Notre-Dame de Paris la Francia brucia

notre-dame-incendio

Un incendio pieno di significato

Articolo da LETTRE DE CAUSEUR, quotidiano francese di informazione online – 16 aprile 2019

di Hadrien Desuin

Traduzione di Claudio Forti

L’incendio che lunedì sera si è sviluppato nella cattedrale di Notre-Dame di Parigi è pieno di aspetti simbolici. Dopo le profanazioni, gli scandali sessuali, lo svuotamento delle chiese, non ci sarà dunque risparmiato nulla?

Ci sono delle giornate particolarmente nere nella storia della Francia, quando tutto si sprofonda sotto i nostri piedi. Quando la mente si spegne e si rimane soli in mezzo alle macerie. Io avevo il presentimento che questo triste momento sarebbe venuto. Qualche giorno fa si era sfiorata la catastrofe a Saint-Denis e a Saint-Soupice, (link nell’originale). Due autentici miracoli. Ma in questo caso era decisamente troppo chiedere altrettanto ai santi protettori della capitale. L’incendio della cattedrale di Parigi, di lunedì 15 aprile 2019, sarà segnato come una pietra nera. (Oltretutto mentre i cattolici iniziano la Settimana Santa. Ndt). Grazie a Dio nessuna vittima civile, ma una grave disfatta, come quella del 10 maggio 1940 a Sedan (Altro link).

Ci sono momenti in cui lo spirito vacilla.

Come tutti, al principio non riuscivo a comprendere. Il nostro cuore vacilla in quei momenti e i nostri occhi si riempiono di lacrime. Ci si aggira per la stanza senza saper che fare, come quando una persona cara è improvvisamente ghermita dalla morte. Ma qui non sono altro che delle pietre! Si sente il desiderio di parlarne con qualcuno. “Alla fine non è che una vecchia signora, Notre-Dame”. La nostra madre di Parigi sparita in un braciere ardente. La nostra Giovanna d’Arco di pietra. Si, le pietre della storia della Francia, che erano vive, stanno crollando.

Ho avuto l’impressione di assistere in diretta alle rovine lasciate da un bombardamento o dalla caduta di una antica (e direi, gloriosa), civiltà. La cristianità ridotta in cenere. Rimangono solo le telecamere della BMF TV e un pianoforte su cui piangere. Ma è troppo poco.

Un odore di Apocalisse.

Le nostre cattedrali si stanno svuotando ormai da molti anni. Solo vecchie mura e statue da restaurare. È tutto ciò che resta della nostra fede, della nostra identità. Non ci sarà dunque risparmiato nulla, a noi, che in questi ultimi 40 anni abbiamo visto morire la Chiesa di Francia? Le chiese distrutte a colpi di pala, i preti pedofili, i cardinali condannati, persino il papa è rannicchiato a terra. Ed ora il tesoro di Parigi che brucia, mentre si stanno costruendo, per così dire, le moschee-cattedrali. Si, c’è un odore di inferno e di apocalisse. (Se non fosse per le meravigliose immagini trasmesse dalle TV di tutto il mondo, della folla – composta principalmente da giovani, molti in ginocchio, in preghiera -, ci sarebbe davvero da disperare! Ma la Pasqua vicina ci ricorda il trionfo di Cristo sul male e sulla morte! Ndt).

Francia, figlia prediletta della Chiesa, che cosa abbiamo fatto della tua cattedrale? Nemmeno le rivoluzioni e le guerre erano riuscite fino ad ora ad attentare al tuo centro più sacro. Questo monumento, in cui sono stati celebrati i personaggi più importanti della Francia, come Chateaubriand,  Balzac, Ugo, Nerval, Claudel e molti altri. E la vecchia struttura crolla proprio nel corso di questo orgoglioso XXI secolo,  su di esso e sul suo progresso. La nostra struttura, le nostre fondamenta, la nostra storia.

Mio fratello, entrato in seminario, innamorato folle di questo patrimonio, aveva già capito tutto. Giovanna d’Arco, San Luigi, de Gaulle e tutto il popolo francese ci guardano. Parigi brucia, ed esse ci supplicano di ricostruire l’edificio. (Soprattutto l’edificio spirituale da cui sono nate le cattedrali, le università, gli ospedali, la santità, la carità e la scienza. Ndt). Sì, la Francia può morire. Questo è il messaggio che ci trasmettono le fiamme di Notre-Dame de Paris.

(L’articolo successivo ha un titolo che può essere la conclusione di questo: “Notre-Dame, perché ci hai abbandonato”. Ndt).

 

Fonte: https://www.causeur.fr/notre-dame-de-paris-eglise-160706?utm_source=Envoi+Newsletter&utm_campaign=54a2503f22-Newsletter_4_fevrier_COPY_01&utm_medium=email&utm_term=0_6ea50029f3-54a2503f22-57812233

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…