La critica di Pera e Benedetto all’Unione Europea odierna

pera

Questo libro con la sua “sobria razionalità”, la sua “ampia informazione filosofica”, la sua “conoscenza stupenda delle fonti”, la sua”logica stringente” e il suo mostrare la “contradditorietà interna” del concetto della “multiculturalità”, è “a mio parere di fondamentale importanza in quest’ora dell’Europa e del mondo”.

Sono queste le parole con cui Benedetto XVI, nell’anno 2008, introduceva “Perché dobbiamo dirci cristiani. Il liberalismo, l’Europa, l’etica” del senatore e filosofo Marcello Pera.

Dieci anni dopo, per un cattolico che non voglia lasciarsi irretire nei tentacoli delle nuove religioni laiche di salvezza (europeismo, genderismo, immigrazionismo ecc.) è bene ritornare a quei ragionamenti, a quella lucidità con cui Pera e Benedetto denunciavano come inevitabile, date certe premesse, il realizzarsi di un’ Unione Europea caratterizzata da “antidemocratiche, pletoriche, oscure istituzioni.

 

Oggi l’evidenza del fallimento dell’attuale Ue è sotto gli occhi di tutti, anche di quelle élite che si sono mobilitate per difendere lo status quo attraverso una massiccia propaganda volta da una parte a sacralizzare l’Unione (ultima entità sacra sopravvissuta alla “morte di Dio”!), dall’altra a demonizzare ogni critica e ogni tentativo di riforma.

Ma 10 anni fa Pera e Benedetto indicavano il fallimento come inevitabile, in re ipsa, al di là di ogni contingenza e di ogni singola scelta politica a venire.

Perché?

L’UE di oggi, argomentava il filosofo, ha due capitali che non sono tali, un inno, una bandiera, tanta retorica… ma non ha un’anima, “non perchè non ne abbia una, ma perchè rifiuta quella che la sua storia le ha dato”; perchè, obliterando le sue radici cristiane, pensa sia possibile prima fare l’Europa, poi confezionarle, per via legislativa, economica e burocratica, un’anima nuova (fatta l’Europa, facciamo gli europei, per parafrasare Massimo D’Azeglio).

E’, a ben vedere, il medesimo sogno dei totalitarismi che hanno distrutto l’Europa stessa e che si afferma continuamente di voler evitare: non furono, comunismo e nazismo, il sogno di un “mondo nuovo”, del tutto staccato dal passato? Non nacquero dall’abolizione della storia e degli ideali cristiani, dall’utopia dell’homo novus, da una proiezione futurista nel radioso futuro, ateo, dell’equità sociale e della purezza razziale?

Oggi si vuole fare qualcosa di analogo, cioè creare l’homo novus europeus, e per farlo appare necessario stradicarlo da tutto, negare la sua identità, renderlo sempre più migrante, in ogni senso; occorre slegarlo, letteralmente, dal religamen della religione, della patria, della polis, della famiglia.

Non è solo che l’Europa non ha un’anima, e quindi non ha un’identità: l’Europa di oggi è costruita sulla convinzione che l’anima e l’identità vadano cancellate, che l’anima dell’Europa sia… non avere un’anima!

Per questo si fa di tutto perchè i “cittadini europei” non si sentanto più nè cristiani, nè italiani o francesi; nè padri, nè madri (meglio genitore 1 e 2); nè maschi nè femmine (ma realtà liquide, gender fluid), e neppure appartenenti alla specie umana, dal momento che uno dei dogmi dell’ecologismo neopagano è la riduzione dell’uomo ad agente inquinante, a “microbo” che rovina e deteriora, come scriveva già Adolf Hitler nelle sue Conversazioni a tavola, la Madre Terra.

Tutto ciò, si badi bene, lo si fa tirando in ballo persino il cristianesimo, appena respinto, ma del tutto reinterpretato.

