Giovanardi (Idea), “dopo Angeli e Demoni stop ad incarico a Cismai”

da adnkronos.com

Sulla delicata e controversa questione della tutela dei bambini, tema di grande attualità dopo l’indagine ‘Angeli e demoni’, chiediamo al Governo italiano di chiarire come sia possibile che vengano spesi dati agghiaccianti sull’abuso nel nostro Paese che hanno come fonte la ‘Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia’, promossa nel 2015 dall’allora Presidente dell’Autorità garante per l’infanzia e adolescenza, l’attuale sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Vincenzo Spadafora e affidata all’Associazione Terre de Hommes ed al chiacchieratissimo Cismai (Coordinamento italiano servizi maltrattamenti infanzia – ndr)“. Lo dichiara Carlo Giovanardi (IdeA), già Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Famiglia nel governo Berlusconi, invocando l’intervento del Governo “sulla Garante perché revochi immediatamente l’incarico affidato al Cismai“.

Nella ‘Indagine nazionale’ – spiega Giovanardi , che denunciò a suo tempo in Parlamento le gravissime anomalie delle inchieste sui Diavoli della bassa modenese e le maestre di Rignano Flaminio vengono sparati dati secondo i quali un adulto su quattro nel mondo è stato abusato fisicamente da bambino, e una donna su cinque e un uomo su dieci avrebbe subito abusi sessuali da bambino, mentre in Europa di ben 18 milioni di bambini sarebbero vittime di abusi sessuali (13,7% delle bambine, 5,7% dei bambini). L’attuale Garante per l’Infanzia Filomena Albano – continua Giovanardi – ha affidato nuovamente al Cismai l’incarico di aggiornare l’Indagine nazionale, da cui emerge fra l’altro che il costo per la collettività dei servizi a tutela dell’infanzia ammonta nel nostro paese complessivamente a 13 miliardi di euro, con un aumento di spesa annuale di circa un miliardo di euro per i nuovi casi che emergono, come quelli di Bibbiano”.

Chiediamo pertanto al Governo – conclude l’ex sottosegretario – di intervenire sulla Garante perché revochi immediatamente l’incarico affidato al Cismai, le cui teorie sugli abusi, riprese dall’Associazione Hansel e Gretel di Claudio Foti, secondo il quale gli abusi riguarderebbero addirittura il 75% dei bambini italiani, sono duramente contestate dal mondo scientifico, per incaricare associazioni e istituzioni che diano garanzia di imparzialità e rigore professionale per combattere quell’immondo crimine costituito dai veri abusi”.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…