Processo ai magistrati

di Marcello Veneziani.

Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni

****************

È terribile il discredito e l’autodiscredito che la Magistratura è riuscita a conseguire in questi anni ed è persino peggio dell’inaffidabilità dei politici perché questa riguarda i governi e i parlamenti e invece la caduta delle toghe investe lo Stato. I primi mutano, vengono eletti e possono essere bocciati, ma lo Stato no, è la spina dorsale di una società civile, la struttura che porta il peso del corpo sociale, e le istituzioni sono la sua ossatura. La brutta storia del CSM, che arriva fino al Quirinale, è solo il gradino supremo di una perdita progressiva e temo irreversibile di ruolo e di fiducia.

In principio fu l’ammirazione verso i magistrati al tempo della lotta alla mafia. Falcone e Borsellino col loro esempio proiettarono la magistratura nel grado più alto di credibilità e di fiducia della gente. Era il ’92 mentre scattava quella gigantesca operazione chiamata Mani pulite, che ebbe all’inizio grande favore popolare. Apparve che i magistrati stessero bonificando la politica e la società, lottando la corruzione e la criminalità e che fossero quell’organo arbitrale, severo e rigoroso, che pagava anche di persona, pur di far rispettare la legge. Furono dissipate le ombre di connivenza del potere giudiziario con la politica e i poteri forti, e furono isolati i casi di magistrati che avevano stabilito un torvo modus vivendi con la criminalità organizzata. La seconda repubblica non sarebbe nata senza il loro impulso.

Col passare del tempo però, lo strapotere della magistratura, la visibilità dei magistrati, in taluni casi il loro esibizionismo, l’uso discrezionale e disinvolto del loro potere, il capitolo dei risarcimenti ai giudici e delle loro consulenze, l’impunibilità dei magistrati che compivano pesanti errori e non in buona fede, il loro accanimento su un versante della politica, l’emergere del filone più fanatico delle toghe rosse, incrinò la credibilità del suo operato e spaccò il paese tra garantisti e giustizialisti. La vicenda Berlusconi fu l’apoteosi di quella frattura tra chi chiedeva quasi l’impunità della politica in nome del consenso popolare e all’opposto di chi chiedeva di distruggere governi e forze politiche a colpi di sentenze.

Si sbandierò più volte che Berlusconi stava facendosi leggi pro domo sua, ma alla fine della fiera, Berlusconi riuscì a far poco e nulla sulla giustizia, e scontò i suoi debiti. In compenso, per anni, mentre nel mondo scoppiava una crisi economica devastante che avrebbe presto toccato anche l’Italia, da noi il tema dominante era sapere se Berlusconi facesse sesso, se pagasse le compiacenti favorite, se sapesse che qualcuna di loro non era maggiorenne. Un paese fu paralizzato intorno all’organo sessuale di Berlusconi. Politica, governo, media e magistratura ruotarono intorno a questo. E tutto ciò accadeva mentre gran parte dei reati in Italia restava impunito, i tempi della giustizia erano lunghi e già per questo ingiusti, le inefficienze del sistema giudiziario erano vistose come i passaggi di molti magistrati alla politica, per continuare la guerra con altri mezzi.

Ma la degenerazione della Magistratura non finì con l’ultimo governo Berlusconi, otto anni fa. Proseguì la sua marcia discendente, acuendosi negli ultimi tempi e con l’ultimo governo.

Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni:

1) I delinquenti faticosamente arrestati dalle forze dell’ordine e rimessi in libertà da magistrati indulgenti; 2) la preferenza nel garantire i delinquenti più che le loro vittime, soprattutto nei casi di legittima difesa; 3) l’indulgenza verso l’immigrazione clandestina, le espulsioni e l’illegalità praticata; 4) la riconversione penale del politically correct, usato con accanimento fazioso e ideologico, fino a colpire i reati d’opinione, in cui la giustizia italiana si è allineata alla giustizia europea; 5) l’interpretazione spesso ideologica delle leggi del parlamento al punto da snaturarne il senso, forzarne la portata e deviarne l’effetto; 6)l’attivismo giudiziario in campagna elettorale per pilotare i consensi; 7) La disparità di sentenza nel giudicare reati analoghi commessi dai politici per cui in certi casi il falso in bilancio o il finanziamento è reato da galera in altri no, in certi casi il malaffare è aggravato dell’accusa di associazione mafiosa in altri analoghi no, in alcuni casi “non può non sapere” e in altri si; 8) l’ingerenza sull’azione di governo, soprattutto in tema di migranti, per intralciare, interdire, punire gli atti non conformi al loro credo ideologico, fino al paradosso di incriminare il ministro dell’interno che tenta di far osservare il dettato costituzionale di salvaguardare i confini nazionali.

Potrei continuare ma in sintesi è avvenuto questo: si è passati dall’autonomia del potere giudiziario, prevista dalla Costituzione e necessaria in uno Stato di diritto, alla prevaricazione del potere giudiziario sul potere legislativo (interpretando e forzando le leggi, anzi facendo giurisprudenza sul campo) e sul potere esecutivo (condizionando e inibendo l’azione di governo in molti casi cruciali). Una prevaricazione che ha colpito altri settori vitali e altre istituzioni cruciali del paese (come il lavoro spesso vanificato delle forze dell’ordine). Naturalmente mai fare di ogni erba un fascio, ci sono ottimi magistrati, gente che fa il proprio dovere. Però il discredito grave della magistratura colpisce al cuore lo Stato, il senso dello Stato e la fiducia dei cittadini nelle istituzioni. Ancor più che i politici. E non c’è nessun organo all’infuori della stessa magistratura che possa punire i colpevoli. Una tragedia.

MV, La Verità 15 giugno 2019

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e scuola: alle radici del problema

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Alla Dottrina sociale della Chiesa è sempre appartenuta la dottrina della “Regalità sociale di Cristo”. Questa è stata direttamente enunciata in molte encicliche preconciliari. In quelle postconciliari non è più stata affermata con chiarezza, quanto piuttosto presupposta indirettamente, quindi non obliata ma oscurata. In ogni caso non è mai stata formalmente negata. Leggi il seguito…

    • «Sinodo Amazzonia, un pretesto per cambiare la Chiesa»

      di Riccardo Cascioli. Il cardinale Gerhard Müller, già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, boccia senza appello l'Instrumentum Laboris del Sinodo per l'Amazzonia: «Nasce da una visione ideologica che nulla ha a che fare con il cattolicesimo». «Trattano il nostro Credo come se fosse una nostra opinione europea, ma il Credo è la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo, che vive nella Chiesa. Non ci sono altri credo».«Dobbiamo rifiutare in modo assoluto espressioni come “conversione ecologica”. C’è solo la conversione al Signore, e come conseguenza c’è anche il bene della natura». «I sacramenti non sono riti che ci piacciono e il sacerdozio non è una categoria sociologica». «La Rivelazione di Dio in Cristo si fa presente nei sacramenti, e la Chiesa non ha alcuna autorità per cambiare la sostanza dei sacramenti». Leggi il seguito…

    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.