Gli Scritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra

carlo-caffarra

di Alessandro Cortese.

Gli ultimi tempi si sono caratterizzati per una serie impressionante di attacchi alla famiglia e alla vita umana a livello legislativo e prima ancora culturale. All’interno del mondo cattolico si sono levate voci che hanno denunciato questa situazione, e una delle più autorevoli è stata sicuramente quella del card. Carlo Caffarra (1938-2017), che ha difeso in modo appassionato la verità sull’uomo alla luce della fede e della retta ragione. Egli è stato, infatti, nel 1981 fondatore e primo preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su Matrimonio e Famiglia, che doveva aiutare i cristiani a riscoprire la centralità della famiglia nella Chiesa e nella società.

Bene ha fatto l’editore Cantagalli a pubblicare gli scritti più recenti del cardinale, dal 2009 al 2017, che sono stati raccolti in volume da mons. Livio Melina, suo collaboratore e successore alla carica di preside dell’Istituto, e da don Alberto Frigerio. Nonostante siano testi composti in circostanze diverse (alcuni mai pronunciati a causa della morte), sono accomunati dal fatto di riguardare l’etica, la famiglia e la vita, temi che la Dottrina sociale della Chiesa annovera fra i principi non negoziabili, a causa della loro straordinaria rilevanza. Infatti la questione oggi più che mai decisiva e urgente è quella dell’humanum, ossia di cosa caratterizzi la persona umana. Quello che preoccupava il cardinale, e che si avverte con forza scorrendo le pagine del volume, è la crisi della verità circa l’uomo, dal momento che le visioni distorte della famiglia derivano da un’antropologia inadeguata e quindi falsa. Come scrive Melina nell’introduzione: “Il destino dell’uomo si gioca per lui soprattutto sulla questione della verità” (p. 12).

In questi scritti parla contemporaneamente il teologo e il pastore, la competenza dello studioso è unita, infatti, al grande desiderio del vescovo di trasmettere al suo popolo la bella proposta del Vangelo della famiglia. Come scrive nella prefazione l’attuale vescovo di Bologna, mons. Matteo Zuppi, “le due dimensioni in realtà si sono sovrapposte e in molte occasioni abbiamo visto come la sua formazione intellettuale lasciava spazio a quella del pastore che con tanta concretezza e efficacia sapeva con semplicità toccare il cuore dei suoi ascoltatori” (p. 10).

Il libro si articola in due parti, di cui daremo conto in estrema sintesi, senza pretesa di completezza, ma solo per dare al lettore un’idea della ricchezza e profondità degli interventi del cardinale. Nella prima, intitolata Fondamenti, i curatori hanno raccolto gli interventi, di taglio filosofico e teoreticamente più impegnativi, relativi alla fondazione dell’agire morale. Qui l’autore, dando prova della sua profonda conoscenza dell’etica, mette a confronto le diverse impostazioni morali che si sono succedute nel corso del pensiero occidentale, riassumibili in etica della prima e della terza persona. Mentre la prima pone al centro la persona che agisce e il suo bene (e ha in san Tommaso d’Aquino uno dei rappresentanti più insigni), la seconda, divenuta la matrice prevalente a partire dall’età moderna, assume una concezione utilitaristica della ragione, mettendo fra parentesi o dichiarando impossibile la definizione di una verità universalmente condivisibile circa il bene. Il passaggio dalla prima alla seconda prospettiva ha avuto come conseguenza che “la modernità ha perso le ragioni ultime per acconsentire ai suoi stessi principi e valori” rendendo “l’assetto democratico della nostra società sempre più fragile” (p. 58). Il cardinale passa a denunciare con preoccupazione la grave crisi in cui versa l’etica contemporanea, che è sotto gli occhi di tutti e i cui sintomi sono: l’assenza di limiti all’uso della tecnica (una sorta di imperativo tecnologico), un mercato concepito in modo sempre più capitalistico, l’enfasi assunta dai diritti soggettivi, l’emergenza educativa e, infine, la deriva emozionalistica degli affetti.

Insistente è l’appello dell’Autore a non ridurre la ragione pratica dell’uomo alla sola razionalità tecnica. Non si tratta di disistima nei confronti della prima, dal momento che entrambe hanno come scopo il bene della persona. Il fatto è che una tecnica non subordinata all’etica, o in altri termini una scienza senza sapienza, rischia di diventare pericolosa per l’uomo stesso e per il cosmo. Il problema è che l’attuale paradigma individualistico e utilitaristico ha invertito tale rapporto, comportando “il sequestro della ragione etica da parte della ragione tecnica (p. 92).

