La repubblica dei giudici, l’eredità di Borrelli

di Peppino Zola.

La morte del capo del pool di “Mani Pulite” non può esimerci dal giudicare l’impatto che la sua influenza ha avuto nella vita sociale del nostro Paese. Se l’aspetto positivo è il tentativo di ricondurre entro le regole i rapporti tra imprenditoria e politica, non c’è dubbio che l’azione della procura di Milano ha minato il benessere del popolo e inaugurato l’era del giustizialismo.

Di fronte al mistero della morte, che mette sempre in gioco il senso della vita, occorre, innanzi tutto, un atteggiamento di silenzio e di preghiera. Di fronte alla morte di persone “importanti”, però, non ci si può sottrarre al compito ingrato di legare questo triste evento all’influenza che tali persone hanno avuto nella vita sociale e pubblica. È accaduto, in questi giorni, in misura esagerata per lo scrittore Andrea Camilleri e, in misura minore, per Luciano De Crescenzo. È inevitabile che la morte, ieri, di Francesco Saverio Borrelli ci debba indurre a qualche riflessione sul ruolo determinante che egli ebbe nell’esperienza di “Mani Pulite”, spinto dall’irruenza del suo sottoposto Di Pietro.

Come in tutte le cose umane, in quell’esperienza si sono mischiati alcuni aspetti condivisibili, insieme a molti aspetti che si sono mostrati negativi per l’intero nostro Paese. Può essere visto positivamente il tentativo di ricondurre entro regole legittime sia moralmente che giuridicamente i rapporti tra molta imprenditoria ed il potere pubblico. Dopo cinquanta anni di vita democratica, occorreva correggere abitudini invalse nella gestione del potere.

A fronte di questa problematica, altri aspetti si sono rilevati deleteri. Accenno ad alcuni di essi.

Un solitario grande profeta del nostro tempo ebbe a sottolineare un pericolo insito nell’operare frenetico della procura di Milano (e non solo) ed era quello di colpire il benessere del popolo. E ciò, infatti, avvenne. L’Italia, anche a seguito dell’azione di “Mani Pulite”, perse alcune grandi industrie, in primis quella chimica, il che inevitabilmente impoverì l’intero Paese, che subì anche un discredito generale che allontanò molti investimenti. Le procure non ebbero a cuore l’interesse complessivo del Paese, ma vissero, almeno in alcuni momenti, con l’unico intento di “rivoltare il Paese come un calzino”. Impresa che, peraltro, non è riuscita, anche perché noi sappiamo che nell’uomo (ed anche nei giudici) c’è il peccato originale, che non può essere purificato solo con le leggi e con i processi.

Inoltre, l’azione delle procure fu molto unilaterale dal punto di vista politico:essa portò all’annientamento di alcuni partiti (soprattutto DC e PSI), ma toccò solo superficialmente il PCI, il quale veniva finanziato anche dall’URSS, che pure aveva puntati dei missili contro il nostro Paese. Ho sempre avuto il sospetto che alcune grandi potenze avessero un unico interesse: quello di far fuori Andreotti e Craxi, considerati troppo filoarabi. Sta il fatto che vennero colpiti alcuni, ma non tutti.

L’aspetto più importante e più duraturo dell’azione dissennata del pool di Mani Pulite (sostenuto da una opinione pubblica scriteriata) è stato quello di dare inizio ad una tendenza che si è andata sempre più rafforzando e che definirei con il termine “giustizialismo”. Da allora, la magistratura ha assunto sempre maggiori poteri di fatto (e anche di diritto), determinando la nascita e la caduta di governi, di giunte regionali, provinciali e comunali e di varie cariche amministrative.

Tutto cominciò quando il peggiore presidente della Repubblica si rifiutò di firmare un decreto sgradito ai PM di Milano: da allora, la magistratura ha potuto percorrere una strada di sola discesa verso l’acquisizione di sempre maggiori poteri, violando, tra l’altro, le norme costituzionali che prevedono che i giudici sono soggetti solo alle leggi (ma non è loro compito farle) e che stabiliscono che ogni cittadino si debba considerare innocente fino alla condanna definitiva. Oggi basta un avviso di garanzia (debitamente pubblicizzato da una stampa connivente) per rovinare una persona o porre nel nulla una iniziativa politica. Oggi il vero potere reale è in mano ai giudici e ciò è contrario alla nostra Costituzione.

Tutto ciò sta avvenendo anche grazie alla debolezza della politica, sempre remissiva e senza dignità di fronte alle sortite della magistratura, che, come si è visto recentemente a proposito del CSM, si è messa a fare direttamente politica. Visto che sono passati 27 anni dall’inizio di “Mani Pulite”, sarebbe ora che la politica si svegliasse, anche se molti politici (Giggino in testa) sono più giustizialisti degli stessi magistrati.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto in Umbria: si dice “lista civica”, si legge 5 Stelle

      di Ruben Razzante. E’ una vera e propria ipocrisia, un inganno ideologico ideato dalla politica “populista” per conquistare voti senza metterci la faccia, continuando a usare il consenso popolare per gestire il potere. La scommessa del “civismo”, in questa fase storica, sembra sommarsi a quella, purtroppo al momento vincente, del camaleontismo trasformistico. La formazione del Conte bis ha svelato il vero volto del nuovo inedito asse Pd-Cinque Stelle fondato sulla conquista delle leve del comando anche a prezzo della definitiva eclissi di qualsiasi criterio di coerenza culturale e politica. Leggi il seguito…

    • Macron e “Giuseppi”, la nuova coppia, in nome dell’Europa accogliente

      di Anicio Severino. Passa la scialuppa “Matteo Salvini” e Conte salta su. Passa l’imbarcazione macroniana e Conte salta pure su quella. Guardate che un cambio di gioco così, almeno nei tempi recenti, non si era ancora visto. Conte c’è e predica europeismo. “Sono stato sempre molto attento per formazione civica alla vita politica, la mia formazione è di sinistra nel cattolicesimo democratico. Anche quando ho parlato di immigrazione ho sempre ragionato rifuggendo la formula porti aperti o porti chiusi”. Lo ha detto per davvero, non per scherzo, nel corso della festa di Articolo Uno. Ce lo teniamo. Serva al centrodestra tutto come monito Leggi il seguito…

    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.