L’aborto indotto aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno (4 VIDEO)

La dottoressa Angela Lanfranchi, chirurgo esperta di cancro al seno, e il dottor Joel Brind, professore di biologia umana ed endocrinologia, illustrano i motivi per cui gli aborti indotti aumentano il rischio di sviluppare il cancro al seno. Il video è estratto da un dvd prodotto dal Breast Cancer Prevention Institute.

 

Il trailer del documentario “Hush”, di Punam Kumar Gill, sulle conseguenze psicofisiche degli aborti indotti sulla salute della donna, con particolare attenzione all’aumento del rischio di sviluppare un tumore al seno.

 

La testimonianza di Charnette Messe, che a soli trent’anni ha scoperto di avere un tumore al seno all’ultimo stadio. Qui racconta la sua storia e le ragioni per cui ritiene che tra le cause della malattia ci siano anche l’uso della pillola contraccettiva e l’aborto a cui si era sottoposta undici anni prima.

Charnette è morta per le complicanze del tumore tre anni dopo la registrazione di questa intervista, che fa parte del dvd prodotto dal Breast Cancer Prevention Institute. Abbiamo parlato con la dottoressa Angela Lanfranchi, fondatrice e direttrice dell’istituto, che ci ha raccontato di come Charnette sentisse l’obbligo morale di raccontare la propria storia per dare alle donne le informazioni che lei non aveva ricevuto. Non possiamo che ammirarla e ringraziarla per aver sacrificato la propria privacy per fare ciò che tutti i medici dovrebbero fare.

 

Il video di un estratto di una puntata del programma “Facing Life Head-on” (affrontare la vita faccia a faccia), presentato da Brad Mattes, prodotto dall’associazione Life Issues, andato in onda sulle tv locali degli USA e del Canada dal 2008 al 2016 e vincitore di tre Emmy awards.

Il video evidenzia che l’aborto indotto è un fattore di rischio per lo sviluppo del tumore al seno, soprattutto se avviene durante l’adolescenza e prima di aver portato una gravidanza a termine. I dottori Angela Lanfranchi e Joel Bring, fondatori del Breast Cancer Prevention Institute, ne spiegano i motivi e Charnette Messe racconta la sua storia di paziente. Charnette è morta tre anni dopo questa intervista.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    • Se il ministro dell’Istruzione invita gli studenti a fare sciopero come Greta

      di Giuseppe Leonelli. Il grillino Lorenzo Fioramonti ha dato la propria benedizione allo sciopero degli studenti approvando la scelta dei ragazzi di disertare la scuola. Fingendo di non capire che se il Ministro dell’istruzione benedice il boicottaggio delle lezioni degli studenti italiani da un lato rinnega il proprio mandato, dall’altro toglie peso alla protesta stessa. Senza un Sistema di regole, che il Ministro è chiamato come garante massimo delle Istituzioni a far rispettare, le proteste e la ribellione che valore hanno? Se chi trasgredisce le norme riceve il plauso di chi deve farle rispettare, allora vale tutto Leggi il seguito…

    • Amazzonia: Ratzinger e Rahner a confronto

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. L’Instrumentum laboris del prossimo sinodo dell’Amazzonia non parla mai di evangelizzazione ma solo di inculturazione, non parla mai di insegnare ma solo di ascoltare, non parla mai di fare domande ma di farsi domande, non di interrogare ma di farsi interrogare. In altre parole la Chiesa dovrebbe farsi “amazzonica”, nel senso di riformularsi (“disimparare, reimparare, imparare” dice il documento). Questa è appunto la posizione di Rahner e non quella di Ratzinger Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.