Un premio immeritato

Lo scrittore Antonio Scurati, vincitore del premio Strega per un libro sul fascismo, saluta con il pugno chiuso, facendo così professione di comunismo.
Siamo alla solita contrapposizione fittizia: chi non è fascista, deve essere comunista!
E’ il modo con cui la sinistra italiana è riuscita per decenni a cancellare gli stermini dei comunisti, persino quelli in Italia (dagli assassinati, a guerra finita, nel triangolo della morte, agli istriani…).


Ma Scurati non si limita al pugno chiuso: ha scritto una biografia di innumerevoli pagine sul fascismo, partendo dal 1919. Poichè Mussolini è nato nel 1883, si omette tutta la formazione culturale, filosofica, politica ed umana del futuro duce!

Perchè? per occultare il fatto che per anni Mussolini è stato uno dei leader del socialismo massimalista (cioè quello da cui sarebbe nato, nel 1921, il PCd’I).

Un breve PROMEMORIA, allora, per lo scrittore (che non è storico, e si vede, ma solo un furbacchione, o un ignorante): il fascismo deve moltissimo alla formazione SOCIALISTA di Benito Mussolini; alle sue muse, le donne SOCIALISTE Angelica Balabanoff e Margherita Sarfatti; al SOCIALISTA e massone, Alberto Beneduce, primo presidente dell’IRI…
per non parlare del rapporto di Mussolini con il socialista Cesare Battisti, con il quadrumviro ex socialista Michele Bianchi, con l’ex socialista Roberto Farinacci (ras di Cremona e futuro segretario del PNF), con i soldi del partito socialista francese (utilissimi, una volta abbandonata la direzione del quotidiano socialista l’Avanti, per mantenere in vita il nuovo quotidiano di Mussolini, Il popolo d’Italia) ecc.
Una volta per tutte andrebbe ricordato che tra i totalitarismi ci furono più somiglianze ideologiche, che contrasto: ebbero lo stesso humus culturale, le stesse radici hegeliane, statolatriche, secolarizzate, e mescolarono, in modo diverso, i medesimi ingredienti: cioè il socialismo ed il nazionalismo (da qui il nazionalsocialimo tedesco, ma anche il socialismo nazionalista sovietico).

Per approfondire : https://www.corriere.it/cultura/18_ottobre_13/m-antonio-scurati-romanzo-che-ritocca-la-storia-1055c170-cf09-11e8-a416-b8065213a278.shtml?fbclid=IwAR32srSLGDNBMcg9ehAuxCMitm61hnNfQa1EoRCN7VdMyrKLnYu99uMj3mY

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Karl Barth e la politica sudicia e malvagia

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel blog precedente ho ripreso alcune idee di Dietrich Bonhoeffer per mostrare come la teologia protestante non possa ammettere la Dottrina sociale della Chiesa e come abbia influito su questo punto anche sulla teologia cattolica. Era infatti inevitabile che la teologia cattolica, nel tentativo di intercettare i principi della modernità, si dovesse uniformare, più o meno, ai presupposti protestanti. Nel blog di oggi possiamo fare lo stesso esempio ma applicato a Karl Barth, considerato di gran lunga il più grande teologo luterano della storia recente. Con accentuazioni diverse da Bonhoeffer, anche Barth separa tra loro la vita pubblica e la fede, l’impegno politico e il cristianesimo. Leggi il seguito…

    • La priorità dei diritti sui doveri. In margine ad un libro di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon. Stefano Fontana nel suo libro Per una politica dei doveri, dopo il fallimento della stagione dei diritti (Cantagalli, Siena 2006) presenta il principio della Dottrina sociale della Chiesa e della teologia morale in genere secondo cui c’è una priorità dei doveri sui diritti. Anche a seguito della “questione sociale” moderna, il magistero petrino, tra il XIX e il XX secolo, è tornato spesso sul rapporto tra diritti e doveri, rilevando «l’incongruenza grave di diritti senza precedenti doveri»[1]. Leggi il seguito…

    • Il Papa individua un altro nemico: silurato il cardinale Becciu

      di Nico Spuntoni. "Dimissionato" da Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi e privato dei diritti connessi al Cardinalato. Questa è il duro provvedimento preso da papa Francesco nei confronti del cardinale Angelo Becciu. Il motivo non è stato spiegato ma si dà per scontato che riguardi lo scandalo legato all'acquisto di un palazzo a Londra, che ha già fatto cadere non poche teste eccellenti. Leggi il seguito…

    • M5S nel caos. Per i grillini conta solo la poltrona

      di Ruben Razzante. Di Maio punta sull’accordo organico con il Pd, Di Battista parla di sconfitta storica e invoca gli stati generali, Fico cerca di mediare e Grillo getta benzina sul fuoco. Ma se lui e il ministro degli Esteri cantano vittoria per il “sì” al referendum, perché il Movimento non accelera sulla legge elettorale così da rendere subito operativo il risparmio per il taglio dei parlamentari? Leggi il seguito…