Alexandre Del Valle: l’impero “McWorld” è una torre di babele cosmopolita che minaccia la sovranità delle nazioni occidentali

del-valle-libro

«ll pensiero unico cosmopoliticamente corretto, troppo spesso attribuito solamente alle forze di sinistra, deve molto anche all’impero McWorld, che è un misto di Hollywood, di McDonald’s, di multinazionali e di mondializzazione che si nutre della distruzione delle nazioni per ampliare il suo campo d’azione, sopprimendo progressivamente le barriere doganali, morali, religiose, nazionali, sessuali, che rischierebbero di rendere più difficile il consumo di prodotti planetari funzionali standardizzati.

Non c’è alcun complotto in tutto questo, nemmeno quello dell’“imperialismo americano”, poiché il McWorld è rappresentato con pari forza dall’impresa italiana United Colors of Benetton che da McDonald’s, dalla Microsoft, dalla Apple o da Internet con Google, Facebook e altre reti sociali.

Il McWorld è pertanto più che altro una torre di babele cosmopolita che si nutre dello sradicamento, del marketing basato sull’edonismo e sull’iperconsumo, la cui natura antinazionale minaccia tanto la sovranità americana quanto quella delle nazioni europee, più vulnerabili all’universalismo e alla colpevolizzazione rispetto alle nazioni non occidentali».

(Alexandre Del Valle, Il complesso occidentale – Piccolo trattato di decolpevolizzazione, Roma, Paesi Edizioni, 2019, p. 135)

Dalla pagina Facebook di Rodolfo Casadei

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Vittorio Messori: “La Chiesa non è di Bergoglio”

      di Bruno Volpe. “La Chiesa non è di Bergoglio, ma di Cristo. Certo, sono preoccupato”: l’affondo è del notissimo scrittore cattolico e giornalista di fama Vittorio Messori, fine intellettuale, autore di una storica intervista a San Giovanni Paolo II, quando intervistare un Papa era non era roba da giornali. Leggi il seguito…

    • Per vendetta e per potere: così Renzi tesse la tela

      di Romano l’Osservatore. Ora che Renzi ha dato l'addio al Pd, tutti si chiedono che cosa farà. Ma per capirlo è meglio chiedersi perché l'ha fatto: per vendetta contro Zingaretti, Conte e Salvini che detesta e per il suo ego spregiudicato che gli serve per raggiungere il suo unico obiettivo: il potere. Per cannibalizzare il vuoto creatosi al Centro.  Leggi il seguito…

    • Conte stai sereno! Renzi torna a fare Renzi

      di Giuseppe Leonelli. Risorto dalle ceneri del referendum fallito, Matteo Renzi veste ancora una volta i panni di dominus della politica italiana, capace di tenere sotto schiaffo il premier Conte e, di conseguenza, Pd e 5 Stelle per i quali il voto continua ad essere visto come il pericolo da evitare in tutti i modi. E mentre l’ex premier fiorentino tesse le sue trame, il Governo della ‘Svolta’ si ripiega sempre più verso le vecchie dinamiche della prima Repubblica. Un Esecutivo che, con lo strappo di Renzi, è sostenuto ora da 5 partiti Leggi il seguito…

    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.