Campagna promozionale dell’Azione Cattolica italiana

L’Azione cattolica italiana (AC), sorta nel lontano 1867 sotto gli auspici di papa Pio IX (1846-1878) per la ricristianizzazione della società, resta ancora oggi uno dei movimenti cattolici più ramificati e diffusi, malgrado una certa perdita di visibilità e di tesserati, registrata negli ultimi anni.

Monica Del VecchioDiego Grando, responsabili nazionali dell’Area promozionale associativa, hanno appena comunicato sul sito ufficiale dell’associazione i contenuti della “campagna adesione 2020”. Ed essi paiono in sintonia, se non andiamo errati, con una certa secolarizzazione interna del cattolicesimo, o auto-secolarizzazione come avrebbe detto Benedetto XVI, che punta più sull’uomo che sul cristiano, e che parla più di questioni sociali, economiche e politiche, piuttosto che etiche e spirituali.

Il titolo della campagna è “Extra larga, AC una casa per tutti”. Atei inclusi? Non lo si afferma, ma vi si allude. E se così fosse la fede cristiana sarebbe un optional, un di più, ma non più un elemento qualificante e imprescindibile.

In ogni caso, la campagna propone ai soci di indossare un nuovo habitus mentale, che “non può essere l’alibi per la rinuncia alla missione, per l’autoreferenzialità e le chiusure identitarie”. Quali?

L’Azione Cattolica, conformemente al programma della Chiesa in uscita, non deve (più) essere “un luogo stantio, non un tetto e delle pareti per rinchiudersi e difendersi dall’altro che è estraneo, ma uno spazio allargato, una tavola con un posto sempre libero per qualcuno. Sogniamo un’AC, continua il comunicato, che supera le barriere fisiche, ecclesiali e sociali, che abita le periferie esistenziali, che esce dalla propria comfort zone per stare accanto ad ogni persona. L’AC extra large non è una ‘taglia comoda’, ma una proposta coraggiosa, che impara a sconfinare”.

Il rischio è che dietro il bel fraseggio vi sia un tasso di idealità religiosa piuttosto basso, paradossalmente all’opposto di coloro che negli anni successivi al Concilio, proponevano nell’Azione Cattolica guidata da Vittorio Bachelet la cosiddetta “scelta religiosa”, come rifiuto emblematico di essere rinchiusi nelle sfere e nei loschi intrighi della politica. Dando il primato assoluto alla testimonianza di fede nella società.

Non è che per avventura, in quelle parole aperturiste sopra viste, che non sembrano escludere neppure il non credente, l’ipo-credente e il non praticante, si cela l’esclusione del destrorso, del patriota, del ratzingeriano o del conservatore? Ovviamente, speriamo di sbagliarci perché sarebbe un paradosso e un controsenso, allargare da una parte e restringere dall’altra: o si allarga o no.

Appare significativo in questo contesto, che il papa dell’apertura al mondo per antonomasia, Giovanni XXIII (1958-1963), elevato agli onori degli altari da papa Francesco e quindi posto a modello per l’oggi della Chiesa, proprio 60 anni fa, il 10 agosto del 1959, teneva, dalla residenza estiva di Castel Gandolfo, un discorso ricco di contenuti ai presidenti dell’Azione cattolica italiana.

In cui chiedeva, 10 anni prima del ’68, che l’AC “continui ad applicarsi – in adempimento preciso dei propri impegni – perché chi sta in alto (…) ponga veramente un freno alla decadenza esasperante del costume, incominciando dall’intimità delle famiglie”. Chissà cosa avrebbe detto della società dei gay pride e child free che si sta edificando oggi in Occidente…

Riassumendo i compiti dei militanti dell’associazione ricordava i “primi principi” della stessa, ovvero “la salvaguardia della modestia, della purezza, del costume cristiano”, salvaguardia tesa a “rinsaldare la nota di fermezza e di serietà negli individui, nella famiglia, nella società”.

Secondo papa Giovanni inoltre – contro l’idea odierna che si debba abbandonare l’aspetto dottrinale della fede in nome della pastorale – “se non si posseggono chiari principi (…) si rischia di non raggiungere le vere mete e di suscitare confusione”.

D’altra parte, il buon Roncalli non invitava l’AC a fare politica in senso partigiano, “guardandosi dal fare confusioni o sbandamenti o prendere iniziative su quanto è, invece, direttamente e precipuamente azione politica”. Ma incoraggiava i suoi a illuminare la società “per l’avveramento del Regno di Cristo”, Regno di Cristo che pare una cosa molto diversa dalla politica laicista e progressista, come quella europea odierna, fondata sul relativismo, la non discriminazione e il nichilismo etico-valoriale. 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    • Il disagio di dirsi italiani

      di Marcello Veneziani. Confesso che mi trovo a disagio a vivere in questa fase nel nostro Paese, che esito a chiamare Italia; mi vergogno nel vedere questo spettacolo di saltimbanchi e di cialtroni vendicativi e giustificarlo col suo rovescio, che è finita l’epoca dell’odio e della cattiveria, ora arrivano i buoni e l’umanità. Confesso che mi vergogno da italiano nel vedermi rappresentato all’estero da un avvocato saltafossi, venuto dal vaffanculismo e approdato al paraculismo, premier nel vaniloquio e nelle citazioni farlocche per far capire in mezzo a tanti ignoranti che lui ha studiato; e cita ovvietà sconcertanti, del tipo “Hannah Arendt dice che in politica esistono i pregiudizi”. La banalità del tale… Leggi il seguito…

    • Ora la politica torni ad essere “di parola”!

      di Carlo Mascio. Ecco, ora più che mai, a bocce quasi ferme, una riflessione dovrebbe sorgere spontanea: in politica che fine ha fatto il “potere della parola”? E si, perché praticamente tutti, ma proprio tutti, in questa pazza crisi agostana hanno dovuto rimangiarsi parole o dichiarazioni pronunciate su questo o quel partito o su questa o quella persona. Ma la missione della politica richiede una precondizione necessaria da rispettare: garantire una coerenza tra ciò che si promette e ciò che si realizza. La fiducia (e dunque il consenso) fiorisce solo (e bene) in questo processo: coerenza tra parole e fatti. Tutto questo perché le parole hanno un valore e, quando vengono pronunciate, producono sempre un effetto e molte volte questo effetto è la fiducia da parte di chi ascolta. Ecco perché a chi fa politica sono richieste, a maggior ragione, chiarezza e sincerità, fino in fondo. Leggi il seguito…

    • Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

      di Giulio Sibona. Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.