L’autogol di alcuni prelati

Monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, padre Bartolomeo Sorge, ex direttore di Civiltà Cattolica, padre Antonio Spadaro, attuale direttore di Civiltà cattolica, il cardinale Angelo Bagnasco, ex presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, attuale presidente della Cei, perfino il cardinale Pietro Parolin, il segretario di Stato vaticano: è semplicemente impressionante il numero e il peso dei prelati che in questi giorni, sia pure con toni differenti, hanno voluto dire la loro, criticandola, sull’invocazione alla Madonna ad opera di Matteo Salvini sabato a Milano.

Il fatto che almeno metà di essi non abbia fiatato quando i recenti governi, con vasta e apicale rappresentanza cattolica, strizzavano allegramente l’occhio all’ideologia gender (alla faccia di Genesi 1,27), approvavano il «divorzio breve» (alla faccia di Matteo 19,3-6), le unioni civili (alla faccia di Romani 1,26-27) e, dulcis in fundo, l’eutanasia omissiva tramite biotestamento (alla faccia del quinto comandamento) purtroppo non depone a favore dell’equidistanza delle gerarchie ecclesiastiche, che a questo punto non l’insinuazione ma la logica più elementare fa immaginare simpatizzanti il centrosinistra.

Dato che i fatti parlano da soli, non aggiungo altro. Osservo solo che, se si fosse ignorato il comizio di Salvini, nel caso di successo elettorale della Lega poco sarebbe cambiato per la Chiesa italiana; avendo invece alluvionato il leader del Carroccio di critiche, una netta affermazione elettorale leghista – dai più accreditata come probabile – finirà per forza di cose con l’evidenziare non tanto l’antisalvinismo, quello già era noto, bensì l’ininfluenza di larga parte della Chiesa in Italia. Da pecora spaesata quindi chiedo ai pastori che in prossimità del voto proprio non ce l’hanno fatta a trattenere il loro antileghismo: ce n’era davvero bisogno?

Giuliano Guzzo

*****

«Da leggere!» (Diego Fusaro)

«Un libro pieno di chicche» (Rino Cammilleri)

«Avvincente. Denuncia le manipolazioni di alcuni a difesa della libertà di pensiero di tutti. Un’arma contro la cultura dominante» (ProVita)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’intervento dell’Arcivescovo Crepaldi su Noa Pothoven e il “coscienzialismo” totalitario

      di Silvio Brachetta. Il «principio di autodeterminazione assoluta», di cui scrive Crepaldi, è collegato al primato del soggetto sull’oggetto, sul quale è intessuta gran parte della filosofia e della teologia moderna. Si tratta di un soggettivismo assoluto, che rovescia i dati del mondo reale sul capriccio della volontà, spesso sganciata dalla ragione. La coscienza, in questo quadro distorto, diventa l’ultimo orizzonte di significato: da luogo metafisico nel quale l’uomo ascolta la voce di Dio e la realizza, essa è trasformata dal soggetto in tribunale esclusivo della volontà umana, che stabilisce cosa sia bene e male sulla base di un desiderio cieco, a prescindere da qualsiasi rivelazione o riferimento trascendente Leggi il seguito…

    • Radio Radicale, la solita truffa ideologica

      di Riccardo Cascioli. Come era prevedibile alla fine i fondi statali per Radio Radicale sono arrivati, grazie anche ai voti della Lega e con il plauso di molti cattolici che contano. Una scelta scriteriata che premia il parassitismo e la cultura della morte. Ed Emma Bonino presenta subito il conto alla Chiesa. Leggi il seguito…

    • Processo ai magistrati

      di Marcello Veneziani. Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni Leggi il seguito…

    • Cari partiti, sveglia! Questa è l’occasione perfetta per una riforma della giustizia

      di Centro Studi Livatino. Parla Mantovano, magistrato ed ex parlamentare: “stupirsi è da ipocriti, ma adesso si può finalmente parlare di separazione delle carriere e del riordino di cui la categoria ha bisogno”. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.