I veri eurosconfitti sono i mass media

Spiegavate non senza malcelata soddisfazione come la Lega ultimamente – specie dopo il caso del sottosegretario Siri – fosse un po’ in calo; beh, alla facciadel calo: dal marzo 2018 ha aumentato i consensi del 100%, dalle ultime europee la crescita è stata addirittura del 460%, ed oggi è il primo partito con 12 punti di distacco sul secondo. Ipotizzavate un Pd in ripresa grazie alla segreteria Zingaretti, peccato che dalle ultime elezioni politiche il partito abbia perso per strada più di 80.000 voti, mica bruscolini.

Con riferimento all’accoglienza dei migranti, parlavate entusiasti del «modello Riace» da esportare, ma pure a casa di Mimmo Lucano quello di Salvini è il primo partito. Spiegavate con l’aria di chi la sa lunga che, verso questo governo, nel Paese serpeggia un fortissimo malumore, eppure la somma del consenso dei due partiti, negli ultimi 14 mesi, è crescita dal 49% al 51,4%. Soprattutto, denunciavate ai quattro venti il pericolo neofascista, che oggi è emerso in tutta la sua forza devastante: CasaPound e Forza Nuova, messi assieme, non arrivano allo 0,5% dei voti.

Infine, evidenziavate come al Congresso mondiale delle famiglie di Verona vi fossero solo medievali senza seguito, tipo il già citato Matteo Salvini e Giorgia Meloni, ossia i trionfatori italiani di queste europee. Adesso, anziché scusarvi per le scemenze dette, celate la vostra incapacità di capire l’Italia millantando la capacità di capire l’Europa, dove i sovranisti – sottolineate – «non sfondano». Ho già scritto un libro per smascherarvi, ma dato che insistete, cari giornalisti e intellettuali de sinistra, ve lo ripeto: smettete pure di raccontare il Paese come lo vorreste, iniziando a raccontarlo com’è. Un Paese che vi spernacchia.

Giuliano Guzzo

*****

«Da leggere!» (Diego Fusaro)

«Un libro pieno di chicche» (Rino Cammilleri)

«Un viaggio tra vicende note e meno note con lo scopo di aiutarci a sviluppare il senso critico»» (Aldo Maria Valli)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.