Un premio immeritato

Lo scrittore Antonio Scurati, vincitore del premio Strega per un libro sul fascismo, saluta con il pugno chiuso, facendo così professione di comunismo.
Siamo alla solita contrapposizione fittizia: chi non è fascista, deve essere comunista!
E’ il modo con cui la sinistra italiana è riuscita per decenni a cancellare gli stermini dei comunisti, persino quelli in Italia (dagli assassinati, a guerra finita, nel triangolo della morte, agli istriani…).


Ma Scurati non si limita al pugno chiuso: ha scritto una biografia di innumerevoli pagine sul fascismo, partendo dal 1919. Poichè Mussolini è nato nel 1883, si omette tutta la formazione culturale, filosofica, politica ed umana del futuro duce!

Perchè? per occultare il fatto che per anni Mussolini è stato uno dei leader del socialismo massimalista (cioè quello da cui sarebbe nato, nel 1921, il PCd’I).

Un breve PROMEMORIA, allora, per lo scrittore (che non è storico, e si vede, ma solo un furbacchione, o un ignorante): il fascismo deve moltissimo alla formazione SOCIALISTA di Benito Mussolini; alle sue muse, le donne SOCIALISTE Angelica Balabanoff e Margherita Sarfatti; al SOCIALISTA e massone, Alberto Beneduce, primo presidente dell’IRI…
per non parlare del rapporto di Mussolini con il socialista Cesare Battisti, con il quadrumviro ex socialista Michele Bianchi, con l’ex socialista Roberto Farinacci (ras di Cremona e futuro segretario del PNF), con i soldi del partito socialista francese (utilissimi, una volta abbandonata la direzione del quotidiano socialista l’Avanti, per mantenere in vita il nuovo quotidiano di Mussolini, Il popolo d’Italia) ecc.
Una volta per tutte andrebbe ricordato che tra i totalitarismi ci furono più somiglianze ideologiche, che contrasto: ebbero lo stesso humus culturale, le stesse radici hegeliane, statolatriche, secolarizzate, e mescolarono, in modo diverso, i medesimi ingredienti: cioè il socialismo ed il nazionalismo (da qui il nazionalsocialimo tedesco, ma anche il socialismo nazionalista sovietico).

Per approfondire : https://www.corriere.it/cultura/18_ottobre_13/m-antonio-scurati-romanzo-che-ritocca-la-storia-1055c170-cf09-11e8-a416-b8065213a278.shtml?fbclid=IwAR32srSLGDNBMcg9ehAuxCMitm61hnNfQa1EoRCN7VdMyrKLnYu99uMj3mY

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…