Perchè – questo è l’allarme lanciato da Benedetto XVI, così come da acuti e fedeli cardinali come Giacomo Biffi e Carlo Caffarra, ma condiviso da un laico come Pera -, la dissoluzione della religione passa più facilmente dalla corruzione della religione stessa, attraverso una sorta di parodia: non è forse vero che il rimescolamento pianificato dei popoli, per rendere tutti disgregati e smarriti “migranti”, viene trasformato, non solo da Emma Bonino e George Soros, in un atto di carità e “accoglienza”?

Non è forse vero che negli ultimi anni, in barba al magistero di Benedetto XVI e alla Tradizione bimillenaria della Chiesa, la dissoluzione del matrimonio naturale e cristiano, viene presentato dietro il nome “misercordia”, per sacralizzare il relativismo più assoluto?

Ma l’anima, dicevano già gli antichi, è la “forma” del corpo, e senza di essa può esistere soltanto un agglomerato informe, più o meno mastodontico, un corpaccione più o meno ingombrante, come l’Unione Europea di oggi: non una realtà viva, pensante ed operante, con un futuro che affonda le sue radici in un passato, per quanto umano e per ciò stesso limitato, anche glorioso, quale è quello della Cristianità, che ha dato al mondo la scuola e l’Università, le cattedrali e gli ospedali, l’idea di persona e di libertà.

*Questo articolo è uscito sul quotidiano La Verità del 9 maggio 2019.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La legge dell’Alabama? Ancora ingiusta, ma è un passo avanti

      alabama-vs-roe-wade di Tommaso Scandroglio. Il testo di legge in materia di aborto che ha ricevuto la firma del governatore dell’Alabama Kay Ivey, e la cui entrata in vigore è prevista tra sei mesi, riporta il seguente titolo: “Legge dell’Alabama per la tutela della vita umana”. Il titolo corrisponde al contenuto della legge? In altri termini: si tratta di una legge giusta, posta a tutela della vita del nascituro, o ingiusta? La risposta è la seguente: questa legge è intrinsecamente ingiusta, seppur sia una proposta meno ingiusta rispetto alla legge tuttora vigente in Alabama e rispetto ad altre leggi sull’aborto. Per provarlo andiamo ad esaminare per sommi capi l’articolato di legge Leggi il seguito… 

    • Dimmi che parole usi e ti dirò in cosa credi

      dom-giulio-meiattini Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Giulio Meiattini, benedettino, è professore al Sant’Anselmo di Roma e sulla rivista francese “Catholica”, diretta da Bernard Dumont, scrive cose piuttosto interessanti. Nel fascicolo n. 143 ora in distribuzione, egli si occupa dei “silenzi” nella Chiesa di oggi, ossia delle parole che non vengono più adoperate assieme ai relativi concetti dato che, come diceva Aristotele, “i nomi sono segni dei concetti”. Leggi il seguito… 

    • Il Risucchio

      zingaretti_dimaio di Marcello Veneziani. Cosa sta succedendo ai grillini? Non c’è giorno che Giggino Di Maio non accentui l’antagonismo contro la Lega, accusandola di slittare a destra. Non c’è giorno che i grillini non difendano norme e proposte che hanno una chiara valenza di sinistra, e spesso di sinistra radicale: sui migranti, sui rom, sulla legalizzazione della droga, sullo spirito forcaiolo, per non dire del pauperismo e delle leggi assistenziali. Leggi il seguito… 

    • Gli Scritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra

      carlo-caffarra di Alessandro Cortese. Gli ultimi tempi si sono caratterizzati per una serie impressionante di attacchi alla famiglia e alla vita umana a livello legislativo e prima ancora culturale. All’interno del mondo cattolico si sono levate voci che hanno denunciato questa situazione, e una delle più autorevoli è stata sicuramente quella del card. Carlo Caffarra (1938-2017), che ha difeso in modo appassionato la verità sull’uomo alla luce della fede e della retta ragione. Egli è stato, infatti, nel 1981 fondatore e primo preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su Matrimonio e Famiglia, che doveva aiutare i cristiani a riscoprire la centralità della famiglia nella Chiesa e nella società. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.