Beatificazioni politicamente scorrette

Il cardinal Angelo Becciu, in nome e con l’autorità di papa Francesco, ha celebrato pochi giorni fa il solenne rito di beatificazione di 14 religiose francescane spagnole, trucidate dai rossi agli inizi della cosiddetta guerra civile (1936-1939). E il rito si iscrive nelle polemiche tra il governo spagnolo e la Chiesa locale circa il destino del cadavere del Caudillo Francisco Franco (1892-1975). Cadavere che alcuni estremisti antifranchisti vorrebbero dissotterrare dal cimitero, sito nella Valle de los caidos, per la ragione politico-ideologica che in loco attirerebbe una folla di aficionados e di simpatizzanti.

L’Osservatore Romano ha riportato integralmente l’omelia del presule Becciu. Un’omelia intensa con cui si fa brevemente la sintesi del martirio delle suore e il suo contesto storico. Senza celare la natura anticristiana di coloro che fecero stragi efferate e senza limiti, in nome della liberazione della Spagna dal clericalismo e per il trionfo mondiale del comunismo, già vittorioso nel 1917 in Russia.

Alcuni passaggi dell’omelia vanno ricordati poiché rompono la cappa di ferro del politicamente corretto, imposto sulla guerra civile spagnola nelle scuole di Stato e nelle facoltà. Secondo cui da una parte ci sarebbero i cattivi, ovvero i nazionalisti, i monarchici, i falangisti e i franchisti, e dall’altra, pur con degli eccessi, le forze della libertà, della pace e del progresso…

Secondo mons. Becciu invece, la persecuzione subita dai cattolici spagnoli negli anni 30 del secolo scorso, “pretendeva di eliminare la Chiesa”. Ed in realtà, “Fu proprio l’avversione a Dio e alla fede cristiana che ne determinò il martirio”. Oggi, molti storici anche ufficialmente cattolici, i cui nomi preferiamo non menzionare per carità di Chiesa, tendono a sminuire questa inoppugnabile verità. Ovvero il fatto che il comunismo, sorto con Karl Marx (1818-1883) e Friedrich Engels (1820-1895), era ed è portatore di una profonda “avversione a Dio e alla fede”.

Ed un conto è dire che un’ideologia qualsiasi abbia proposto soluzioni politiche ed economiche rivelatesi sbagliate o comunque mal applicate; un conto è ricordare il dna assolutamente antireligioso e persecutorio del comunismo, verso cui molti cattolici italiani del secondo dopo guerra hanno guardato con tanta simpatia. Tanto da far coniare l’espressione, purtroppo non più ossimorica, di “catto-comunista”…

Spesso presuli e prelati, più o meno accoglienti e tolleranti, aperti e guardanti a sinistra, nascondono in libri, articoli e prediche le brutalità fattuali del comunismo – descritte ormai in moltissimi libri – dedicandosi a denunciare unicamente quelle del nazismo, o preferendo più pudicamente parlare dei “totalitarismi del Novecento”.

In cui a volte il comunismo come tale, neppure figurerebbe, ma solo la sua versione più oltranzista, chiamata a torto “stalinismo” e visto come un ribaltamento e non la naturale prosecuzione, come fu, del “leninismo”.

Ma in Spagna negli anni ’30, o in Cina negli anni 50, StalinLenin non c’erano. E in verità ovunque ci fu una rivoluzione rossa – dall’Africa, all’Asia, dalla Cina alla Spagna – prima si parlava di diritti e lavoro per tutti, ma poi si finiva con gulag, esecuzioni sommarie ed altre amenità (si veda il racconto agghiacciante di Francine-Dominique LiechtmanIl laboratorio del Gulag, Lindau, 2019, con la lista dei 476 gulag istituiti nell’URSS fin dal 1923, già sotto l’egida di Lenin dunque).

Le 14 religiose francescane trucidate nel 1936 e ora beatificate erano suore di clausura e si dedicavano alla contemplazione, alla preghiera, al canto e al ricamo di ornamenti per gli addobbi delle chiese. “L’integrità spirituale e morale di queste donne è giunta sino a noi”, continua Becciu, raccontando infine l’episodio tragico e assieme eroico della strage. 

“Nell’assalto al monastero di Madrid gli assalitori gridavano: Mueran las monjas! E queste morirono esclamando: Viva Cristo Rey!”. Ad alcune monache che erano fuggite e si erano nascoste, in abiti civili, presso famiglie amiche, i miliziani chiesero: “Vosotras sois monjas?”. Al che le suore risposero con fermezza e con un sorriso di sfida: “Sì, por la gracia de Dìos”.

Il comunismo ispanico è stato profondamente feroce e crudele come spiega dettagliatamente lo storico Mario Iannaccone (cfr. PersecuzioneLa repressione della Chiesa in Spagna tra seconda repubblica e guerra civile, Lindau). E i pontefici recenti, Giovanni Paolo IIBenedetto XVIFrancesco, hanno già beatificato e canonizzato oltre un migliaio di martiri della cieca violenza rossa. Specie tra i religiosi e le religiose di vari ordini (francescani, domenicani, oratoriani, passionisti, scolopi, salesiani, etc.). Ma anche tra i parroci, sacerdoti, vescovi, laici impegnati nell’apostolato, catechisti, padri e madri di famiglia che non nascondevano la loro fede e la loro opposizione al regime ateo che si voleva imporre sulle rovine della Spagna cristiana.

Anche oggi, nell’intero Occidente esiste una persecuzione silenziosa, subdola e malcelata fatta ai cristiani, in primis a quelli che rifiutano i compromessi e non sono pronti a cedere sui principi non negoziabili della tutela della vita, della famiglia e della morale… I testimoni di allora diano forza e coraggio a chi intende testimoniare oggi la bellezza del Vangelo e la necessità storica della civiltà cristiana.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e scuola: alle radici del problema

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Alla Dottrina sociale della Chiesa è sempre appartenuta la dottrina della “Regalità sociale di Cristo”. Questa è stata direttamente enunciata in molte encicliche preconciliari. In quelle postconciliari non è più stata affermata con chiarezza, quanto piuttosto presupposta indirettamente, quindi non obliata ma oscurata. In ogni caso non è mai stata formalmente negata. Leggi il seguito…

    • «Sinodo Amazzonia, un pretesto per cambiare la Chiesa»

      di Riccardo Cascioli. Il cardinale Gerhard Müller, già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, boccia senza appello l'Instrumentum Laboris del Sinodo per l'Amazzonia: «Nasce da una visione ideologica che nulla ha a che fare con il cattolicesimo». «Trattano il nostro Credo come se fosse una nostra opinione europea, ma il Credo è la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo, che vive nella Chiesa. Non ci sono altri credo».«Dobbiamo rifiutare in modo assoluto espressioni come “conversione ecologica”. C’è solo la conversione al Signore, e come conseguenza c’è anche il bene della natura». «I sacramenti non sono riti che ci piacciono e il sacerdozio non è una categoria sociologica». «La Rivelazione di Dio in Cristo si fa presente nei sacramenti, e la Chiesa non ha alcuna autorità per cambiare la sostanza dei sacramenti». Leggi il seguito…

    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.