Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

di Andrea Zambrano.

La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L’obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come “scudi umani”, giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E’ questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità.

E’ proprio vero: bisogna far cessare le speculazioni, far sbarcare in migranti della Sea Watch è una questione di civiltà, come dice don Luigi Ciotti. Peccato però che questi appelli vadano rivolti non al governo italiano, ma al comandante della nave battente bandiera olandese e appartenente alla Ong tedesca Sea Watch. E’ lei, l’indomita capitana idolo delle Sinistra e dei preti barricaderi, che deve far sbarcare quei clandestini al sicuro dopo averli raccolti in mare.

Il video che da ieri pomeriggio sta girando ossessivamente sui social per intenerire l’opinione pubblica lo dimostra in tutta la sua evidenza. Ritrae un giovane migrante che dice di essere stanco, di non potersi muovere perché la nave è piccola, di sentirsi prigioniero. E fa appello all’umanità perché l’Italia non vuole accoglierlo. Non sappiamo nulla di lui, il suo nome, la storia, perché è salito a bordo, ma sappiamo quale grande inganno si gioca sulla sua pelle.

Si gioca cinicamente sull’emotività e su una grande bugia mediatico buonista. Nessuno ha detto a quel poveretto che l’Italia e gli altri Paesi europei hanno leggi che distinguono tra migrante e rifugiato e che il fatto che lui si trovi a bordo di quella nave è funzionale non al suo futuro, ma al suo sfruttamento e alla sua solitudine e alla sua insicurezza, visto il business che l’immigrazione rappresenta oggi in Europa e viste le fragili maglie con le quali vengono trattenute queste persone in suolo italico.

L’Italia, col Decreto sicurezza bis, ha tra l’altro approvato una legge che impedisce questi sbarchi fatti in violazione delle leggi internazionali e a firmarla è stato il presidente della Repubblica in persona. Ed è normale che anche la Cedu, cui la Sea Watch si era rivolta, abbia respinto ieri il ricorso confermando in buona sostanza la bontà dell’azione di governo.

L’Italia, per quelle 43 persone non può fare più di quanto non stiano facendo tutti gli altri Paesi europei, che i porti ce li hanno ben aperti, ma la nuova eroina dei giornali, Carola Rackete, ignora. Lei è pronta a forzare il blocco e sbarcare quei poveretti a Lampedusa, contravvenendo così a una legge nazionale, ma se ne è guardata bene in questi 13 giorni dal fare rotta verso i mari del nord e portare la nave in Olanda o in Germania.

Ovvio, perché sa che nessuno in quei Paesi, che pure sono i civilissimi Paesi che hanno “armato” questa ong, accoglierebbe i 43 occupanti la Sea Watch. Eppure, anche la Germania – paese dove ha sede la ong – ci sono ben 50 comuni resisi disponibili ad accogliere i migranti. Ma fin là non ci vuole arrivare, la nave. Nei 13 giorni in cui ha stazionato davanti alle coste di Lampedusa, la Sea Watch avrebbe potuto già comodamente approdare in sicurezza sulle coste tedesche e far sbarcare i 43 occupanti.

Tutto si sarebbe risolto, la Germania avrebbe fatto partire per loro il programma di richiesta di asilo e nessuno si sarebbe più ricordato di loro. Invece no, non in Olanda, non in Germania, ma in Italia devono sbarcare, i poveretti usati in video come “scudi umani”. E i video commoventi che stanno girando puntano a presentare l’Italia come il cattivo delle fiabe.

D’altra parte, Matteo Salvini il ruolo del cattivo se lo è disegnato bene: “Possono stare qui fino a Natale”, ha detto. Insomma, neppure un personaggio uscito dalla penna di Dickens potrebbe apparire così “crudele”. Ma così non è. Però tutto serve alla narrazione: di qua il perfido, Salvini, e di là i buoni, che soccorrono in mare i poveretti giocando una vergognosa partita a scacchi con i trafficanti di uomini che di questi casi strappalacrime si foraggiano a piene mani.

