Aborto, una sentenza storica

di Stefano Ojetti.

La recente sentenza della Corte di Cassazione, che ha condannato un’ostetrica “per omicidio colposo anziché aborto colposo”, è certamente epocale. Il Parlamento sarà chiamato a legiferare in tal senso rimanendo in caso contrario un vuoto normativo che lascerebbe grande confusione interpretativa. Tutto ciò perché secondo questo nuovo modo di vedere l’embrione prima e feto poi come persona porterà conseguentemente a rivedere la 194 e quindi l’aborto come soppressione di persona

***************

Non piace sulle tematiche etiche che riguardano il valore e il rispetto della vita, dal suo concepimento fino al suo termine naturale, compiacersi di un certo “trionfalismo”! E’ indubbio altresì che la recente sentenza della Corte di Cassazione, che ha condannato un’ostetrica “per omicidio colposo anziché aborto colposo” per non aver  adeguatamente monitorato il battito cardiaco di un feto mentre la madre era in travaglio nonostante le fosse stata somministrata l’ossitocina per aumentare le contrazioni e pur continuando a rassicurare il ginecologo che tutto procedeva regolarmente, ha certamente stabilito delle normative giurisprudenziali riguardo “la tutela della vita che non può soffrire lacune” delle quali d’ora in avanti non se ne potrà non tener conto.

In altri termini, al contrario di chi considerava la vita intrauterina non assimilabile ad essere in qualche modo tutelata perché non considerata tale, questa sentenza ha stabilito che: il feto è considerato persona con tutti i diritti che ne conseguono. E’ del tutto evidente che alla luce di questa nuova sentenza, certamente epocale, il Parlamento sarà chiamato a legiferare in tal senso rimanendo in caso contrario un vuoto normativo che lascerebbe grande confusione interpretativa. Tutto ciò perché secondo questo nuovo modo – per la giurisprudenza ma non per la scienza medica “similmente a nessuna donna io darò un medicinale abortivo (Ippocrate)” – di vedere l’embrione prima e feto poi come persona porterà conseguentemente a rivedere la 194 e quindi l’aborto come soppressione di persona e quindi conseguentemente comporterà una necessaria nuova normativa giuridica-giurisprudenziale.

Ovviamente, probabilmente, cambierà anche la posizione di chi fino ad oggi ha effettuato aborti perché, se la suprema Corte ha considerato “omicidio colposo” l’operato dell’ostetrica in questione per la morte di un feto giuridicamente considerato persona, allo stesso modo dovrà essere considerata l’IVG, entrando in conflitto due diritti legali: quello della donna di voler abortire e contemporaneamente quello del feto-persona di voler vivere.

Certamente questa sentenza avrà una ripercussione di non poco conto anche in Europa che fin dall’inizio della sua costituzione ha rinnegato le sue radici cristiane, ma che naturalmente rientrano ora e rientreranno in seguito nella sua storia naturale, essendo i principali Paesi che la compongono fortemente inseriti in un contesto socio culturale secolarmente Cristiano. Del resto non a caso nella sentenza in questione, Tertulliano buon profeta, nel secondo secolo d.c. affermava: “E’ già uomo colui che lo sarà“.

Fonte: Interris

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Deregulation, interesse nazionale, sussidiarietà: le stelle polari del centrodestra dopo la globalizzazione “cinese”

      di Eugenio Capozzi. Quali dovrebbero essere le priorità, le parole d’ordine, i punti programmatici alla base della coalizione di centrodestra ora che l’Italia deve affrontare la dura sfida della ripresa dopo l’epidemia di coronavirus gestita (male, malissimo), dal governo giallorosso di Giuseppe Conte? Come si può trasformare in fatti e progetti la presenza critica mostrata nelle manifestazioni del 2 giugno, in termini di risultati concreti per il paese, più ancora che di consensi elettorali? Leggi il seguito…

    • Censis, in cinque interviste tutti i limiti di Conte

      di Frodo. Cinque interviste nel corso di poche ore e tutte al vetriolo nei confronti di alcune scelte di sostanza operate dall’esecutivo giallorosso: se la giornata di ieri ha avuto un padrone, questo è stato il professor Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS. Un Professore con la P maiuscola che ha ridimensionato con dovizia di particolari la narrativa del governo sulla pandemia, scaricando di fatto l’azione politica di Giuseppi e dei suoi alleati. De Rita è un sociologo di nota fama. La sua lettura non ha paletti. Un termine che ricorre spesso tra le cinque disamine è “paura”. Quella che il governo, secondo noi, non solo non è riuscito a stemperare, ma forse è persino finito con l’assecondare. Leggi il seguito…

    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…