Se questa è famiglia

cattura

«Potrebbe essere stato un percorso non convenzionale a far venire alla luce questa neonata, ma i suoi due papà non potrebbero essere più felici. Così come la nonna, che li ha portati nel grembo e partoriti, e la zia, che ha donato gli ovuli per il concepimento». Così la CNN racconta la storia di Uma Louise, nata lunedì 25 marzo a Omaha, in Nebraska. Come fosse una bella favola con il lieto fine. Peccato che questa bimba non abbia affatto due papà, ma è stata portata in grembo dalla mamma di suo padre. Sostanzialmente è nata da un incesto avvenuto in laboratorio e regolamentato da un contratto. «Ci sono modi creativi e unici per costruire una famiglia», avrebbe dichiarato, secondo la CNN, «uno dei due padri».

Ma è creatività o dittatura del desiderio? Tutto è partito da due uomini, Matthew Eledge, 32 anni, ed Elliot Dougherty, 29 anni, che desideravano un figlio: per questo hanno percorso l’unica via possibile, quella dell’utero in affitto, pratica che prevede che il bimbo sia concepito in laboratorio per conto di un committente, spesso una coppia di uomini, ma anche una coppia uomo-donna. Qualcuno la chiama “surrogazione” perché la pratica si regge su una donna, detta “surrogata”, disponibile a portar il bimbo in grembo per poi cederlo, appena nato, a chi lo ha commissionato. A quel punto si è fatta avanti la mamma di Matthew, Cecile, 61 anni, in menopausa da dieci: «Ho pensato che se potevo fisicamente farlo, l’avrei fatto».

Subito dopo è partita la ricerca di una “donatrice” di ovuli, ricerca durata pochissimo poiché si è subito proposta Lea, sorella di Elliot, venticinquenne fresca della sua seconda gravidanza. I suoi ovuli sono stati quindi fecondati con il seme di Matthew e gli embrioni impiantati nell’utero della “mamma/nonna”. Eppure, la dottoressa che li ha seguiti nel processo di “surrogazione”, Carolyn Maud Dorthey, ostetrica, ginecologa ed esperta in tecniche riproduttive, ha commentato «che dopotutto non era un’idea così folle».

E così il processo è partito. Inizialmente il seme di Matthew è stato congelato per sei mesi «così poteva essere controllata la presenza di eventuali virus come l’Hiv», riferisce BuzzFeed News; due mesi dopo Lea ha iniziato le stimolazioni per la “donazione” di ovuli: dodici in tutto quelli estratti, undici dei quali sono stati fecondati, sette gli embrioni che si sono sviluppati. A quel punto, spiega sempre BuzzFeed News «la coppia ha deciso di pagare un extra per i test genetici che avrebbero permesso di capire quali embrioni avevano la possibilità di sviluppare un bambino sano, dopo questi test sono rimasti tre embrioni». Nulla si dice rispetto agli altri quattro, evidentemente eliminati senza pensarci. «Ora uno di questi è qui – spiega di nuovo Matthew Eledge – e gli altri sono congelati nel caso volessimo allargare la famiglia».

Come se non fosse già allargata, verrebbe da dire. Come se tutto questo fosse normale. Impressiona l’indifferenza attorno a vicende come queste, sempre più comuni nel loro delirio di onnipotenza, specie dopo tre giornate in cui per poter parlare di famiglia – senza aggettivi, perché la famiglia è una sola – è stata necessaria la protezione della polizia. Ma davvero possiamo metterci a discutere di metodo? Davvero c’è un metodo sbagliato di dire no a questo abominio? E se ce n’è uno giusto o migliore, perché non se ne vede traccia e si sente solo un assordante silenzio?

da: http://www.iltimone.org/news-timone/se-questa-e-famiglia/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Olanda e Germania attaccano militarmente l’Italia con la Sea Watch

      di Guido da Landriano. L’Italia vieta l’accesso in acque italiane, secondo una precisa norma di legge, pur accogliendo chi era in reale stato di necessità. La norma viene confermata come legittima da parte della Corte di Giustizia Europea, quindi perfettamente valida. Nonostante questo, con totale sprezzo delle norme di legge e con un atto aggressivo inusitato, nel TOTALE SILENZIO dei governi di bandiera (Olanda) e di armamento (Germania), la nave entra in acque italiane, rifiutandosi perfino di obbedire agli ordini della Guardia di Finanza. Si tratta di un atto di aggressione che sfiora l’aggressione militare, e forse la supera Leggi il seguito…

    • Sea Watch dichiara guerra all’Italia

      di Andrea Indini. Quella della Sea Watch è stata un’operazione politica in piena regola, messa in piedi apposta per mettere in difficoltà il governo italiano. Sin dall’inizio l’obiettivo era farsi aprire un porto per forzare il blocco imposto da Salvini. Una missione sulla pelle degli immigrati che ha infranto svariate leggi e messo a nudo l’incapacità dell’Unione europea di fronteggiare un problema simile. La forzatura di oggi, però, non è come le precedenti operazioni illegali delle varie ong che negli ultimi anni ci hanno riempito le coste di clandestini. La Rackete ha, infatti, deciso di infischiarsene deliberatamente del provvedimento che le è stato consegnato la scorsa settimana dalla Guardia di Finanza e che le intimava “il divieto di ingresso, transito e sosta” nelle nostre acque. Mai prima d’ora le nostre leggi erano state calpestate in modo tanto plateale Leggi il seguito…

    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.