Adesso o mai più: rinasca il centrodestra

di Giuseppe Pica.

Nelle ultime settimane, alle storiche forze del centro – destra si è aggiunto il comitato “Cambiamo”, promosso dal governatore della Liguria Giovanni Toti. In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, il senatore Gaetano Quagliariello – leader di IDeA e membro del comitato promotore di “Cambiamo” – ha voluto ribadire con forza la necessità di una coalizione che, mai come oggi, debba stare vicina a Salvini per formare un’alleanza che si contrapponga non solo al PD, ma anche ai Cinque Stelle (visti inevitabilmente come forza di sinistra). Avere un’unità d’intenti precisa per dare vita ad un’offerta politica coerente, che comprenda forze dalla diversa storia ma dall’univoca convinzione che molto, nel nostro paese, debba essere cambiato

****************

Tira un’aria di forte burrasca sotto i cieli della politica italiana. Mai come in questi giorni, l’incertezza domina sovrana e la soluzione alla crisi di governo innescata da Matteo Salvini non sembra essere di facile comprensione. Gli scenari sono molteplici e decisamente opposti gli uni agli altri, determinando così una serie di possibilità che dovranno essere analizzate una ad una dal Presidente della Repubblica. In tutto questo, tra le tante instabilità che scuotono la scena politica, vi è quella relativa alla sorte della coalizione di centrodestra: infatti, il futuro di un agglomerato di forze alleate (con alti e bassi nei rapporti tra i loro leader) da circa venticinque anni sembra non avere nulla di scontato.

Salvini, soprattutto dopo il successo delle ultime elezioni Europee, ha cominciato a credere fortemente che quella formula andasse rottamata o, quantomeno, rivista. Gli sviluppi degli ultimi giorni però non sono stati a lui favorevoli visto che, ad oggi, lo scenario più plausibile non è quello che porterebbe a elezioni anticipate, bensì la nascita del cosiddetto “Governo Ursula” sostenuto da PD e Cinque Stelle con il forte sostegno delle istituzioni UE. Avendo capito quasi immediatamente di aver commesso un errore tattico, il leader leghista ha cercato di riallacciare i rapporti con le altre forze del campo conservatore, ma ancora non è chiaro quale esito abbiano avuto questi colloqui.

Ora, in una situazione di conclamato stallo, è giusto porsi un paio di domande: ma è giusto rottamare il centrodestra? E da cosa, eventualmente, dovrebbe essere sostituito? Tutto sommato i risultati elettorali degli ultimi anni hanno dimostrato che, ovunque la coalizione si sia presentata unita, ha riscosso un successo non affatto trascurabile. Tante regioni ed importanti amministrazioni comunali sono state strappate al centrosinistra per la prima volta nella storia (come Siena, ad esempio) e il trend delle prossime consultazioni amministrative potrebbe essere ancor più positivo. Molto spesso, Salvini ha fatto presente come varare alleanze sui territori non possa corrispondere automaticamente a farlo a livello nazionale, visto che su alcune posizioni – come quella del rapporto da tenere con l’Unione Europea – i partiti del centro – destra non sembrano essere allineati al 100%. Tuttavia, si può affermare che i punti di convergenza siano in numero decisamente superiori a quelli divisivi: shock fiscale, riforma della giustizia, politiche sulla sicurezza e uniformità di vedute sulle questioni bioetiche rappresentano una base decisamente solida per poter costruire un programma comune da presentare (chissà quando) agli elettori.

Nelle ultime settimane, alle storiche forze del centro – destra si è aggiunto il comitato “Cambiamo”, promosso dal governatore della Liguria Giovanni Toti. In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, il senatore Gaetano Quagliariello – leader di IDeA e membro del comitato promotore di “Cambiamo” – ha voluto ribadire con forza la necessità di una coalizione che, mai come oggi, debba stare vicina a Salvini per formare un’alleanza che si contrapponga non solo al PD, ma anche ai Cinque Stelle (visti inevitabilmente come forza di sinistra). Avere un’unità d’intenti precisa per dare vita ad un’offerta politica coerente, che comprenda forze dalla diversa storia ma dall’univoca convinzione che molto, nel nostro paese, debba essere cambiato.

