Notre-Dame de Paris la Francia brucia

notre-dame-incendio

Un incendio pieno di significato

Articolo da LETTRE DE CAUSEUR, quotidiano francese di informazione online – 16 aprile 2019

di Hadrien Desuin

Traduzione di Claudio Forti

L’incendio che lunedì sera si è sviluppato nella cattedrale di Notre-Dame di Parigi è pieno di aspetti simbolici. Dopo le profanazioni, gli scandali sessuali, lo svuotamento delle chiese, non ci sarà dunque risparmiato nulla?

Ci sono delle giornate particolarmente nere nella storia della Francia, quando tutto si sprofonda sotto i nostri piedi. Quando la mente si spegne e si rimane soli in mezzo alle macerie. Io avevo il presentimento che questo triste momento sarebbe venuto. Qualche giorno fa si era sfiorata la catastrofe a Saint-Denis e a Saint-Soupice, (link nell’originale). Due autentici miracoli. Ma in questo caso era decisamente troppo chiedere altrettanto ai santi protettori della capitale. L’incendio della cattedrale di Parigi, di lunedì 15 aprile 2019, sarà segnato come una pietra nera. (Oltretutto mentre i cattolici iniziano la Settimana Santa. Ndt). Grazie a Dio nessuna vittima civile, ma una grave disfatta, come quella del 10 maggio 1940 a Sedan (Altro link).

Ci sono momenti in cui lo spirito vacilla.

Come tutti, al principio non riuscivo a comprendere. Il nostro cuore vacilla in quei momenti e i nostri occhi si riempiono di lacrime. Ci si aggira per la stanza senza saper che fare, come quando una persona cara è improvvisamente ghermita dalla morte. Ma qui non sono altro che delle pietre! Si sente il desiderio di parlarne con qualcuno. “Alla fine non è che una vecchia signora, Notre-Dame”. La nostra madre di Parigi sparita in un braciere ardente. La nostra Giovanna d’Arco di pietra. Si, le pietre della storia della Francia, che erano vive, stanno crollando.

Ho avuto l’impressione di assistere in diretta alle rovine lasciate da un bombardamento o dalla caduta di una antica (e direi, gloriosa), civiltà. La cristianità ridotta in cenere. Rimangono solo le telecamere della BMF TV e un pianoforte su cui piangere. Ma è troppo poco.

Un odore di Apocalisse.

Le nostre cattedrali si stanno svuotando ormai da molti anni. Solo vecchie mura e statue da restaurare. È tutto ciò che resta della nostra fede, della nostra identità. Non ci sarà dunque risparmiato nulla, a noi, che in questi ultimi 40 anni abbiamo visto morire la Chiesa di Francia? Le chiese distrutte a colpi di pala, i preti pedofili, i cardinali condannati, persino il papa è rannicchiato a terra. Ed ora il tesoro di Parigi che brucia, mentre si stanno costruendo, per così dire, le moschee-cattedrali. Si, c’è un odore di inferno e di apocalisse. (Se non fosse per le meravigliose immagini trasmesse dalle TV di tutto il mondo, della folla – composta principalmente da giovani, molti in ginocchio, in preghiera -, ci sarebbe davvero da disperare! Ma la Pasqua vicina ci ricorda il trionfo di Cristo sul male e sulla morte! Ndt).

Francia, figlia prediletta della Chiesa, che cosa abbiamo fatto della tua cattedrale? Nemmeno le rivoluzioni e le guerre erano riuscite fino ad ora ad attentare al tuo centro più sacro. Questo monumento, in cui sono stati celebrati i personaggi più importanti della Francia, come Chateaubriand,  Balzac, Ugo, Nerval, Claudel e molti altri. E la vecchia struttura crolla proprio nel corso di questo orgoglioso XXI secolo,  su di esso e sul suo progresso. La nostra struttura, le nostre fondamenta, la nostra storia.

Mio fratello, entrato in seminario, innamorato folle di questo patrimonio, aveva già capito tutto. Giovanna d’Arco, San Luigi, de Gaulle e tutto il popolo francese ci guardano. Parigi brucia, ed esse ci supplicano di ricostruire l’edificio. (Soprattutto l’edificio spirituale da cui sono nate le cattedrali, le università, gli ospedali, la santità, la carità e la scienza. Ndt). Sì, la Francia può morire. Questo è il messaggio che ci trasmettono le fiamme di Notre-Dame de Paris.

(L’articolo successivo ha un titolo che può essere la conclusione di questo: “Notre-Dame, perché ci hai abbandonato”. Ndt).

 

Fonte: https://www.causeur.fr/notre-dame-de-paris-eglise-160706?utm_source=Envoi+Newsletter&utm_campaign=54a2503f22-Newsletter_4_fevrier_COPY_01&utm_medium=email&utm_term=0_6ea50029f3-54a2503f22-57812233

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Papi e l’UNESCO: qualcosa non va?

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Il 15 ottobre scorso papa Francesco ha inviato un messaggio all’incontro organizzato a Roma dall’Università del Laterano e dalla Congregazione per l’Educazione cattolica.  L’incontro era finalizzato a proporre un “patto educativo globale”. La proposta, assolutamente nuova per i Pontefici, intercettava alcune istanze internazionali, particolarmente quelle dell’UNESCO, l’agenzia delle Nazioni Unite per la cultura. Infatti Audrey Auzolay, direttrice dell’UNESCO e già ministro francese della cultura del governo Hollande, ha commentato ben positivamente l’iniziativa di Francesco. Leggi il seguito…

    • A san Biagio niente benedizione della gola. Viaggio a Lourdes con Alexis Carrell

      di don Marco Begato. Il fatto che in un momento di crisi medica, in cui la stessa scienza si mostra insufficiente e la politica inadeguata, noi rigettiamo anziché invocare le fonti taumaturgiche tradizionali, indica quanto fragili sono divenute fede e cultura nel nostro tempo. Leggi il seguito…

    • Se non poggia sulla legge naturale, ogni legge è ingiusta

      di Stefano Fontana. La legge umana si fonda sulla legge naturale, che rimanda al fondamento originario della legge eterna. Qui trova senso il concetto di legge ingiusta: essa è una legge umana non giustificata, non legittimata dalla sua corrispondenza alla legge naturale. Il nuovo libro di Tommaso Scandroglio su Leggi ingiuste e male minore.  Leggi il seguito…

    • L’emergenza ecologista e il nuovo ordine mondiale: perché i conservatori dovrebbero sparigliare

      di Gaetano Quagliariello. Continua l’approfondimento dell’Occidentale sul tema ambientale e il ruolo dei conservatori. Pubblichiamo qui l’intervento di Gaetano Quagliariello nel dodicesimo Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo, dal titolo “Ambientalismo e globalismo: nuove ideologie politiche”, realizzato dall’Osservatorio Van Thuan a cura di Riccardo Cascioli, Giampaolo Crepaldi e Stefano Fontana (ed. Cantagalli). Leggi il seguito…