Notre-Dame de Paris la Francia brucia

notre-dame-incendio

Un incendio pieno di significato

Articolo da LETTRE DE CAUSEUR, quotidiano francese di informazione online – 16 aprile 2019

di Hadrien Desuin

Traduzione di Claudio Forti

L’incendio che lunedì sera si è sviluppato nella cattedrale di Notre-Dame di Parigi è pieno di aspetti simbolici. Dopo le profanazioni, gli scandali sessuali, lo svuotamento delle chiese, non ci sarà dunque risparmiato nulla?

Ci sono delle giornate particolarmente nere nella storia della Francia, quando tutto si sprofonda sotto i nostri piedi. Quando la mente si spegne e si rimane soli in mezzo alle macerie. Io avevo il presentimento che questo triste momento sarebbe venuto. Qualche giorno fa si era sfiorata la catastrofe a Saint-Denis e a Saint-Soupice, (link nell’originale). Due autentici miracoli. Ma in questo caso era decisamente troppo chiedere altrettanto ai santi protettori della capitale. L’incendio della cattedrale di Parigi, di lunedì 15 aprile 2019, sarà segnato come una pietra nera. (Oltretutto mentre i cattolici iniziano la Settimana Santa. Ndt). Grazie a Dio nessuna vittima civile, ma una grave disfatta, come quella del 10 maggio 1940 a Sedan (Altro link).

Ci sono momenti in cui lo spirito vacilla.

Come tutti, al principio non riuscivo a comprendere. Il nostro cuore vacilla in quei momenti e i nostri occhi si riempiono di lacrime. Ci si aggira per la stanza senza saper che fare, come quando una persona cara è improvvisamente ghermita dalla morte. Ma qui non sono altro che delle pietre! Si sente il desiderio di parlarne con qualcuno. “Alla fine non è che una vecchia signora, Notre-Dame”. La nostra madre di Parigi sparita in un braciere ardente. La nostra Giovanna d’Arco di pietra. Si, le pietre della storia della Francia, che erano vive, stanno crollando.

Ho avuto l’impressione di assistere in diretta alle rovine lasciate da un bombardamento o dalla caduta di una antica (e direi, gloriosa), civiltà. La cristianità ridotta in cenere. Rimangono solo le telecamere della BMF TV e un pianoforte su cui piangere. Ma è troppo poco.

Un odore di Apocalisse.

Le nostre cattedrali si stanno svuotando ormai da molti anni. Solo vecchie mura e statue da restaurare. È tutto ciò che resta della nostra fede, della nostra identità. Non ci sarà dunque risparmiato nulla, a noi, che in questi ultimi 40 anni abbiamo visto morire la Chiesa di Francia? Le chiese distrutte a colpi di pala, i preti pedofili, i cardinali condannati, persino il papa è rannicchiato a terra. Ed ora il tesoro di Parigi che brucia, mentre si stanno costruendo, per così dire, le moschee-cattedrali. Si, c’è un odore di inferno e di apocalisse. (Se non fosse per le meravigliose immagini trasmesse dalle TV di tutto il mondo, della folla – composta principalmente da giovani, molti in ginocchio, in preghiera -, ci sarebbe davvero da disperare! Ma la Pasqua vicina ci ricorda il trionfo di Cristo sul male e sulla morte! Ndt).

Francia, figlia prediletta della Chiesa, che cosa abbiamo fatto della tua cattedrale? Nemmeno le rivoluzioni e le guerre erano riuscite fino ad ora ad attentare al tuo centro più sacro. Questo monumento, in cui sono stati celebrati i personaggi più importanti della Francia, come Chateaubriand,  Balzac, Ugo, Nerval, Claudel e molti altri. E la vecchia struttura crolla proprio nel corso di questo orgoglioso XXI secolo,  su di esso e sul suo progresso. La nostra struttura, le nostre fondamenta, la nostra storia.

Mio fratello, entrato in seminario, innamorato folle di questo patrimonio, aveva già capito tutto. Giovanna d’Arco, San Luigi, de Gaulle e tutto il popolo francese ci guardano. Parigi brucia, ed esse ci supplicano di ricostruire l’edificio. (Soprattutto l’edificio spirituale da cui sono nate le cattedrali, le università, gli ospedali, la santità, la carità e la scienza. Ndt). Sì, la Francia può morire. Questo è il messaggio che ci trasmettono le fiamme di Notre-Dame de Paris.

(L’articolo successivo ha un titolo che può essere la conclusione di questo: “Notre-Dame, perché ci hai abbandonato”. Ndt).

 

Fonte: https://www.causeur.fr/notre-dame-de-paris-eglise-160706?utm_source=Envoi+Newsletter&utm_campaign=54a2503f22-Newsletter_4_fevrier_COPY_01&utm_medium=email&utm_term=0_6ea50029f3-54a2503f22-57812233

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.