Un premio immeritato

Lo scrittore Antonio Scurati, vincitore del premio Strega per un libro sul fascismo, saluta con il pugno chiuso, facendo così professione di comunismo.
Siamo alla solita contrapposizione fittizia: chi non è fascista, deve essere comunista!
E’ il modo con cui la sinistra italiana è riuscita per decenni a cancellare gli stermini dei comunisti, persino quelli in Italia (dagli assassinati, a guerra finita, nel triangolo della morte, agli istriani…).


Ma Scurati non si limita al pugno chiuso: ha scritto una biografia di innumerevoli pagine sul fascismo, partendo dal 1919. Poichè Mussolini è nato nel 1883, si omette tutta la formazione culturale, filosofica, politica ed umana del futuro duce!

Perchè? per occultare il fatto che per anni Mussolini è stato uno dei leader del socialismo massimalista (cioè quello da cui sarebbe nato, nel 1921, il PCd’I).

Un breve PROMEMORIA, allora, per lo scrittore (che non è storico, e si vede, ma solo un furbacchione, o un ignorante): il fascismo deve moltissimo alla formazione SOCIALISTA di Benito Mussolini; alle sue muse, le donne SOCIALISTE Angelica Balabanoff e Margherita Sarfatti; al SOCIALISTA e massone, Alberto Beneduce, primo presidente dell’IRI…
per non parlare del rapporto di Mussolini con il socialista Cesare Battisti, con il quadrumviro ex socialista Michele Bianchi, con l’ex socialista Roberto Farinacci (ras di Cremona e futuro segretario del PNF), con i soldi del partito socialista francese (utilissimi, una volta abbandonata la direzione del quotidiano socialista l’Avanti, per mantenere in vita il nuovo quotidiano di Mussolini, Il popolo d’Italia) ecc.
Una volta per tutte andrebbe ricordato che tra i totalitarismi ci furono più somiglianze ideologiche, che contrasto: ebbero lo stesso humus culturale, le stesse radici hegeliane, statolatriche, secolarizzate, e mescolarono, in modo diverso, i medesimi ingredienti: cioè il socialismo ed il nazionalismo (da qui il nazionalsocialimo tedesco, ma anche il socialismo nazionalista sovietico).

Per approfondire : https://www.corriere.it/cultura/18_ottobre_13/m-antonio-scurati-romanzo-che-ritocca-la-storia-1055c170-cf09-11e8-a416-b8065213a278.shtml?fbclid=IwAR32srSLGDNBMcg9ehAuxCMitm61hnNfQa1EoRCN7VdMyrKLnYu99uMj3mY

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    • Se il ministro dell’Istruzione invita gli studenti a fare sciopero come Greta

      di Giuseppe Leonelli. Il grillino Lorenzo Fioramonti ha dato la propria benedizione allo sciopero degli studenti approvando la scelta dei ragazzi di disertare la scuola. Fingendo di non capire che se il Ministro dell’istruzione benedice il boicottaggio delle lezioni degli studenti italiani da un lato rinnega il proprio mandato, dall’altro toglie peso alla protesta stessa. Senza un Sistema di regole, che il Ministro è chiamato come garante massimo delle Istituzioni a far rispettare, le proteste e la ribellione che valore hanno? Se chi trasgredisce le norme riceve il plauso di chi deve farle rispettare, allora vale tutto Leggi il seguito…

    • Amazzonia: Ratzinger e Rahner a confronto

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. L’Instrumentum laboris del prossimo sinodo dell’Amazzonia non parla mai di evangelizzazione ma solo di inculturazione, non parla mai di insegnare ma solo di ascoltare, non parla mai di fare domande ma di farsi domande, non di interrogare ma di farsi interrogare. In altre parole la Chiesa dovrebbe farsi “amazzonica”, nel senso di riformularsi (“disimparare, reimparare, imparare” dice il documento). Questa è appunto la posizione di Rahner e non quella di Ratzinger Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.