I rischi del sesso anale

Per i colleghi che dovessero incorrere in noie semplicemente per fare il loro dovere ed informare che i rischi del sesso anale sono superiori a quelli connessi al sesso vaginale, e per la popolazione generale che da tali notizie può assumere scelte più informate, intendo inaugurare una serie periodica di post che mostri i dati della letteratura scientifica.

incomincio con questa revisione pubblicata nel 2014 sulla rivista AIDS.

Il rischio di trasmissione dell’HIV per rapporto ricettivo anale è 17 volte maggiore del rischio nel rapporto ricettivo vaginale. Nel rapporto inseritivo anale il rischio è quasi triplo rispetto all’omologo vaginale. Tanto per contestualizzare, il fumo aumenta il rischio di cancro al polmone di circa 7 volte (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6194454/). Non ho mai sentito che un fumatore si sia lamentato perché il proprio medico lo ha informato sui rischi legati al fumo.

Il fatto che la terapia antiretrovirale riduca enormemente il rischio di trasmissione, deve essere letta alla luce del fatto che molte persone per un certo periodo di tempo non sanno di essere sieropositive e dunque non assumono tale terapia pur rimanendo sessualmente attivi. Infine una parola sul condom. Secondo i dati più recenti il suo uso ad ogni rapporto e dall’inizio alla fine del rapporto sessuale, riduce il rischio di trasmissione del 70%, il rischio non risulta dunque azzerato (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26488070).

Qui il link al lavoro originale.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6195215/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Dialogo e azione: ciò che sinodalità non è

      di Stefano Fontana. Sul concetto di sinodalità non ci si capisce. Un tempo si pensava che la sinodalità fosse un camminare insieme credendo nelle medesime verità di fede. Oggi si pensa che la sinodalità sia un agire insieme. Il modello della sinodalità era una Chiesa monarchica, oggi è una Chiesa democratica. Leggi il seguito…

    • Una nuova concezione della norma morale? no grazie!

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In questo blog abbiamo più volte sostenuto che l’utilizzo della Dottrina sociale della Chiesa dipende dall’assetto generale della teologia morale, dentro il cui orizzonte essa si colloca. Se cambia il quadro della teologia morale e se la Chiesa ne assume uno nuovo, allora anche la Dottrina sociale cambia o addirittura può venire e sterilizzata. Ora, un punto centrale della teologia morale è il concetto di “norma” o “legge”: cosa essa sia e da dove nasca. E proprio su questo punto nevralgico la teologia morale cattolica sta cambiando prospettiva, incamminandosi verso un concetto di norma a cui dobbiamo dire di no. Leggi il seguito…

    • Tra i paesi della UE è guerra economica e monetaria

      di Romano l’Osservatore. Ora è chiaro: la dichiarazione di Christine Lagarde, presidente della Banca Centrale Europea, che ha creato un terremoto nelle Borse europee, non era affatto una gaffe, ma l'inizio di una guerra all'interno dell'Eurozona. Di fronte alla dura crisi economica che si prospetta, causa virus, e che colpirà tutti, se non vogliamo uscirne a pezzi la Germania deve rinunciare ai suoi programmi egemonici e l'Italia e altri devono cambiare rotta. Leggi il seguito…

    • I vescovi e il sì alla cacciata di Dio dalla vita pubblica

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La sospensione delle Sante Messe con il popolo da parte della Conferenza episcopale italiana ha posto numerosi problemi relativi al rapporto tra Stato e Chiesa e, più in generale, tra l’ordine della politica e l’ordine della religione cattolica. Leggi il seguito…