Beatificazioni politicamente scorrette

Il cardinal Angelo Becciu, in nome e con l’autorità di papa Francesco, ha celebrato pochi giorni fa il solenne rito di beatificazione di 14 religiose francescane spagnole, trucidate dai rossi agli inizi della cosiddetta guerra civile (1936-1939). E il rito si iscrive nelle polemiche tra il governo spagnolo e la Chiesa locale circa il destino del cadavere del Caudillo Francisco Franco (1892-1975). Cadavere che alcuni estremisti antifranchisti vorrebbero dissotterrare dal cimitero, sito nella Valle de los caidos, per la ragione politico-ideologica che in loco attirerebbe una folla di aficionados e di simpatizzanti.

L’Osservatore Romano ha riportato integralmente l’omelia del presule Becciu. Un’omelia intensa con cui si fa brevemente la sintesi del martirio delle suore e il suo contesto storico. Senza celare la natura anticristiana di coloro che fecero stragi efferate e senza limiti, in nome della liberazione della Spagna dal clericalismo e per il trionfo mondiale del comunismo, già vittorioso nel 1917 in Russia.

Alcuni passaggi dell’omelia vanno ricordati poiché rompono la cappa di ferro del politicamente corretto, imposto sulla guerra civile spagnola nelle scuole di Stato e nelle facoltà. Secondo cui da una parte ci sarebbero i cattivi, ovvero i nazionalisti, i monarchici, i falangisti e i franchisti, e dall’altra, pur con degli eccessi, le forze della libertà, della pace e del progresso…

Secondo mons. Becciu invece, la persecuzione subita dai cattolici spagnoli negli anni 30 del secolo scorso, “pretendeva di eliminare la Chiesa”. Ed in realtà, “Fu proprio l’avversione a Dio e alla fede cristiana che ne determinò il martirio”. Oggi, molti storici anche ufficialmente cattolici, i cui nomi preferiamo non menzionare per carità di Chiesa, tendono a sminuire questa inoppugnabile verità. Ovvero il fatto che il comunismo, sorto con Karl Marx (1818-1883) e Friedrich Engels (1820-1895), era ed è portatore di una profonda “avversione a Dio e alla fede”.

Ed un conto è dire che un’ideologia qualsiasi abbia proposto soluzioni politiche ed economiche rivelatesi sbagliate o comunque mal applicate; un conto è ricordare il dna assolutamente antireligioso e persecutorio del comunismo, verso cui molti cattolici italiani del secondo dopo guerra hanno guardato con tanta simpatia. Tanto da far coniare l’espressione, purtroppo non più ossimorica, di “catto-comunista”…

Spesso presuli e prelati, più o meno accoglienti e tolleranti, aperti e guardanti a sinistra, nascondono in libri, articoli e prediche le brutalità fattuali del comunismo – descritte ormai in moltissimi libri – dedicandosi a denunciare unicamente quelle del nazismo, o preferendo più pudicamente parlare dei “totalitarismi del Novecento”.

In cui a volte il comunismo come tale, neppure figurerebbe, ma solo la sua versione più oltranzista, chiamata a torto “stalinismo” e visto come un ribaltamento e non la naturale prosecuzione, come fu, del “leninismo”.

Ma in Spagna negli anni ’30, o in Cina negli anni 50, StalinLenin non c’erano. E in verità ovunque ci fu una rivoluzione rossa – dall’Africa, all’Asia, dalla Cina alla Spagna – prima si parlava di diritti e lavoro per tutti, ma poi si finiva con gulag, esecuzioni sommarie ed altre amenità (si veda il racconto agghiacciante di Francine-Dominique LiechtmanIl laboratorio del Gulag, Lindau, 2019, con la lista dei 476 gulag istituiti nell’URSS fin dal 1923, già sotto l’egida di Lenin dunque).

Le 14 religiose francescane trucidate nel 1936 e ora beatificate erano suore di clausura e si dedicavano alla contemplazione, alla preghiera, al canto e al ricamo di ornamenti per gli addobbi delle chiese. “L’integrità spirituale e morale di queste donne è giunta sino a noi”, continua Becciu, raccontando infine l’episodio tragico e assieme eroico della strage. 

“Nell’assalto al monastero di Madrid gli assalitori gridavano: Mueran las monjas! E queste morirono esclamando: Viva Cristo Rey!”. Ad alcune monache che erano fuggite e si erano nascoste, in abiti civili, presso famiglie amiche, i miliziani chiesero: “Vosotras sois monjas?”. Al che le suore risposero con fermezza e con un sorriso di sfida: “Sì, por la gracia de Dìos”.

Il comunismo ispanico è stato profondamente feroce e crudele come spiega dettagliatamente lo storico Mario Iannaccone (cfr. PersecuzioneLa repressione della Chiesa in Spagna tra seconda repubblica e guerra civile, Lindau). E i pontefici recenti, Giovanni Paolo IIBenedetto XVIFrancesco, hanno già beatificato e canonizzato oltre un migliaio di martiri della cieca violenza rossa. Specie tra i religiosi e le religiose di vari ordini (francescani, domenicani, oratoriani, passionisti, scolopi, salesiani, etc.). Ma anche tra i parroci, sacerdoti, vescovi, laici impegnati nell’apostolato, catechisti, padri e madri di famiglia che non nascondevano la loro fede e la loro opposizione al regime ateo che si voleva imporre sulle rovine della Spagna cristiana.

Anche oggi, nell’intero Occidente esiste una persecuzione silenziosa, subdola e malcelata fatta ai cristiani, in primis a quelli che rifiutano i compromessi e non sono pronti a cedere sui principi non negoziabili della tutela della vita, della famiglia e della morale… I testimoni di allora diano forza e coraggio a chi intende testimoniare oggi la bellezza del Vangelo e la necessità storica della civiltà cristiana.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…