Elezioni anticipate? Sì, ora è l’ora

di Il Romano Osservatore.

È utile una crisi adesso, una crisi in agosto, una crisi a Parlamento chiuso da ieri per le ferie estive? Sì, una crisi adesso è non solo utile ma necessaria, una crisi adesso serve al bene del Paese che non può più sopravvivere in queste condizioni. Una crisi di governo ora, subito, per dire agli italiani che a ottobre si voterà per una politica diversa, sviluppista e non anti-sviluppista, pro infrastrutture al Nord e al Sud, una politica pro aziende e pro lavoro, pro famiglia in senso vero, con tanti bei dobloni per uscire dall’imbuto mortifero del crollo demografico, una politica per l’autonomia delle regioni e per la sussidiarietà

***************

Il governo giallo-verde è finito. Con tutta evidenza era finito da tempo, almeno dal giorno delle elezioni europee, in cui i grillini dimezzarono i loro voti e la Lega li raddoppiò, raggiungendo la fantasmagorica quota del 34,8% dei voti e più che doppiando gli alleati-avversari. Ma per una serie di motivi – e soprattutto per le incertezze e le paure di Salvini,  che temeva manovre quirinalizie per dar vita a un governo tecnico simil-Monti e rinviare ‘sine die’ le elezioni – la crisi, nei fatti già in atto, si è trascinata in questi mesi senza mai esplodere. Anche per i ciechi però è parso evidente che l’uno-due di martedì e di mercoledì (approvazione del decreto Sicurezza bis con i violenti maldipancia dei grillini, e spaccatura netta che più netta non si può sulla TAV), rappresentava la fine di un esperimento non più ripetibile.

E Salvini si è deciso. Noi non siamo una democrazia normale, lo sappiamo,  ma questa volta anche Salvini dovrebbe essere convinto, visto anche che Mattarella ha ormai dato ampie garanzie che di fronte a una crisi di governo non tenterebbe giochetti tecnici alla Monti. I sondaggi sono tutti dalla parte della Lega che, in alleanza con la Meloni e anche senza l’indesiderato Berlusconi, vincerebbe alla grande le elezioni e potrebbe guidare da Presidente del Consiglio la prossima legislatura (che fra l’altro eleggerà il Presidente della Repubblica).

È utile una crisi adesso, una crisi in agosto, una crisi a Parlamento chiuso da ieri per le ferie estive? Sì, una crisi adesso è non solo utile ma necessaria, una crisi adesso serve al bene del Paese che non può più sopravvivere in queste condizioni. Una crisi in pieno agosto? Sì, una crisi in pieno agosto, perché non ci sono impedimenti e la politica è più forte di qualunque calendario; e i precedenti, se non ci sono, li creiamo ora. E con la crisi in agosto si guadagna anche un mese perché in agosto tanto non si fa nulla. E dunque sì a una crisi di governo immediata per andare a elezioni ai primi di ottobre (non si è mai votato in ottobre? E allora? Quest’anno si vota perché nulla lo impedisce e la politica è più forte di qualunque calendario).

Una crisi di governo ora, subito, per dire agli italiani che a ottobre si voterà per una politica diversa, sviluppista e non anti-sviluppista, pro infrastrutture al Nord e al Sud, una politica pro aziende e pro lavoro, pro famiglia in senso vero, con tanti bei dobloni per uscire dall’imbuto mortifero del crollo demografico, una politica per l’autonomia delle regioni e per la sussidiarietà. Certo, per la sussidiarietà perché abbiamo bisogno non solo che le regioni possano dare il meglio di sè, ma che la società torni protagonista, che le persone tornino protagoniste.

E c’è da augurarsi che la crisi adesso e la fine dell’innaturale connubio Lega-5Stelle faccia anche rinsavire chi di dovere sui rapporti con l’Europa. Perché Salvini non può continuare a litigare con tutti, a schifare ogni alleanza con i paesi europei nostri partner tradizionali. Ed è anche per questo che la formula del centro-destra completo e unito sarebbe la preferibile.

E dunque crisi di governo subito sia! Per elezioni al più presto! Perché di questo l’Italia ha bisogno. Se crisi ed elezioni non fossero ora, non fossero al più presto,… ogni più fosco scenario sarebbe possibile.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…