Matteo Salvini saprà cogliere questo assist? L’impressione è che molto dipenderà da quanto accadrà nel oggi pomeriggio al Senato.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Fine vita, trappola gesuitica

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. “Aggiornamenti sociali”, la rivista milanese dei Gesuiti, dedica un articolo del numero di novembre al fine vita. Padre Giacomo Costa scrive un “contributo per una legge condivisa”, e conclude: “Solo il rispetto e l’ascolto di tutte le posizioni, all’interno dell’orizzonte definito dalla nostra Costituzione, ci consentiranno di arrivare ad una legge che potremo autenticamente definire ‘nostra’ in quanto di tutti. Sarà tanto migliore quanto più saremo capaci di impegnarci nel dialogo che la sua elaborazione esige”. Un tempo si sarebbe chiesta una legge “giusta”, oggi invece si chiede una legge “condivisa”, che nasca dal confronto, dalla partecipazione, dal dialogo pubblico di “tutte le posizioni”, di “tutte le visioni del mondo presenti in una società pluralista”. Si tratta quindi di fondare la legge sul consenso e non sulla giustizia Leggi il seguito…

    • Sarah: “Celibato, preghiera e dottrina: ecco come usciremo dalla crisi della Chiesa”

      di Robert Sarah*. "Come siamo arrivati a tanta follia tanto da respingere in modo schiacciante Dio?". Partecipatissima presentazione a Milano del libro del cardinal Robert Sarah nell'evento promosso dalla Nuova Bussola Quotidiana. La crisi della fede, della Chiesa e dell'uomo. "Senza Cristo le nostre riforme sono una rovina". E ancora: il celibato ("nessun bisogno potrà cancellarlo"), la perdita del sacro ("ci sono preti che non credono alla presenza reale dell'Eucarestia), le responsabilità dei vescovi ("Abbiamo decristianizzato l'Occidente), "l'enciclica" di Benedetto XVI e il paganesimo. "Se la Chiesa parla di fenomeni sociali, subisce la pressione per cambiare il suo insegnamento su celibato e morale sessuale". Il Prefetto del Culto Divino ha analizzato e denunciato i mali di oggi. Ma anche offerto i rimedi per la rinascita. Quali? Anzitutto ricominciando a pregare come sta facendo Ratzinger: "Digiunate per la codardia dei vostri pastori".  Leggi il seguito…

    • I polacchi e gli ungheresi conoscono bene il nazi-comunismo

      di Francesco Agnoli. Per capire meglio cosa accade oggi nell’ Ungheria di Viktor Orban e nella Polonia di Jaroslaw Kaczynski, due paesi ex comunisti fortemente identitari, occorre tornare ad uno dei tanti episodi della storia poco raccontati, sebbene cruciali: il patto Von Ribbetrop-Molotov del 23 agosto 1939, che portò allo scoppio della II guerra mondiale e che vide Hitler e Stalin alleati per ben 22 mesi. In quel patto nazi-comunista l’Europa orientale veniva spartita tra  due dittatori. Leggi il seguito…

    • Crolla un Muro, assolto il Costruttore

      di Marcello Veneziani. Ma la Caduta del Muro di Berlino è solo un caso di edilizia abusiva? Chi lo edificò, quel maledetto muro, Hitler, Nixon o Trump da ragazzo? Ma davvero col crollo del Muro di Berlino cadde finalmente il nazionalismo, con le sue frontiere chiuse e cominciò il via libera ai flussi migratori? A leggere e vedere le cronache di oggi a trent’anni dal Muro di Berlino, l’impressione che resta è questa. E l’immagine ricorrente è una specie di festa, di concerto pop, dei centri sociali tra muri caduti e murales. In tutta questa rappresentazione manca il protagonista, sparisce il costruttore del muro: il comunismo. Leggi il seguito…