La conversione di Napoleone

Oggi, 198 anni fa, spirava Napoleone Bonaparte (1769–1821). Tanti son gli aspetti poco noti di questo personaggio – che fu pure scrittore: nel 1795 compose un romanzo, Clisson et Eugenie, rimasto inedito fino al 1920 -, ma uno su tutti è sconvolgente: la sua conversione. Ma sì, proprio così: si convertì. Fu egli stesso ad ammetterlo apertamente quando, ormai prossimo alla fine, nell’isola di Sant’Elena, alla domanda su quale errore non avrebbe ripetuto, avesse potuto tornare indietro, confessò: «L’errore più grande che ho fatto è qualcosa a cui nessuno pensa. E cioè la pretesa di distruggere la Chiesa cattolica. Io credevo che la Chiesa fosse come una sorta di serpente, per cui, schiacciata la testa, sarebbe morta. E invece, più schiacciavo questa testa (l’allusione all’esilio di Pio VI e Pio VII è chiara), e più mi accorgevo che la Chiesa mi rinasceva tra le mani. Ho combattuto contro potentissimi eserciti, eppure non ho mai dubitato di combattere contro realtà limitate; ma combattendo contro la Chiesa, mi sono accorto di combattere non solo contro degli uomini!».

Quelle considerazioni – così sconvolgenti e poco note, benché riportate già nel 1843 in Sentiment de Napoléon sur le Christianisme, libro che le Edizioni Studio Domenicano hanno lodevolmente reso disponibile in lingua italiana – ci restituiscono un Napoleone diverso, anzi radicalmente diverso da quello “ufficiale”. «Non un materialista e anticlericale», osservò nella prefazione all’edizione italiana il cardinale Biffi, «ma un cattolico convinto, con una fede matura. Egli elabora una prova efficace dell’esistenza di Dio fondata anche sulla propria esperienza di vita, riflette con animo appassionato sulla persona di Gesù Cristo, sulla Croce, sull’Eucarestia, sui rapporti tra fede cristiana, islamismo e protestantesimo». Resta un piccolo mistero il motivo per cui una conversione tanto significativa e accompagnata, peraltro, da riflessioni per nulla banali (che la Chiesa non sia solo «degli uomini», anzi non lo sia per nulla, non è chiaro neppure, c’è da temere, a molti cattolici) sia così poco conosciuta. Censura della cultura laica? Potere dell’anticlericalismo? Chissà. Sta di fatto che oggi è un buon giorno per ricordarla, quella straordinaria conversione.

Giuliano Guzzo

*****

«Da leggere!» (Diego Fusaro, filosofo)

«Fornisce gli strumenti per esaminare una notizia» (Giovaniadestra.it)

«Avvincente. Denuncia le manipolazioni di alcuni a difesa della libertà di pensiero di tutti. Un’arma contro la cultura dominante» (ProVita)

«Un libro che non dovrebbe mancare a nessun giornalista, a nessun operatore della comunicazione, a nessun consumatore di internet e dei mass media» (Lafedequotidiana.it)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La legge dell’Alabama? Ancora ingiusta, ma è un passo avanti

      alabama-vs-roe-wade di Tommaso Scandroglio. Il testo di legge in materia di aborto che ha ricevuto la firma del governatore dell’Alabama Kay Ivey, e la cui entrata in vigore è prevista tra sei mesi, riporta il seguente titolo: “Legge dell’Alabama per la tutela della vita umana”. Il titolo corrisponde al contenuto della legge? In altri termini: si tratta di una legge giusta, posta a tutela della vita del nascituro, o ingiusta? La risposta è la seguente: questa legge è intrinsecamente ingiusta, seppur sia una proposta meno ingiusta rispetto alla legge tuttora vigente in Alabama e rispetto ad altre leggi sull’aborto. Per provarlo andiamo ad esaminare per sommi capi l’articolato di legge Leggi il seguito… 

    • Dimmi che parole usi e ti dirò in cosa credi

      dom-giulio-meiattini Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Giulio Meiattini, benedettino, è professore al Sant’Anselmo di Roma e sulla rivista francese “Catholica”, diretta da Bernard Dumont, scrive cose piuttosto interessanti. Nel fascicolo n. 143 ora in distribuzione, egli si occupa dei “silenzi” nella Chiesa di oggi, ossia delle parole che non vengono più adoperate assieme ai relativi concetti dato che, come diceva Aristotele, “i nomi sono segni dei concetti”. Leggi il seguito… 

    • Il Risucchio

      zingaretti_dimaio di Marcello Veneziani. Cosa sta succedendo ai grillini? Non c’è giorno che Giggino Di Maio non accentui l’antagonismo contro la Lega, accusandola di slittare a destra. Non c’è giorno che i grillini non difendano norme e proposte che hanno una chiara valenza di sinistra, e spesso di sinistra radicale: sui migranti, sui rom, sulla legalizzazione della droga, sullo spirito forcaiolo, per non dire del pauperismo e delle leggi assistenziali. Leggi il seguito… 

    • Gli Scritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra

      carlo-caffarra di Alessandro Cortese. Gli ultimi tempi si sono caratterizzati per una serie impressionante di attacchi alla famiglia e alla vita umana a livello legislativo e prima ancora culturale. All’interno del mondo cattolico si sono levate voci che hanno denunciato questa situazione, e una delle più autorevoli è stata sicuramente quella del card. Carlo Caffarra (1938-2017), che ha difeso in modo appassionato la verità sull’uomo alla luce della fede e della retta ragione. Egli è stato, infatti, nel 1981 fondatore e primo preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su Matrimonio e Famiglia, che doveva aiutare i cristiani a riscoprire la centralità della famiglia nella Chiesa e nella società. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.