Elezioni anticipate? Sì, ora è l’ora

di Il Romano Osservatore.

È utile una crisi adesso, una crisi in agosto, una crisi a Parlamento chiuso da ieri per le ferie estive? Sì, una crisi adesso è non solo utile ma necessaria, una crisi adesso serve al bene del Paese che non può più sopravvivere in queste condizioni. Una crisi di governo ora, subito, per dire agli italiani che a ottobre si voterà per una politica diversa, sviluppista e non anti-sviluppista, pro infrastrutture al Nord e al Sud, una politica pro aziende e pro lavoro, pro famiglia in senso vero, con tanti bei dobloni per uscire dall’imbuto mortifero del crollo demografico, una politica per l’autonomia delle regioni e per la sussidiarietà

***************

Il governo giallo-verde è finito. Con tutta evidenza era finito da tempo, almeno dal giorno delle elezioni europee, in cui i grillini dimezzarono i loro voti e la Lega li raddoppiò, raggiungendo la fantasmagorica quota del 34,8% dei voti e più che doppiando gli alleati-avversari. Ma per una serie di motivi – e soprattutto per le incertezze e le paure di Salvini,  che temeva manovre quirinalizie per dar vita a un governo tecnico simil-Monti e rinviare ‘sine die’ le elezioni – la crisi, nei fatti già in atto, si è trascinata in questi mesi senza mai esplodere. Anche per i ciechi però è parso evidente che l’uno-due di martedì e di mercoledì (approvazione del decreto Sicurezza bis con i violenti maldipancia dei grillini, e spaccatura netta che più netta non si può sulla TAV), rappresentava la fine di un esperimento non più ripetibile.

E Salvini si è deciso. Noi non siamo una democrazia normale, lo sappiamo,  ma questa volta anche Salvini dovrebbe essere convinto, visto anche che Mattarella ha ormai dato ampie garanzie che di fronte a una crisi di governo non tenterebbe giochetti tecnici alla Monti. I sondaggi sono tutti dalla parte della Lega che, in alleanza con la Meloni e anche senza l’indesiderato Berlusconi, vincerebbe alla grande le elezioni e potrebbe guidare da Presidente del Consiglio la prossima legislatura (che fra l’altro eleggerà il Presidente della Repubblica).

È utile una crisi adesso, una crisi in agosto, una crisi a Parlamento chiuso da ieri per le ferie estive? Sì, una crisi adesso è non solo utile ma necessaria, una crisi adesso serve al bene del Paese che non può più sopravvivere in queste condizioni. Una crisi in pieno agosto? Sì, una crisi in pieno agosto, perché non ci sono impedimenti e la politica è più forte di qualunque calendario; e i precedenti, se non ci sono, li creiamo ora. E con la crisi in agosto si guadagna anche un mese perché in agosto tanto non si fa nulla. E dunque sì a una crisi di governo immediata per andare a elezioni ai primi di ottobre (non si è mai votato in ottobre? E allora? Quest’anno si vota perché nulla lo impedisce e la politica è più forte di qualunque calendario).

Una crisi di governo ora, subito, per dire agli italiani che a ottobre si voterà per una politica diversa, sviluppista e non anti-sviluppista, pro infrastrutture al Nord e al Sud, una politica pro aziende e pro lavoro, pro famiglia in senso vero, con tanti bei dobloni per uscire dall’imbuto mortifero del crollo demografico, una politica per l’autonomia delle regioni e per la sussidiarietà. Certo, per la sussidiarietà perché abbiamo bisogno non solo che le regioni possano dare il meglio di sè, ma che la società torni protagonista, che le persone tornino protagoniste.

E c’è da augurarsi che la crisi adesso e la fine dell’innaturale connubio Lega-5Stelle faccia anche rinsavire chi di dovere sui rapporti con l’Europa. Perché Salvini non può continuare a litigare con tutti, a schifare ogni alleanza con i paesi europei nostri partner tradizionali. Ed è anche per questo che la formula del centro-destra completo e unito sarebbe la preferibile.

E dunque crisi di governo subito sia! Per elezioni al più presto! Perché di questo l’Italia ha bisogno. Se crisi ed elezioni non fossero ora, non fossero al più presto,… ogni più fosco scenario sarebbe possibile.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.