Vincent Lambert: un omicidio di Stato

Articolo redatto da Constance Prazel – Delegata generale di Liberté politique, organo francese di informazione online – 12 luglio 2019

Vincent Lambert è morto. È deceduto lunedì 11 luglio alle 8.24. Qualcuno lo ha considerato come una vittima dell’accanimento terapeutico, ma sarebbe più giusto parlare di accanimento mediatico. Si è voluta la sua morte per dare un esempio, pe «far cambiare le mentalità», per «far progredire le nuove linee», e per altre formule di cui si serve regolarmente la cultura di morte per poterci imporre la sua marcia inesorabile verso l’annientamento di ogni rispetto per la vita e per la dignità umana.

Bisogna insistere su questa terribile realtà: c’è stato un progetto sistematico, cosciente e costante, per arrivare alla sua morte. La sua morte non è il frutto di uno sfortunato processo, un incidente, una vita spezzata, un’impotenza della medicina a poterlo salvare. In Francia oggi ci sono più di 1500 cerebrolesi in una situazione simile a quella di Vincent, ma è lui che è stato «scelto» per servire l’agit-prop dei partigiani della morte misericordiosadolce nome che i nazional-socialisti davano all’eutanasia. C’è sempre bisogno di «casi speciali» per far avanzare la causa, come successe nel caso alla sfortunata Jean Rose, pseudonimo di Norma McCovery, il cui nome è inseparabilmente legato all’emendamento Roe v. Wade, che permise di aprire la breccia del diritto all’aborto negli Stati Uniti. Ma, affinché il «caso» funzionasse (anche in Francia), era necessaria la complicità del sistema politico e legale che se ne servì, lo indirizzò e lo amplificò. E anche nel caso di Vincent Lambert la sinistra dello Stato macroniano a giocato perfettamente la sua partita.

Ricordiamoci che alla fine di maggio, quando per la prima volta era all’ordine del giorno la sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione per Vincent Lambert, il presidente Emmanuel Macron interpretava il ruolo di Ponzio Pilato dichiarando: «come presidente della Repubblica non ho il potere di contrastare una decisione che spetta al giudizio dei medici e che è conforme alle nostre leggi». Il Comitato dell’ONU per i Diritti delle Persone handicappate ordina però la ripresa dell’alimentazione e idratazione per conservare in vita il paziente. Questa ingiunzione di obbedienza è quindi rivolta allo Stato francese, ma Emmanuel Macron se ne lava le mani: lui è al di sopra dell’ONU, e non si ritiene legato alla più alta delle istituzioni internazionali. (Guarda caso: qualche volta anche L’ONU si mette al servizio della vita! Ndt). Ma Agnès Buzyn, la sua ministra per la solidarietà e la sanità ci spiega con calma che la Francia non è tenuta a rispettare quella richiesta, e che non ritiene di smentire quanto già deciso. Poi, alla fine, qualche giorno più tardi, il suo governo, sempre nella persona di Agnèz Buzyn, sceglie di ricorrere al parere della cassazione per esigere nuovamente la morte di Vincent Lambert. Si rimane stupefatti guardando tanto impegno da parte dei poteri pubblici, quando sarebbe stato sufficiente che Vincent fosse accolto in una struttura privata specializzata, in modo che potesse essere accudito dai suoi cari nel silenzio e nel raccoglimento! Un passo decisivo sta per essere perciò compiuto con l’implicazione delle strutture dello Stato, per un delitto.

I media dominanti sono (purtroppo) amici di riferimento (della politica) «nelle ore più buie della nostra storia». Ma, alla fine, dove sono adesso queste ore più buie della nostra storia? Dove sono, quando l’Assemblea nazionale supera il 5% dei suffragi, o quando lo Stato assassino, in buona coscienza, scarta coloro che non corrispondono alla norma, coloro che costano un po’ troppo alla società, coloro che decidono chi ha o non ha diritto di vivere? Gli eredi del III Reich non sono dove si crede che siano. (Sono in mezzo a noi! Ndt).

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Vincent-Lambert-un-meurtre-officiel

Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…