Adesso o mai più: rinasca il centrodestra

di Giuseppe Pica.

Nelle ultime settimane, alle storiche forze del centro – destra si è aggiunto il comitato “Cambiamo”, promosso dal governatore della Liguria Giovanni Toti. In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, il senatore Gaetano Quagliariello – leader di IDeA e membro del comitato promotore di “Cambiamo” – ha voluto ribadire con forza la necessità di una coalizione che, mai come oggi, debba stare vicina a Salvini per formare un’alleanza che si contrapponga non solo al PD, ma anche ai Cinque Stelle (visti inevitabilmente come forza di sinistra). Avere un’unità d’intenti precisa per dare vita ad un’offerta politica coerente, che comprenda forze dalla diversa storia ma dall’univoca convinzione che molto, nel nostro paese, debba essere cambiato

****************

Tira un’aria di forte burrasca sotto i cieli della politica italiana. Mai come in questi giorni, l’incertezza domina sovrana e la soluzione alla crisi di governo innescata da Matteo Salvini non sembra essere di facile comprensione. Gli scenari sono molteplici e decisamente opposti gli uni agli altri, determinando così una serie di possibilità che dovranno essere analizzate una ad una dal Presidente della Repubblica. In tutto questo, tra le tante instabilità che scuotono la scena politica, vi è quella relativa alla sorte della coalizione di centrodestra: infatti, il futuro di un agglomerato di forze alleate (con alti e bassi nei rapporti tra i loro leader) da circa venticinque anni sembra non avere nulla di scontato.

Salvini, soprattutto dopo il successo delle ultime elezioni Europee, ha cominciato a credere fortemente che quella formula andasse rottamata o, quantomeno, rivista. Gli sviluppi degli ultimi giorni però non sono stati a lui favorevoli visto che, ad oggi, lo scenario più plausibile non è quello che porterebbe a elezioni anticipate, bensì la nascita del cosiddetto “Governo Ursula” sostenuto da PD e Cinque Stelle con il forte sostegno delle istituzioni UE. Avendo capito quasi immediatamente di aver commesso un errore tattico, il leader leghista ha cercato di riallacciare i rapporti con le altre forze del campo conservatore, ma ancora non è chiaro quale esito abbiano avuto questi colloqui.

Ora, in una situazione di conclamato stallo, è giusto porsi un paio di domande: ma è giusto rottamare il centrodestra? E da cosa, eventualmente, dovrebbe essere sostituito? Tutto sommato i risultati elettorali degli ultimi anni hanno dimostrato che, ovunque la coalizione si sia presentata unita, ha riscosso un successo non affatto trascurabile. Tante regioni ed importanti amministrazioni comunali sono state strappate al centrosinistra per la prima volta nella storia (come Siena, ad esempio) e il trend delle prossime consultazioni amministrative potrebbe essere ancor più positivo. Molto spesso, Salvini ha fatto presente come varare alleanze sui territori non possa corrispondere automaticamente a farlo a livello nazionale, visto che su alcune posizioni – come quella del rapporto da tenere con l’Unione Europea – i partiti del centro – destra non sembrano essere allineati al 100%. Tuttavia, si può affermare che i punti di convergenza siano in numero decisamente superiori a quelli divisivi: shock fiscale, riforma della giustizia, politiche sulla sicurezza e uniformità di vedute sulle questioni bioetiche rappresentano una base decisamente solida per poter costruire un programma comune da presentare (chissà quando) agli elettori.

Nelle ultime settimane, alle storiche forze del centro – destra si è aggiunto il comitato “Cambiamo”, promosso dal governatore della Liguria Giovanni Toti. In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, il senatore Gaetano Quagliariello – leader di IDeA e membro del comitato promotore di “Cambiamo” – ha voluto ribadire con forza la necessità di una coalizione che, mai come oggi, debba stare vicina a Salvini per formare un’alleanza che si contrapponga non solo al PD, ma anche ai Cinque Stelle (visti inevitabilmente come forza di sinistra). Avere un’unità d’intenti precisa per dare vita ad un’offerta politica coerente, che comprenda forze dalla diversa storia ma dall’univoca convinzione che molto, nel nostro paese, debba essere cambiato.

Matteo Salvini saprà cogliere questo assist? L’impressione è che molto dipenderà da quanto accadrà nel oggi pomeriggio al Senato.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…