Farli sbarcare in Italia è un messaggio politico, significa che Salvini e con lui l’odiato governo leghista, si possono sconfiggere. Significa che forzare la mano si deve. Significa che per questo obiettivo, anche tenere degli ostaggi a bordo vale la pena. 43 ostaggi.

Sono ostaggi sì, ma del business dell’accoglienza, dell’arroganza buonista “non governativa” che pretende di dettare le leggi ai Paesi e di violarle, sono ostaggi ricattati e umiliati nella loro intimità con video strappalacrime dagli interessi di partiti di Sinistra arruffapopolo e disinteressati del vero bene e della loro condizione. Condizione di scudi umani di interessi che non tengono minimamente conto di loro, della loro speranza, della loro salute, perché questa è sempre condizionata alla convenienza politica. E’ questa la “danza macabra sulla pelle di povere persone”, che Zingaretti, invece di imputare a Salvini farebbe bene a dirigere a chi ha architettato questo ennesimo ricatto internazionale condito dalla lacrima facile e alimentato da un circuito nel quale ormai ha sempre più voce in capitolo anche la Chiesa cattolica, sempre più ong e sempre meno evangelizzatrice e in grado di riconoscere che la carità vera non è questa.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Müller: chi tocca il celibato distrugge la Chiesa

      di Riccardo Cascioli. In un nuovo saggio il cardinale Müller difende Benedetto XVI dagli attacchi per il caso del libro scritto con il card. Sarah. Non c'è nessun antagonismo con il Papa regnante, ma il desiderio di  un legittimo contributo alla verità. Quanto al celibato sacerdotale, Müller sta con Benedetto XVI e il cardinale Sarah: «La penuria di sacerdoti (in numeri come nella qualità) in paesi occidentali un tempo cristiani non è dovuta ad una penuria di chiamate da parte di Dio, quanto invece da una mancanza delle nostre vite nei confronti del Vangelo di Gesù Cristo». Leggi il seguito…

    • Caso Gregoretti, Ricolfi: “Sinistra e giudici divorziano dal buon senso”

      di Stefano Zurlo. Ricolfi: “Ci sono casi in cui il reato dipende dal giudice che prende in mano il fascicolo. La procura aveva chiesto l'archiviazione, il Tribunale dei ministri vuole processare Salvini. Quindi se anche fra i giudici c'è un margine così grande di interpretazione si capisce che la questione è politica. Ma c'è di più. Qui c'è un divorzio dal buonsenso. Anzi no, dal senso comune che è più basico, il buonsenso richiede un minimo di saggezza. Qui stiamo parlando della modulazione dei tempi di un'operazione di sbarco dei migranti. Dov'è il crimine?” Leggi il seguito…

    • Intervista ad Antonio Socci: “Ecco perché la finanza ci vuole privare dell’identità”

      di Giuseppe Pica. Antonio Socci è un giornalista da sempre attento alle questioni religiose ed ecclesiastiche a cui unisce un’approfondita analisi sulla attualità politica e sociale. Lo abbiamo intervistato a poche settimane dalla pubblicazione del suo ultimo libro intitolato “Il Dio mercato, la Chiesa e l’Anticristo”, in cui descrive meticolosamente le vicende più spinose della modernità. Leggi il seguito…

    • Sacerdoti celibi: per la DSC è meglio

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Approfittando dell’interesse suscitato in questi giorni dal tema del celibato sacerdotale, anche a seguito delle polemiche in atto, possiamo chiederci se un sacerdote sposato possa svolgere meglio il suo ruolo a servizio della Dottrina sociale della Chiesa, oppure se questo esito sia garantito di più dal celibato. Se si interrogassero su questo punto le persone della strada, con ogni probabilità la scelta andrebbe verso la prima soluzione. Risulterebbe facile sostenere che il sacerdote sposato avrebbe più esperienza delle cose della vita sociale, economica e politica, ossia di quegli ambiti di cui si occupa la Dottrina sociale della Chiesa. I suoi insegnamenti in questi campi sarebbero più autorevoli, perché nutriti dall’esperienza diretta. Ma è veramente così? Ad uno sguardo più attento sul posto che il sacerdote occupa nel servizio alla Dottrina sociale della Chiesa parrebbe proprio di no. Leggi il seguito…