Vincent Lambert: un omicidio di Stato

Articolo redatto da Constance Prazel – Delegata generale di Liberté politique, organo francese di informazione online – 12 luglio 2019

Vincent Lambert è morto. È deceduto lunedì 11 luglio alle 8.24. Qualcuno lo ha considerato come una vittima dell’accanimento terapeutico, ma sarebbe più giusto parlare di accanimento mediatico. Si è voluta la sua morte per dare un esempio, pe «far cambiare le mentalità», per «far progredire le nuove linee», e per altre formule di cui si serve regolarmente la cultura di morte per poterci imporre la sua marcia inesorabile verso l’annientamento di ogni rispetto per la vita e per la dignità umana.

Bisogna insistere su questa terribile realtà: c’è stato un progetto sistematico, cosciente e costante, per arrivare alla sua morte. La sua morte non è il frutto di uno sfortunato processo, un incidente, una vita spezzata, un’impotenza della medicina a poterlo salvare. In Francia oggi ci sono più di 1500 cerebrolesi in una situazione simile a quella di Vincent, ma è lui che è stato «scelto» per servire l’agit-prop dei partigiani della morte misericordiosadolce nome che i nazional-socialisti davano all’eutanasia. C’è sempre bisogno di «casi speciali» per far avanzare la causa, come successe nel caso alla sfortunata Jean Rose, pseudonimo di Norma McCovery, il cui nome è inseparabilmente legato all’emendamento Roe v. Wade, che permise di aprire la breccia del diritto all’aborto negli Stati Uniti. Ma, affinché il «caso» funzionasse (anche in Francia), era necessaria la complicità del sistema politico e legale che se ne servì, lo indirizzò e lo amplificò. E anche nel caso di Vincent Lambert la sinistra dello Stato macroniano a giocato perfettamente la sua partita.

Ricordiamoci che alla fine di maggio, quando per la prima volta era all’ordine del giorno la sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione per Vincent Lambert, il presidente Emmanuel Macron interpretava il ruolo di Ponzio Pilato dichiarando: «come presidente della Repubblica non ho il potere di contrastare una decisione che spetta al giudizio dei medici e che è conforme alle nostre leggi». Il Comitato dell’ONU per i Diritti delle Persone handicappate ordina però la ripresa dell’alimentazione e idratazione per conservare in vita il paziente. Questa ingiunzione di obbedienza è quindi rivolta allo Stato francese, ma Emmanuel Macron se ne lava le mani: lui è al di sopra dell’ONU, e non si ritiene legato alla più alta delle istituzioni internazionali. (Guarda caso: qualche volta anche L’ONU si mette al servizio della vita! Ndt). Ma Agnès Buzyn, la sua ministra per la solidarietà e la sanità ci spiega con calma che la Francia non è tenuta a rispettare quella richiesta, e che non ritiene di smentire quanto già deciso. Poi, alla fine, qualche giorno più tardi, il suo governo, sempre nella persona di Agnèz Buzyn, sceglie di ricorrere al parere della cassazione per esigere nuovamente la morte di Vincent Lambert. Si rimane stupefatti guardando tanto impegno da parte dei poteri pubblici, quando sarebbe stato sufficiente che Vincent fosse accolto in una struttura privata specializzata, in modo che potesse essere accudito dai suoi cari nel silenzio e nel raccoglimento! Un passo decisivo sta per essere perciò compiuto con l’implicazione delle strutture dello Stato, per un delitto.

I media dominanti sono (purtroppo) amici di riferimento (della politica) «nelle ore più buie della nostra storia». Ma, alla fine, dove sono adesso queste ore più buie della nostra storia? Dove sono, quando l’Assemblea nazionale supera il 5% dei suffragi, o quando lo Stato assassino, in buona coscienza, scarta coloro che non corrispondono alla norma, coloro che costano un po’ troppo alla società, coloro che decidono chi ha o non ha diritto di vivere? Gli eredi del III Reich non sono dove si crede che siano. (Sono in mezzo a noi! Ndt).

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Vincent-Lambert-un-meurtre-officiel

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…