;
  • il fatto che comunque i vincoli posti da Conte e dal Quirinale all’operato del governo erano divenuti troppo stretti.

Ci saranno stati sicuramente, in una decisione del genere, dei fattori caratteriali:

  • i continui fastidiosi piccoli attacchi di una stampa che non ha nulla da dire, come ad esempio le ultime polemiche sul figlio sulla moto d’acqua o del Papetee beach ed il desiderio di chiuderle con una notizia vera;
  • il doversi confrontare ad ogni voto con l’ala da centro sociale dei Cinque Stelle, i vari Fico etc, incapaci di stare nel proprio ruolo;
  • il trovarsi, ad ogni legge, le “Osservazioni” del Quirinale che sembrano suggerimenti per ricorsi alla corte costituzionale e che sono indicatori dell’incapacità di stare al proprio posto.

Salvini ha fatto bene o ha sbagliato? Questo lo sapremo piuttosto presto, sicuramente è una figura totalmente estranea al profilo politico italiano, perchè ha fatto una cosa incredibile, quasi inaudita: ha preso una decisione.

Fonte: Scenari Economici

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ripartire da Porta Pia. Le “due Rome”, la “nuova costituente” e la Commissione Glendon”

      di Stefano Fontana. Le due Rome Domenica scorsa 20 settembre si sono ricordati i 150 anni dalla breccia di Porta Pia e dalla presa di Roma da parte dello Stato italiano (20 settembre 1870). Tra le tante cose da dire a proposito, sia di tipo storico[1] che teoretico[2] vorrei soffermarmi sul rapporto tra la valutazione data dal professor Giovanni Turco (università di Udine) con la sua tesi delle “due Rome” di stampo decisamente anti-liberale, e l’interpretazione liberale fornita dal professor Carlo Lottieri (università di Verona) che parte da Porta Pia per lavorare ad una nuova costituente. Leggi il seguito…

    • Il comunismo restò in cielo e mandò i popoli all’inferno

      di Marcello Veneziani. Un lungo corteo di elogi funebri ha accompagnato la morte di Rossana Rossanda. Necrologi rosso antico, testimonianze affettuose, ricordi di militanze dell’altro millennio. Il rispetto che si deve in generale per chi muore e in particolare per un nemico intellettuale, e uso la parola nemico senza un filo di disprezzo, sapendo di rispettare le sue volontà, non deve però trattenere dal tracciare un bilancio onesto. Non della vita e l’opera di Rossana Rossanda, e nemmeno del suo Manifesto, ma un bilancio ideologico e politico di una passione chiamata comunismo. Pace all’anima sua, anche se lei rigettò la pace e l’anima. Leggi il seguito…

    • “Make Italy great again”. Il centrodestra deve ricominciare da una visione comune del futuro

      di Eugenio Capozzi. Il centrodestra è riuscito a non vincere elezioni che pure ha sostanzialmente vinto. Ha guadagnato il governo di una regione, quasi sicuramente due, ha aumentato i consensi per le sue liste, ma ancora una volta non è riuscito nella “spallata” che cerca da un anno, e cioè nel tentativo di destabilizzare il governo Conte bis, pur fragile e diviso, e pur gravato dai risultati disastrosi della gestione dell’emergenza Covid. Leggi il seguito…

    • Così Meloni e Salvini hanno regalato la vittoria a Di Maio

      di Gennaro Malgieri. Di Maio e compagnia cantante hanno potuto ottenere questo strepitoso risultato referendario grazie a vassalli e valvassori di destra e di sinistra, spiega Gennaro Malgieri. E la destra, rappresentata da Lega e FdI, non si capisce che cosa abbia ottenuto posto che ha regalato agli avversari pentastellati più che una vittoria, la resurrezione Leggi il seguito…