I rischi del sesso anale

Per i colleghi che dovessero incorrere in noie semplicemente per fare il loro dovere ed informare che i rischi del sesso anale sono superiori a quelli connessi al sesso vaginale, e per la popolazione generale che da tali notizie può assumere scelte più informate, intendo inaugurare una serie periodica di post che mostri i dati della letteratura scientifica.

incomincio con questa revisione pubblicata nel 2014 sulla rivista AIDS.

Il rischio di trasmissione dell’HIV per rapporto ricettivo anale è 17 volte maggiore del rischio nel rapporto ricettivo vaginale. Nel rapporto inseritivo anale il rischio è quasi triplo rispetto all’omologo vaginale. Tanto per contestualizzare, il fumo aumenta il rischio di cancro al polmone di circa 7 volte (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6194454/). Non ho mai sentito che un fumatore si sia lamentato perché il proprio medico lo ha informato sui rischi legati al fumo.

Il fatto che la terapia antiretrovirale riduca enormemente il rischio di trasmissione, deve essere letta alla luce del fatto che molte persone per un certo periodo di tempo non sanno di essere sieropositive e dunque non assumono tale terapia pur rimanendo sessualmente attivi. Infine una parola sul condom. Secondo i dati più recenti il suo uso ad ogni rapporto e dall’inizio alla fine del rapporto sessuale, riduce il rischio di trasmissione del 70%, il rischio non risulta dunque azzerato (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26488070).

Qui il link al lavoro originale.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6195215/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.