Adesso o mai più: rinasca il centrodestra

di Giuseppe Pica.

Nelle ultime settimane, alle storiche forze del centro – destra si è aggiunto il comitato “Cambiamo”, promosso dal governatore della Liguria Giovanni Toti. In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, il senatore Gaetano Quagliariello – leader di IDeA e membro del comitato promotore di “Cambiamo” – ha voluto ribadire con forza la necessità di una coalizione che, mai come oggi, debba stare vicina a Salvini per formare un’alleanza che si contrapponga non solo al PD, ma anche ai Cinque Stelle (visti inevitabilmente come forza di sinistra). Avere un’unità d’intenti precisa per dare vita ad un’offerta politica coerente, che comprenda forze dalla diversa storia ma dall’univoca convinzione che molto, nel nostro paese, debba essere cambiato

****************

Tira un’aria di forte burrasca sotto i cieli della politica italiana. Mai come in questi giorni, l’incertezza domina sovrana e la soluzione alla crisi di governo innescata da Matteo Salvini non sembra essere di facile comprensione. Gli scenari sono molteplici e decisamente opposti gli uni agli altri, determinando così una serie di possibilità che dovranno essere analizzate una ad una dal Presidente della Repubblica. In tutto questo, tra le tante instabilità che scuotono la scena politica, vi è quella relativa alla sorte della coalizione di centrodestra: infatti, il futuro di un agglomerato di forze alleate (con alti e bassi nei rapporti tra i loro leader) da circa venticinque anni sembra non avere nulla di scontato.

Salvini, soprattutto dopo il successo delle ultime elezioni Europee, ha cominciato a credere fortemente che quella formula andasse rottamata o, quantomeno, rivista. Gli sviluppi degli ultimi giorni però non sono stati a lui favorevoli visto che, ad oggi, lo scenario più plausibile non è quello che porterebbe a elezioni anticipate, bensì la nascita del cosiddetto “Governo Ursula” sostenuto da PD e Cinque Stelle con il forte sostegno delle istituzioni UE. Avendo capito quasi immediatamente di aver commesso un errore tattico, il leader leghista ha cercato di riallacciare i rapporti con le altre forze del campo conservatore, ma ancora non è chiaro quale esito abbiano avuto questi colloqui.

Ora, in una situazione di conclamato stallo, è giusto porsi un paio di domande: ma è giusto rottamare il centrodestra? E da cosa, eventualmente, dovrebbe essere sostituito? Tutto sommato i risultati elettorali degli ultimi anni hanno dimostrato che, ovunque la coalizione si sia presentata unita, ha riscosso un successo non affatto trascurabile. Tante regioni ed importanti amministrazioni comunali sono state strappate al centrosinistra per la prima volta nella storia (come Siena, ad esempio) e il trend delle prossime consultazioni amministrative potrebbe essere ancor più positivo. Molto spesso, Salvini ha fatto presente come varare alleanze sui territori non possa corrispondere automaticamente a farlo a livello nazionale, visto che su alcune posizioni – come quella del rapporto da tenere con l’Unione Europea – i partiti del centro – destra non sembrano essere allineati al 100%. Tuttavia, si può affermare che i punti di convergenza siano in numero decisamente superiori a quelli divisivi: shock fiscale, riforma della giustizia, politiche sulla sicurezza e uniformità di vedute sulle questioni bioetiche rappresentano una base decisamente solida per poter costruire un programma comune da presentare (chissà quando) agli elettori.

Nelle ultime settimane, alle storiche forze del centro – destra si è aggiunto il comitato “Cambiamo”, promosso dal governatore della Liguria Giovanni Toti. In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, il senatore Gaetano Quagliariello – leader di IDeA e membro del comitato promotore di “Cambiamo” – ha voluto ribadire con forza la necessità di una coalizione che, mai come oggi, debba stare vicina a Salvini per formare un’alleanza che si contrapponga non solo al PD, ma anche ai Cinque Stelle (visti inevitabilmente come forza di sinistra). Avere un’unità d’intenti precisa per dare vita ad un’offerta politica coerente, che comprenda forze dalla diversa storia ma dall’univoca convinzione che molto, nel nostro paese, debba essere cambiato.

Matteo Salvini saprà cogliere questo assist? L’impressione è che molto dipenderà da quanto accadrà nel oggi pomeriggio al Senato.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    • Il disagio di dirsi italiani

      di Marcello Veneziani. Confesso che mi trovo a disagio a vivere in questa fase nel nostro Paese, che esito a chiamare Italia; mi vergogno nel vedere questo spettacolo di saltimbanchi e di cialtroni vendicativi e giustificarlo col suo rovescio, che è finita l’epoca dell’odio e della cattiveria, ora arrivano i buoni e l’umanità. Confesso che mi vergogno da italiano nel vedermi rappresentato all’estero da un avvocato saltafossi, venuto dal vaffanculismo e approdato al paraculismo, premier nel vaniloquio e nelle citazioni farlocche per far capire in mezzo a tanti ignoranti che lui ha studiato; e cita ovvietà sconcertanti, del tipo “Hannah Arendt dice che in politica esistono i pregiudizi”. La banalità del tale… Leggi il seguito…

    • Ora la politica torni ad essere “di parola”!

      di Carlo Mascio. Ecco, ora più che mai, a bocce quasi ferme, una riflessione dovrebbe sorgere spontanea: in politica che fine ha fatto il “potere della parola”? E si, perché praticamente tutti, ma proprio tutti, in questa pazza crisi agostana hanno dovuto rimangiarsi parole o dichiarazioni pronunciate su questo o quel partito o su questa o quella persona. Ma la missione della politica richiede una precondizione necessaria da rispettare: garantire una coerenza tra ciò che si promette e ciò che si realizza. La fiducia (e dunque il consenso) fiorisce solo (e bene) in questo processo: coerenza tra parole e fatti. Tutto questo perché le parole hanno un valore e, quando vengono pronunciate, producono sempre un effetto e molte volte questo effetto è la fiducia da parte di chi ascolta. Ecco perché a chi fa politica sono richieste, a maggior ragione, chiarezza e sincerità, fino in fondo. Leggi il seguito…

    • Così PD e M5S preparano la svolta sulla cannabis

      di Giulio Sibona. Ora che la maggioranza di Governo comprende tutta l’ala sinistra del parlamento: 5 stelle, PD e LeU, si è ritrovata nuova unità di intenti sulla liberalizzazione del consumo delle droghe, a partire dalla cannabis, e sbocciano letteralmente nuove proposte, nove. Per la coalizione di sinistra in effetti è sempre stato un mantra la legalizzazione di tutta la catena dalla produzione al consumo personale, l’aggiunta del M5S lungi dal creare scompiglio, aumenta le possibilità e ci illumina sulla loro reale essenza Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.