Occorre superare urgentemente la crisi della verità sull’uomo, riguadagnando un nuovo umanesimo, che trovi la sua chiave in una concezione relazionale di uomo in tutte le accezioni, a cominciare dal rapporto con il Padre. La verità dell’uomo non sta nell’essere un individuo, ma nell’essere una persona, ossia un soggetto in relazione, e questo è stato storicamente reso possibile dal Vangelo, che ha prodotto la categoria di persona, che è insieme metafisica, etica e giuridica (p. 119).

Nella seconda parte Matrimonio e famiglia, sono i temi legati all’amore umano secondo la visione cristiana a costituire il cuore delle riflessioni del cardinale. Il matrimonio corrisponde alla natura sociale della persona, ben espressa dal passo della Genesi: “non è bene che l’uomo sia solo” (Gn 2, 18). Una concezione antropologica adeguata è quella che vede la persona come soggetto costitutivamente relazionale (lo stesso dimorfismo sessuale è una testimonianza a riguardo), chiamata a realizzarsi nella communio personarum della coniugalità, da cui nasce la famiglia. Quest’ultima non soltanto è il luogo dove avviene la procreazione, ossia la generazione e l’accoglienza della vita umana, ma è anche il luogo generativo fondamentale della differenza sessuale (p. 230).

In questa sezione vengono anche delineate e affrontate le urgenti sfide pastorali suscitate dalle teorie contemporanee, che considerano matrimonio e famiglia delle costruzioni puramente convenzionali, smontabili e rimontabili secondo modalità nuove (basti pensare alla cosiddetta teoria del gender, affrontata in alcuni testi). Ci troviamo davanti, usando le parole dell’autore, non soltanto alla privatizzazione del matrimonio, ma alla sua decostruzione. Questa è la sfida principale lanciata dal mondo occidentale alla Chiesa cattolica. A questo riguardo nel libro è contenuta la testimonianza del cardinale circa la lettera ricevuta da suor Lucia di Fatima, che gli preannunciava che lo scontro decisivo tra satana e il regno di Cristo sarebbe stato sul matrimonio e sulla famiglia.

Ciononostante in nessun momento egli cede alla rassegnazione o allo scoramento. Il cristiano deve realisticamente riconoscere la lotta in corso e prendervi parte annunciando il Vangelo della vita e della famiglia (“il più urgente dovere della Chiesa oggi è di annunciare il Vangelo del matrimonio sine glossasine glossasine glossa” [sic] p. 262). La rinuncia alla lotta è la scelta sbagliata, sia che prenda la forma del ritiro nel privato (quella che il cardinale chiama la “scelta delle catacombe”) sia che assuma la forma dell’accomodamento con la modernità (“scelta del progressismo”). La strada da seguire è quella della testimonianza, che significa tanto annunciare la verità sull’uomo sapendo che si basa su “evidenze originarie” accessibili anche alla retta ragione, quanto mostrare al mondo la bellezza, e quindi la desiderabilità, di una vita coniugale e famigliare vissuta in modo conforme al Vangelo della vita.

In conclusione, i testi contenuti nel volume sono gioielli di chiarezza e profondità, da leggere e meditare. In essi il card. Caffarra ha profuso la sua esperienza e sapienza. Uomini di Chiesa così sono una benedizione perché guidano a contemplare la bellezza del disegno di Dio, creatore e redentore, sull’uomo. Di questo sguardo il card. Caffarra è stato un maestro e un testimone, dando la sensazione a chi si accosta alle sue pagine di essere davanti ad un padre della Chiesa del nostro tempo.

Alessandro Cortese

Carlo Caffarra – a cura di L. Melina e A. FrigerioScritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra, Cantagalli, Siena 2018, 316 pagine

Fonte: Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    • La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare. Leggi il seguito…

    • Ambiguità su Vincent, è l’ecumenismo dell’eutanasia

      di Tommaso Scandroglio. Dopo la morte del 42enne disabile francese, è stata resa nota una Dichiarazione congiunta di sei responsabili religiosi (due cattolici) della città di Reims. I firmatari sono il rabbino Amar, l’imam Bendaoud, i pastori protestanti Langlois e Geoffroy, l’arcivescovo de Moulins-Beaufort e il suo ausiliare Feillet. Dal documento pare proprio che i sei ritengano che aver dato acqua e cibo a Lambert fosse accanimento terapeutico. Segno della dinamica involutiva, anche in casa cattolica, rispetto ai principi non negoziabili, che sta portando all’accettazione supina dell’eutanasia. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.