La Messa, una foresta di simboli

Clicca sulla copertina per info

A otto anni dalla pubblicazione in Francia, vede finalmente la luce, per i tipi di Fede & Cultura, l’edizione italiana del volume Una foresta di simboli, a firma del reverendo Claude Barthe. Il libro, il cui titolo rimanda alla nota poesia Corrispondenze di Charles Baudelaire, è ben documentato, accessibile a tutti, e tratta del significato mistico-allegorico della Messa di San Pio V secondo uno stile eminentemente dottrinale e spirituale.
Del resto, come sottolinea il cardinale Robert Sarah, autore della prefazione, in seguito al declino del commento mistico della Messa dopo la fine del XVII secolo e anche a causa della catechesi contemporanea – dal razionalismo al metodostorico-critico novecentesco il passo fu breve – almeno da una cinquantina di anni la maggior parte dei fedeli ignora il senso allegorico della Messa, e ciò è di pregiudizio a una giusta comprensione, conforme alla dottrina cattolica, del Mistero della Fede che è celebrato nella Liturgia. Al crescente disinteresse per la Messa “tradizionale” – l’uso delle

virgolette è d’obbligo – si è poi aggiunto, in concomitanza con l’introduzione del Novus Ordo montiniano, lo svilimento del rito a parata collettiva, tutta chitarre e schiamazzi, in cui ogni sacralità è assente.
È dunque importante imparare a scoprire o a riscoprire la Liturgia della santa Messa come la Chiesa l’ha trasmessa, a partire da una spiegazione mistica e allegorica autentica, che costituisce in qualche modo la sostanza dei riti, proprio come la linfa, invisibile sotto la corteccia di un albero, lo irriga dandogli vita e crescita.
Il pericolo, infatti, è quello di cadere nell’errore di considerare la Messa come un’opera puramente umana, suscettibile di cambiamenti e manipolazioni, perdendo al contempo il profondo significato spirituale che si nasconde dietro ogni suo più piccolo dettaglio: dai paramenti ai gesti del sacerdote, dalle preghiere agli oggetti del culto divino. Nella Liturgia ogni cosa fa leva sul sensibile, ma solo per superarlo costantemente. Non a caso Pio XII, nell’enciclica Mediator Dei, non mancò di sottolineare come il sacrificio dell’altare, interamente riferito al sacrificio del Golgota, si attui con il rendersi presente del Cristo glorioso sotto il segno delle specie separate; esso è un atto di oblazione e di immolazione che si realizza attraverso la doppia consacrazione.
In Una foresta di simboli Claude Barthe spiega le cerimonie della Messa romana con precisione ed erudizione, non disdegnando nemmeno qualche puntatina nella storia della liturgia e attingendo a una lunga tradizione interpretativa che risale ai Padri della Chiesa. Due sono le chiavi di lettura di questa tradizione: la Messa come teologia della vittoria, con il sacrificio dell’Agnello che trionfa sul peccato e sulla morte, e il corso della Liturgia come storia della salvezza, dell’ingresso di Cristo nel mondo (l’introito) all’Ascensione (il congedo).
Nell’insieme si tratta dunque di un volume interessantissimo, un utile vademecum non solo per chi si avvicina al cosiddetto Vetus Ordo per la prima volta, ma anche per tutti coloro che desiderano capire ancora più a fondo il senso di una Messa a cui sono abituati già da tempo. Ne deriverà sicuramente una rinnovata consapevolezza nonché una non meno importante crescita spirituale.Articolo di Luca Fumagalli
Il libro: Claude Barthe, Una foresta di simboli. Il senso mistico-allegorico della Messa tradizionale, Verona, Fede & Cultura, 2019, 208 pagine, Euro 20.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e scuola: alle radici del problema

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Alla Dottrina sociale della Chiesa è sempre appartenuta la dottrina della “Regalità sociale di Cristo”. Questa è stata direttamente enunciata in molte encicliche preconciliari. In quelle postconciliari non è più stata affermata con chiarezza, quanto piuttosto presupposta indirettamente, quindi non obliata ma oscurata. In ogni caso non è mai stata formalmente negata. Leggi il seguito…

    • «Sinodo Amazzonia, un pretesto per cambiare la Chiesa»

      di Riccardo Cascioli. Il cardinale Gerhard Müller, già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, boccia senza appello l'Instrumentum Laboris del Sinodo per l'Amazzonia: «Nasce da una visione ideologica che nulla ha a che fare con il cattolicesimo». «Trattano il nostro Credo come se fosse una nostra opinione europea, ma il Credo è la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo, che vive nella Chiesa. Non ci sono altri credo».«Dobbiamo rifiutare in modo assoluto espressioni come “conversione ecologica”. C’è solo la conversione al Signore, e come conseguenza c’è anche il bene della natura». «I sacramenti non sono riti che ci piacciono e il sacerdozio non è una categoria sociologica». «La Rivelazione di Dio in Cristo si fa presente nei sacramenti, e la Chiesa non ha alcuna autorità per cambiare la sostanza dei sacramenti». Leggi il seguito…

    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.