L’aborto indotto aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno (4 VIDEO)

La dottoressa Angela Lanfranchi, chirurgo esperta di cancro al seno, e il dottor Joel Brind, professore di biologia umana ed endocrinologia, illustrano i motivi per cui gli aborti indotti aumentano il rischio di sviluppare il cancro al seno. Il video è estratto da un dvd prodotto dal Breast Cancer Prevention Institute.

 

Il trailer del documentario “Hush”, di Punam Kumar Gill, sulle conseguenze psicofisiche degli aborti indotti sulla salute della donna, con particolare attenzione all’aumento del rischio di sviluppare un tumore al seno.

 

La testimonianza di Charnette Messe, che a soli trent’anni ha scoperto di avere un tumore al seno all’ultimo stadio. Qui racconta la sua storia e le ragioni per cui ritiene che tra le cause della malattia ci siano anche l’uso della pillola contraccettiva e l’aborto a cui si era sottoposta undici anni prima.

Charnette è morta per le complicanze del tumore tre anni dopo la registrazione di questa intervista, che fa parte del dvd prodotto dal Breast Cancer Prevention Institute. Abbiamo parlato con la dottoressa Angela Lanfranchi, fondatrice e direttrice dell’istituto, che ci ha raccontato di come Charnette sentisse l’obbligo morale di raccontare la propria storia per dare alle donne le informazioni che lei non aveva ricevuto. Non possiamo che ammirarla e ringraziarla per aver sacrificato la propria privacy per fare ciò che tutti i medici dovrebbero fare.

 

Il video di un estratto di una puntata del programma “Facing Life Head-on” (affrontare la vita faccia a faccia), presentato da Brad Mattes, prodotto dall’associazione Life Issues, andato in onda sulle tv locali degli USA e del Canada dal 2008 al 2016 e vincitore di tre Emmy awards.

Il video evidenzia che l’aborto indotto è un fattore di rischio per lo sviluppo del tumore al seno, soprattutto se avviene durante l’adolescenza e prima di aver portato una gravidanza a termine. I dottori Angela Lanfranchi e Joel Bring, fondatori del Breast Cancer Prevention Institute, ne spiegano i motivi e Charnette Messe racconta la sua storia di paziente. Charnette è morta tre anni dopo questa intervista.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Toga, la Cupola e gli italiani

      di Marcello Veneziani. Ma davvero vi aspettavate che la Corte costituzionale desse il via libera al referendum promosso dalla Lega? Ma in che mondo vivete, conoscete le biografie dei giudici costituzionali, chi li ha voluti lì, e più in generale conoscete le leggi inesorabili del potere, il loro reciproco sostegno? E la stessa cosa vale per la decisione della Cassazione in merito alla questione Carola Rackete; pensavate davvero che accadesse il contrario? Leggi il seguito…

    • La Corte, il referendum e la “manipolazione” sospetta

      di Gaetano Quagliariello. Come sempre attenderemo il deposito delle motivazioni per esprimere un giudizio compiuto. Ma quel che abbiamo letto sul pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum elettorale maggioritario è già sufficiente per esprimere più di qualche perplessità. Leggi il seguito…

    • Ratzinger e Sarah hanno toccato il nervo scoperto dell’”ideologia bergogliana”

      di Eugenio Capozzi. Dopo giorni di polemiche roventi sul volume in difesa del celibato sacerdotale firmato dal papa emerito Benedetto XVI e dal cardinale Robert Sarah, Des profondeurs de nos coeurs, e alla luce dei contenuti effettivi del libro stesso, si può affermare che la contesa sorta in questa occasione rappresenta una svolta epocale, un punto di non ritorno per la dialettica interna alla Chiesa e al mondo cattolico. Leggi il seguito…

    • Celibato, negare la dottrina confermandola

      di Stefano Fontana. Nella Chiesa si è ormai diffusa l’idea che questo pontificato voglia cambiare molte cose dottrinali ribadendo però la dottrina. Siamo davanti ad una nuova evidente prova che nella Chiesa ci sono oggi due linguaggi teologici incompatibili. Leggi il seguito…