Sovrani, ma sul serio

di Marcello Veneziani.

Sovrano non è chi segue la realtà ma chi la cambia, decide un altro corso. Il male principale della nostra epoca è la riduzione dei processi storici e umani a puro automatismo: ovvero non si può fare che in questo modo, la tecnica o i bilanci hanno delle esigenze rigide, matematiche, da cui non si può prescindere e tantomeno derogare. Sovrano è colui che libera l’uomo dall’automa e lo restituisce alla responsabilità di decidere. La sovranità in questa fase si ribella al fatalismo della tecnica e della finanza, non sottosta al suo diktat ma si pone appunto sopra e restituisce facoltà di decidere non solo le azioni ma anche le norme su cui fondare l’autonomia

****************

È possibile in questo frangente sospendere per un momento le cifre e gli indici, e tirar fuori un’idea politica? La riassumo in una parola chiave: sovranità. Una parola che è affermazione di principio, rivendicazione di competenza e di responsabilità, assegnazione di compiti e azioni conseguenti. Non è un concetto astratto ma si esprime in vari ambiti reali dove si esercita il potere e il consenso, la vita e lo spazio pubblico. La sovranità non è solo il potere sugli uomini e sulle cose, ma è il riconoscimento, o l’invocazione, di un principio o di un atto che non si inscrive dentro il fluire ordinario delle cose, ma che lo sovrasta, s’innalza sopra l’accadere e dunque lo modifica. Sovrano non è chi segue la realtà ma chi la cambia, decide un altro corso. Il male principale della nostra epoca è la riduzione dei processi storici e umani a puro automatismo: ovvero non si può fare che in questo modo, la tecnica o i bilanci hanno delle esigenze rigide, matematiche, da cui non si può prescindere e tantomeno derogare. Sovrano è colui che libera l’uomo dall’automa e lo restituisce alla responsabilità di decidere. La sovranità in questa fase si ribella al fatalismo della tecnica e della finanza, non sottosta al suo diktat ma si pone appunto sopra e restituisce facoltà di decidere non solo le azioni ma anche le norme su cui fondare l’autonomia. Applichiamo così la sovranità ai diversi ambiti.

Sovranità politica rispetto all’economia e ai mercati perché la politica resta, nonostante tutto, il luogo in cui si rappresentano e si tutelano gli interessi generali e i principi condivisi, il luogo in cui l’identità di un popolo si fa volontà di destino. La tecnica espleta le procedure, alla politica tocca però decidere l’orientamento, la direzione, le priorità. Sovranità nazionale per affermare l’importanza decisiva dell’unità, della sua tradizione e della sua dignità che non può essere umiliata e svenduta da poteri anonimi e sovranazionali, che rispondono solo ai propri obbiettivi privati. Anche nella prospettiva europea non si può saltare, per esempio col fiscal compact, il gradino della sovranità nazionale. È possibile integrare nel contesto europeo le sovranità nazionale, non dis-integrarle. Sovranità popolare perché non si può calpestare la volontà di un popolo espressa dalla sua maggioranza subordinando un paese alle oligarchie finanziarie e tecnocratiche, burocratiche e giudiziarie, ideologiche e mediatiche. Non deifichiamo la democrazia e le maggioranze, conosciamo bene i loro limiti e le loro storture, ma resta primario ancorarsi al sentire comune.

Sovranità monetaria perché un paese resta sovrano se dispone della sua moneta, se è in grado di governarla e non di esserne succube, se non è strozzato dagli imperativi finanziari, dai paradigmi tecnici o dalle ingiunzioni delle agenzie di rating. La moneta dev’essere al servizio dei cittadini, e non il contrario.

Sovranità linguistica, nel senso che in Italia la lingua sovrana resta l’italiano. Va incoraggiato il plurilinguismo, va diffuso l’inglese, tutelati i dialetti, ma l’italiano va difeso e promosso perché è il segno vivente e parlante della nostra identità e insieme è una delle lingue più nobili e gloriose al mondo. Infine sovranità statuale perché uno Stato non può fallire ed elemosinare aiuti dalle banche, la nostra economia reale è solida, le nostre riserve auree sono rilevanti e le famiglie italiane dispongono di beni reali come le case. Non può lo Stato abdicare in favore dei mercati, delle banche o di poteri per definizione irresponsabili nel senso che non rispondono a nessuno.

MV, da Lettera agli italiani (2015)

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.