La critica di Pera e Benedetto all’Unione Europea odierna

pera

Questo libro con la sua “sobria razionalità”, la sua “ampia informazione filosofica”, la sua “conoscenza stupenda delle fonti”, la sua”logica stringente” e il suo mostrare la “contradditorietà interna” del concetto della “multiculturalità”, è “a mio parere di fondamentale importanza in quest’ora dell’Europa e del mondo”.

Sono queste le parole con cui Benedetto XVI, nell’anno 2008, introduceva “Perché dobbiamo dirci cristiani. Il liberalismo, l’Europa, l’etica” del senatore e filosofo Marcello Pera.

Dieci anni dopo, per un cattolico che non voglia lasciarsi irretire nei tentacoli delle nuove religioni laiche di salvezza (europeismo, genderismo, immigrazionismo ecc.) è bene ritornare a quei ragionamenti, a quella lucidità con cui Pera e Benedetto: denunciavano come inevitabile, date certe premesse, il realizzarsi di un’ Unione Europea caratterizzata da “antidemocratiche, pletoriche, oscure istituzioni.

 

Oggi l’evidenza del fallimento dell’attuale Ue è sotto gli occhi di tutti, anche di quelle élite che si sono mobilitate per difendere lo status quo attraverso una massiccia propaganda volta da una parte a sacralizzare l’Unione (ultima entità sacra sopravvissuta alla “morte di Dio”!), dall’altra a demonizzare ogni critica e ogni tentativo di riforma.

Ma 10 anni fa Pera e Benedetto indicavano il fallimento come inevitabile, in re ipsa, al di là di ogni contingenza e di ogni singola scelta politica a venire.

Perché?

L’UE di oggi, argomentava il filosofo, ha due capitali che non sono tali, un inno, una bandiera, tanta retorica… ma non ha un’anima, “non perchè non ne abbia una, ma perchè rifiuta quella che la sua storia le ha dato”; perchè, obliterando le sue radici cristiane, pensa sia possibile prima fare l’Europa, poi confezionarle, per via legislativa, economica e burocratica, un’anima nuova (fatta l’Europa, facciamo gli europei, per parafrasare Massimo D’Azeglio).

E’, a ben vedere, il medesimo sogno dei totalitarismi che hanno distrutto l’Europa stessa e che si afferma continuamente di voler evitare: non furono, comunismo e nazismo, il sogno di un “mondo nuovo”, del tutto staccato dal passato? Non nacquero dall’abolizione della storia e degli ideali cristiani, dall’utopia dell’homo novus, da una proiezione futurista nel radioso futuro, ateo, dell’equità sociale e della purezza razziale?

Oggi si vuole fare qualcosa di analogo, cioè creare l’homo novus europeus, e per farlo appare necessario stradicarlo da tutto, negare la sua identità, renderlo sempre più migrante, in ogni senso; occorre slegarlo, letteralmente, dal religamen della religione, della patria, della polis, della famiglia.

Non è solo che l’Europa non ha un’anima, e quindi non ha un’identità: l’Europa di oggi è costruita sulla convinzione che l’anima e l’identità vadano cancellate, che l’anima dell’Europa sia… non avere un’anima!

Per questo si fa di tutto perchè i “cittadini europei” non si sentanto più nè cristiani, nè italiani o francesi; nè padri, nè madri (meglio genitore 1 e 2); nè maschi nè femmine (ma realtà liquide, gender fluid), e neppure appartenenti alla specie umana, dal momento che uno dei dogmi dell’ecologismo neopagano è la riduzione dell’uomo ad agente inquinante, a “microbo” che rovina e deteriora, come scriveva già Adolf Hitler nelle sue Conversazioni a tavola, la Madre Terra.

Tutto ciò, si badi bene, lo si fa tirando in ballo persino il cristianesimo, appena respinto, ma del tutto reinterpretato.

Perchè – questo è l’allarme lanciato da Benedetto XVI, così come da acuti e fedeli cardinali come Giacomo Biffi e Carlo Caffarra, ma condiviso da un laico come Pera -, la dissoluzione della religione passa più facilmente dalla corruzione della religione stessa, attraverso una sorta di parodia: non è forse vero che il rimescolamento pianificato dei popoli, per rendere tutti disgregati e smarriti “migranti”, viene trasformato, non solo da Emma Bonino e George Soros, in un atto di carità e “accoglienza”?

Non è forse vero che negli ultimi anni, in barba al magistero di Benedetto XVI e alla Tradizione bimillenaria della Chiesa, la dissoluzione del matrimonio naturale e cristiano, viene presentato dietro il nome “misercordia”, per sacralizzare il relativismo più assoluto?

Ma l’anima, dicevano già gli antichi, è la “forma” del corpo, e senza di essa può esistere soltanto un agglomerato informe, più o meno mastodontico, un corpaccione più o meno ingombrante, come l’Unione Europea di oggi: non una realtà viva, pensante ed operante, con un futuro che affonda le sue radici in un passato, per quanto umano e per ciò stesso limitato, anche glorioso, quale è quello della Cristianità, che ha dato al mondo la scuola e l’Università, le cattedrali e gli ospedali, l’idea di persona e di libertà.

*Questo articolo è uscito sul quotidiano La Verità del 9 maggio 2019.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…