Elogio di Foa, che sogna una tv «più cattolica»

«Allarme in Rai», titolava stamane Repubblica a pagina 10, cosa che al lettore frettoloso poteva lasciar immaginare licenziamenti di massa, scandali, epurazioni. Niente di tutto ciò: l’«allarme» di cui parla il quotidiano fondato da Scalfari è semplicemente dovuto alle parole del presidente della Rai, Marcello Foa, che al festival della tv a Dogliani ha osato affermare: «La voce cattolica ha un livello di rappresentanza che non rispetta l’identità culturale del Paese. Ci sono sensibilità che non hanno abbastanza rappresentanza nel mondo giornalistico Rai». Considerazione inattaccabile cui Foa ha fatto seguire un personale auspicio: «Bisogna che il mondo Rai diventi più pluralista, io auspico più presenza cattolica in Rai».

Apriti cielo. Nelle parole del «presidente sovranista», come l’ha sprezzantemente ribattezzato Repubblica, c’è subito stato chi vi ha visto l’annuncio di moltitudini di assunzioni di giornalisti cattolici, chi il principio di un nuovo medioevo, chi la trasformazione della Rai in un’Al Jazeera crociata: di qui l’«allarme». In realtà, Foa ha solo formulato un auspicio personale (articolo 21 della Costituzione, dice niente?), che tra l’altro non mi trova d’accordo, ma d’accordissimo. Osando ancor di più, infatti, io auspicherei una Rai e, in generale, una televisione con fiction dove la coppia sposata e fedele sia la regola e non l’eccezione, dove possano andare in onda programmi anche senza l’ospite fisso Lgbt  o di origine straniera, e dove si possa parlare anche di Dio senza chiedere il permesso.

Impegni, questi, finora lasciati solo sulle spalle di don Matteo. Tuttavia, siccome per quanto straordinaria neppure per Terence Hill la longevità diverrà eternità – e non è credibile che Gubbio e Spoleto siano più letali di Caracas -, l’auspicio di Foa tutto è fuorché peregrino. Tanto più se si pensa, come ho spiegato nel mio nuovo libro, Propagande, che il potere di persuasione del mezzo televisivo è enorme. Addirittura, secondo Ettore Bernabei, uno che la Rai la guidò per anni e anni, «la sua potenza di suggestione non è neppure immaginabile». Questo significa che la tv, in ogni caso un’influenza l’ha: allora tanto vale che essa sia sana, pia, ispirata a valori veri e fedeli a quelli di un Paese, in fondo, ancora cristiano. Lunga vita dunque al presidente Foa, che immagina più cattolici in tv in un tempo in cui sembrano scarseggiare persino nella Chiesa.

Giuliano Guzzo

*****

«Da leggere!» (Diego Fusaro)

«Un libro pieno di chicche» (Rino Cammilleri)

«Avvincente. Denuncia le manipolazioni di alcuni a difesa della libertà di pensiero di tutti. Un’arma contro la cultura dominante» (ProVita)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    • La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare. Leggi il seguito…

    • Ambiguità su Vincent, è l’ecumenismo dell’eutanasia

      di Tommaso Scandroglio. Dopo la morte del 42enne disabile francese, è stata resa nota una Dichiarazione congiunta di sei responsabili religiosi (due cattolici) della città di Reims. I firmatari sono il rabbino Amar, l’imam Bendaoud, i pastori protestanti Langlois e Geoffroy, l’arcivescovo de Moulins-Beaufort e il suo ausiliare Feillet. Dal documento pare proprio che i sei ritengano che aver dato acqua e cibo a Lambert fosse accanimento terapeutico. Segno della dinamica involutiva, anche in casa cattolica, rispetto ai principi non negoziabili, che sta portando all’accettazione supina dell’eutanasia. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.