La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

Dottrina Sociale di Stefano Fontana.

La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare.

Le critiche della Chiesa allo Stato riguardavano la sua forma di Stato moderno, accentrato e burocratico, e soprattutto “sovrano”. Questa parola vuol dire lo Stato non riconosce sopra di sé alcuna altra autorità, ossia che si fonda su se stesso. In questo caso lo Stato diventa il Leviatano di cui scriveva Hobbes nel XVII secolo. Esso si sovrappone alla comunità politica, alla quale non viene riconosciuta nessuna originaria autorità propria, sicché il regime finisce per comandare in modo totatlizzante sulla comunità. La comunità politica non è più in grado di appellarsi a delle ragioni superiori, sia di ordine naturale che soprannaturale, per valutare e giudicare l’opera dello Stato, che quindi finisce per avere sempre ragione.

Queste critiche della Chiesa allo Stato moderno, ben presenti nelle encicliche preconciliari, sono applicabili non solo agli Stati assoluti o dittatoriali o totalitari, ma anche alle forme di “Stato di diritto” liberali, costituzionali, democratiche, repubblicane. E infatti il  magistero della Chiesa postconciliare ha esteso la critica anche a queste forme. Anche uno “Stato di diritto” può essere dittatoriale e anche una democrazia può essere totalitaria. Il decreto inappellabile di un Sovrano assoluto come Napoleone ha in fondo le stesse caratteristiche di una legge approvata a maggioranza, se pretende di esse fondamento di se stessa. In tutti e due i casi la validità della legge dipende da un atto di volontà, individuale nel primo caso e collettivo nel secondo. La differenza non è qualitativa ma quantitativa, ossia non c’è differenza alcune, perché la quantità non può produrre differenze di qualità dato che il più non viene dal meno.

In questo quadro, però, la Chiesa ha cominciato ad “apprezzare” lo Stato di diritto, intendendolo non come sovrano, ma come sottomesso alla legge. Per legge si intende non solo la legge positiva, quella in vigore per volontà del Legislatore, ma anche la legge naturale e, a fondamento dei questa, la legge eterna. Per la Dottrina sociale della Chiesa, lo Stato di diritto va apprezzato quando non si fonda sui diritti, ma fonda i diritti sul diritto, ossia sull’ordine oggettivo della realtà da cui promana la legge naturale. Per Stato di diritto va allora inteso lo Stato che non si ritiene fondamento assoluto e sovrano della legge, ma si intende come sottoposto ad una legge morale prima di tutto e giuridica poi a carattere universale.

Per questo motivo, la Dottrina sociale della Chiesa da un lato invita a non considerare lo Stato la fonte ultima ed unica del diritto, e dall’altro invita a rispettare le leggi dello Stato a meno che esse non contrastino in modo evidente con aspetti fondamentali della legge naturale e del diritto divino perché in questo caso meriterebbero l’obiezione della coscienza. In questo senso, Benedetto XVI, nella Caritas in veritate (2009), ha invitato a “non proclamare troppo affrettatamene la fine dello Stato” (41). Gli stessi aiuti internazionali devono tenere conto dell’importanza degli Stati e, nei Paesi in cui l’apparato statale è debole, esso va rafforzato. La cosiddetta “società civile internazionale” – alla quale di solito vanno ascritte le attività delle Ong – non può avere la preminenza rispetto agli Stati, perché non detiene una superiore autorità politica. Essa può vantare una legittima autonomia, ma non il diritto di infrangere le leggi degli Stati, ove queste sono finalizzare, per esempio, alla difesa del territorio nazionale.

Per questi motivi, la nota vicenda della nave “Sea Watch 3”, al di là di tutti gli aspetti particolari che semmai aumentano l’illiceità morale e giuridica del fatto, non rientra minimamente nelle direttive della Dottrina sociale della Chiesa e non può essere difesa a partire da essa. Il caso in questione non può essere contemplato come l’atto di una nuova Antigone che preferisce, a proprio danno, seguire la legge degli Dei alla legge dello Stato.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…