Elogio di Foa, che sogna una tv «più cattolica»

«Allarme in Rai», titolava stamane Repubblica a pagina 10, cosa che al lettore frettoloso poteva lasciar immaginare licenziamenti di massa, scandali, epurazioni. Niente di tutto ciò: l’«allarme» di cui parla il quotidiano fondato da Scalfari è semplicemente dovuto alle parole del presidente della Rai, Marcello Foa, che al festival della tv a Dogliani ha osato affermare: «La voce cattolica ha un livello di rappresentanza che non rispetta l’identità culturale del Paese. Ci sono sensibilità che non hanno abbastanza rappresentanza nel mondo giornalistico Rai». Considerazione inattaccabile cui Foa ha fatto seguire un personale auspicio: «Bisogna che il mondo Rai diventi più pluralista, io auspico più presenza cattolica in Rai».

Apriti cielo. Nelle parole del «presidente sovranista», come l’ha sprezzantemente ribattezzato Repubblica, c’è subito stato chi vi ha visto l’annuncio di moltitudini di assunzioni di giornalisti cattolici, chi il principio di un nuovo medioevo, chi la trasformazione della Rai in un’Al Jazeera crociata: di qui l’«allarme». In realtà, Foa ha solo formulato un auspicio personale (articolo 21 della Costituzione, dice niente?), che tra l’altro non mi trova d’accordo, ma d’accordissimo. Osando ancor di più, infatti, io auspicherei una Rai e, in generale, una televisione con fiction dove la coppia sposata e fedele sia la regola e non l’eccezione, dove possano andare in onda programmi anche senza l’ospite fisso Lgbt  o di origine straniera, e dove si possa parlare anche di Dio senza chiedere il permesso.

Impegni, questi, finora lasciati solo sulle spalle di don Matteo. Tuttavia, siccome per quanto straordinaria neppure per Terence Hill la longevità diverrà eternità – e non è credibile che Gubbio e Spoleto siano più letali di Caracas -, l’auspicio di Foa tutto è fuorché peregrino. Tanto più se si pensa, come ho spiegato nel mio nuovo libro, Propagande, che il potere di persuasione del mezzo televisivo è enorme. Addirittura, secondo Ettore Bernabei, uno che la Rai la guidò per anni e anni, «la sua potenza di suggestione non è neppure immaginabile». Questo significa che la tv, in ogni caso un’influenza l’ha: allora tanto vale che essa sia sana, pia, ispirata a valori veri e fedeli a quelli di un Paese, in fondo, ancora cristiano. Lunga vita dunque al presidente Foa, che immagina più cattolici in tv in un tempo in cui sembrano scarseggiare persino nella Chiesa.

Giuliano Guzzo

*****

«Da leggere!» (Diego Fusaro)

«Un libro pieno di chicche» (Rino Cammilleri)

«Avvincente. Denuncia le manipolazioni di alcuni a difesa della libertà di pensiero di tutti. Un’arma contro la cultura dominante» (ProVita)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Müller: chi tocca il celibato distrugge la Chiesa

      di Riccardo Cascioli. In un nuovo saggio il cardinale Müller difende Benedetto XVI dagli attacchi per il caso del libro scritto con il card. Sarah. Non c'è nessun antagonismo con il Papa regnante, ma il desiderio di  un legittimo contributo alla verità. Quanto al celibato sacerdotale, Müller sta con Benedetto XVI e il cardinale Sarah: «La penuria di sacerdoti (in numeri come nella qualità) in paesi occidentali un tempo cristiani non è dovuta ad una penuria di chiamate da parte di Dio, quanto invece da una mancanza delle nostre vite nei confronti del Vangelo di Gesù Cristo». Leggi il seguito…

    • Caso Gregoretti, Ricolfi: “Sinistra e giudici divorziano dal buon senso”

      di Stefano Zurlo. Ricolfi: “Ci sono casi in cui il reato dipende dal giudice che prende in mano il fascicolo. La procura aveva chiesto l'archiviazione, il Tribunale dei ministri vuole processare Salvini. Quindi se anche fra i giudici c'è un margine così grande di interpretazione si capisce che la questione è politica. Ma c'è di più. Qui c'è un divorzio dal buonsenso. Anzi no, dal senso comune che è più basico, il buonsenso richiede un minimo di saggezza. Qui stiamo parlando della modulazione dei tempi di un'operazione di sbarco dei migranti. Dov'è il crimine?” Leggi il seguito…

    • Intervista ad Antonio Socci: “Ecco perché la finanza ci vuole privare dell’identità”

      di Giuseppe Pica. Antonio Socci è un giornalista da sempre attento alle questioni religiose ed ecclesiastiche a cui unisce un’approfondita analisi sulla attualità politica e sociale. Lo abbiamo intervistato a poche settimane dalla pubblicazione del suo ultimo libro intitolato “Il Dio mercato, la Chiesa e l’Anticristo”, in cui descrive meticolosamente le vicende più spinose della modernità. Leggi il seguito…

    • Sacerdoti celibi: per la DSC è meglio

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Approfittando dell’interesse suscitato in questi giorni dal tema del celibato sacerdotale, anche a seguito delle polemiche in atto, possiamo chiederci se un sacerdote sposato possa svolgere meglio il suo ruolo a servizio della Dottrina sociale della Chiesa, oppure se questo esito sia garantito di più dal celibato. Se si interrogassero su questo punto le persone della strada, con ogni probabilità la scelta andrebbe verso la prima soluzione. Risulterebbe facile sostenere che il sacerdote sposato avrebbe più esperienza delle cose della vita sociale, economica e politica, ossia di quegli ambiti di cui si occupa la Dottrina sociale della Chiesa. I suoi insegnamenti in questi campi sarebbero più autorevoli, perché nutriti dall’esperienza diretta. Ma è veramente così? Ad uno sguardo più attento sul posto che il sacerdote occupa nel servizio alla Dottrina sociale della Chiesa parrebbe proprio di no. Leggi il seguito…