L’aborto indotto aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno (4 VIDEO)

La dottoressa Angela Lanfranchi, chirurgo esperta di cancro al seno, e il dottor Joel Brind, professore di biologia umana ed endocrinologia, illustrano i motivi per cui gli aborti indotti aumentano il rischio di sviluppare il cancro al seno. Il video è estratto da un dvd prodotto dal Breast Cancer Prevention Institute.

 

Il trailer del documentario “Hush”, di Punam Kumar Gill, sulle conseguenze psicofisiche degli aborti indotti sulla salute della donna, con particolare attenzione all’aumento del rischio di sviluppare un tumore al seno.

 

La testimonianza di Charnette Messe, che a soli trent’anni ha scoperto di avere un tumore al seno all’ultimo stadio. Qui racconta la sua storia e le ragioni per cui ritiene che tra le cause della malattia ci siano anche l’uso della pillola contraccettiva e l’aborto a cui si era sottoposta undici anni prima.

Charnette è morta per le complicanze del tumore tre anni dopo la registrazione di questa intervista, che fa parte del dvd prodotto dal Breast Cancer Prevention Institute. Abbiamo parlato con la dottoressa Angela Lanfranchi, fondatrice e direttrice dell’istituto, che ci ha raccontato di come Charnette sentisse l’obbligo morale di raccontare la propria storia per dare alle donne le informazioni che lei non aveva ricevuto. Non possiamo che ammirarla e ringraziarla per aver sacrificato la propria privacy per fare ciò che tutti i medici dovrebbero fare.

 

Il video di un estratto di una puntata del programma “Facing Life Head-on” (affrontare la vita faccia a faccia), presentato da Brad Mattes, prodotto dall’associazione Life Issues, andato in onda sulle tv locali degli USA e del Canada dal 2008 al 2016 e vincitore di tre Emmy awards.

Il video evidenzia che l’aborto indotto è un fattore di rischio per lo sviluppo del tumore al seno, soprattutto se avviene durante l’adolescenza e prima di aver portato una gravidanza a termine. I dottori Angela Lanfranchi e Joel Bring, fondatori del Breast Cancer Prevention Institute, ne spiegano i motivi e Charnette Messe racconta la sua storia di paziente. Charnette è morta tre anni dopo questa intervista.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • E la dittatura impose il reato di vivere

      di Marcello Veneziani. L’Italia si avvia a diventare un regime totalitario temperato dall’inefficienza e dal ridicolo. Con la scusa della salute è stato introdotto il divieto di sbarco agli italiani in piazza, al bar, al ristorante, sulle spiagge; ora mitigato da libertà provvisoria, con la condizionale. I veri clandestini sono gli italiani, sorpresi a consumare all’aperto il più losco dei crimini: il reato di vivere. L’eversione ha un nome preciso: movida. Acchiappatelo, fa la movida. È pericoloso, ha un’arma in pugno, lo spritz. Leggi il seguito…

    • Ora Godot-Bonaccini aspira a Palazzo Chigi

      di Giuseppe Leonelli. Il suo libro su come battere la destra presentato due settimane fa, in piena emergenza sanitaria, era già un segnale chiaro delle mire romane del governatore emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini, ma ora arriva la conferma dalle sue stesse parole. “Non mi monto la testa e tengo i piedi per terra. Ma allo stesso modo non escludo nulla, ci si mette a disposizione se si ha passione politica per migliorare la cosa pubblica” – ha infatti detto Bonaccini rispondendo a una domanda del direttore de L’Espresso sulla possibilità di una sua candidatura a premier. Leggi il seguito…

    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…