Il vescovo di Vicenza, il non giudicare e la DSC

Dottrina Sociale di Stefano Fontana.

Un nuovo capitolo della storia del “non giudicare” è stato scritto dal vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol in relazione al Gay Pride tenutosi di recente in quella città. Monsignor Pizziol ha isistito su tre punti.

Il primo: “Sono convinto che ogni persona porta con sé una storia, dei valori e delle convinzioni che chiedono di essere ascoltate e meritano rispetto prima ancora di ogni appartenenza religiosa, politica, sociale o culturale. Il mio desiderio è pertanto che ciascuno anche in questa giornata si possa sentire accolto nella nostra città, qualunque siano le sue origini, le sue scelte, i suoi orientamenti”.

Il secondo: “La medesima cosa si deve dire delle diverse manifestazioni che, una volta autorizzate dalle autorità competenti, devono svolgersi senza pregiudicare il bene di tutti i cittadini, nel rispetto delle leggi vigenti e permettendo a ognuno di muoversi in sicurezza e libertà”.

Il terzo: “Ricordiamoci che solo Cristo è l’unico giudice della nostra vita, l’unico che conosce veramente il cuore e la mente di ogni essere umano. Gesù stesso nel Vangelo ci invita a riconoscere che tutti siamo peccatori bisognosi di perdono e ci invita a non giudicare i nostri fratelli per poter sperimentare a nostra volta la misericodia di Dio”.

In questo intervento il vescovo di Vicenza ha applicato il principio del non giudicare: a) alle storie delle persone: b) alle disposizioni della pubblica autorità; c) a non giudicare i nostri fratelli. A parte il giudizio sulla responsabilità personale in coscienza, per il resto giudicare la storia delle persone, i loro comportamenti e le decisioni della pubblica autorità è sempre stato proposto e chiesto dalla Dottrina sociale della Chiesa. Se applicassimo le indicazioni del vescovo di Vicenza dovremmo dichiarare “chiusa per demolizione” la Dottrina sociale della Chiesa.

La prima cosa che viene in mente è la formula “vedere, giudicare, agire” proposta da Giovanni XXIII come metodo di lavoro per chi vuole applicare la Dottrina sociale della Chiesa. Il n. 217 della Mater et magistra del 1961 dice che “Nella traduzione in termini di concretezza i principi e le direttive sociali, si passa di solito attraverso tre momenti: rilevazione delle situazioni, valutazione di esse alla luce di quei principi e di quelle direttive, ricerca e determinazione di quello che si può e si deve fare … Sono i tre momenti che si sogliono esprimere nei termini: vedere, giudicare, agire”.

Nella formula, il “giudicare” è centrale e fa da medio tra il vedere e l’agire. Si potrebbe addirittura dire che esso – il “giudicare” – non è solo un secondo momento, ma permea di sé sia il primo che il terzo: non è possibile infatti vedere senza valutare, a meno che non lo si intenda in senso empirista, come non è possibile agire senza valutare.

Si potrebbe poi ricordare i tre elementi che costituiscono l’ispirazione di fondo della DSC: “principi di riflessione”, “criteri di giudizio” e “direttrici d’azione”: così li richiama la Sollicitudo rei socialis di Giovanni Paolo II al n. 3. Anche qui si nota la presenza centrale del “giudicare” che risulta quindi imprescindibile.

Le espressioni ora viste sono presenti in molti altri documenti e costituiscono una costante del magistero sociale. Per esempio nella Istruzione Libertatis conscientia della Congregazione per la Dottrina della Fede del 1986, sono richiamati tutti e tre, sostenendo che la Dottrina sociale della Chiesa “verte sull’aspetto etico della vita e tiene in debito conto gli aspetti tecnici dei problemi, ma sempre per giudicarli dal punto di vista morale”. Ecco tornare il tema del “giudicare”, senza del quale, del resto, la Dottrina sociale non sarebbe “teologia morale” come sostiene la Sollicitudo rei socialis al n. 41.

Giovanni Paolo II nella Centesimus annuns (n. 5) dice che la DSC è una “vera dottrina, un corpus, che le permette di analizzare le realtà sociali, di pronunciarsi su di esse e di indicare orientamenti per la giusta soluzione dei problemi”. É pacifico che “pronunciarsi su di esse” significa giudicare.

Torniamo ora a Mons. Pizziol e a quanti, con lui, stanno scrivendo la telenovela sul “non giudicare”. Limitandoci qui alle esigenze della Dottrina sociale della Chiesa, la pretesa di “non giudicare” è quantomeno una superficialità. Per ottemperare alle sue presunte esigenze, dovremmo rinunciare in via completa alla Dottrina sociale della Chiesa.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Socialisti perdenti e aggrappati al potere dalle Ande alle Alpi

      di Luca Volontè. Le elezioni che si sono svolte in questo fine settimana sono sia conferme che sorprese, ma hanno tutte una caratteristica comune: i socialisti e i partiti di sinistra, in Svizzera non sfondano, in Canada calano, in Portogallo sono in minoranza, e Morales è alle strette in Bolivia. Ma in nessun caso la sinistra rinuncia al governo. Leggi il seguito…

    • Così Ratzinger benedice i muri: “Proteggono e aprono solo al bene”

      di Francesco Boezi. Abbattere ogni muro ed ogni confine per costruire una società aperta, accogliente e multiculturale: è il diktat della contemporaneità. Ma Joseph Ratzinger, che non è un uomo del passato come si vorrebbe far credere, aveva indicato un'altra strada. Quella in cui anche le barriere svolgono un ruolo: quello di declamare una serie di "no", che per il cattolicesimo sono propri della funzione paterna. La stessa che riconduce l'uomo alle radici, dunque alla rettitudine morale. Il Papa emerito, in una delle sue omelie, aveva esordito così: "La Chiesa ha mura. Il muro da una parte indica verso l'interno, ha la funzione di proteggere, raccoglierci e condurci l'uno verso l'altro". Toni differenti da chi ritiene che i limiti esistano solo per essere messi in discussione. Leggi il seguito…

    • Un governo ombra per fermare la deriva giallorossa

      di Marco Gabrielli. Italia, fine ottobre 2019: il Governo giallo-rosso sta muovendo i primi passi. L’Italia della politica non è riuscita a reagire ad avvenimenti tanto inspiegabili da risultare incomprensibili ai più. Sono accaduti scenari e fatti mai visti prima. La ricerca di possibili alternative di governo non è riuscita a trovarne di numericamente valide considerando le forze attualmente presenti in Parlamento. La richiesta di elezioni anticipate non è stata esaudita. Leggi il seguito…

    • Giustizia è fatta: le statue pagane volano nel Tevere (VIDEO)

      di Andrea Zambrano. Blitz all'alba in Santa Maria in Traspontina. Un "giustiziere" ignoto fa l'unica cosa che si doveva fare: è entrato nella chiesa dove si svolgono i riti pagano-amazzonici e ha prelevato le statuette Pachamama falsamente attribuite alla Madonna. Arrivato a Castel sant'Angelo le ha gettate nel Tevere. Il video diventa virale. E il gesto assume un significato che va oltre la Pasquinata: per debellare il paganesimo servono modi spicci e retta ragione. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.