La Croix accusa Sarah di fare il gioco di Putin

sarahDopo aver aspramente criticato il recente saggio di Benedetto XVI sulla crisi morale del clero – saggio definito come “inquietante” e “fastidioso” – il quotidiano cattolico di Francia, La Croix, se la prende ora con il cardinale africano Robert Sarah. Colpevole, secondo l’espressione del giornalista Nicolas Senèze, di farsi “araldo comodo di un certo cattolicesimo”. Quale?

In effetti, come riportato da molti organi di stampa, il cardinal Sarah, nel suo recente libro-intervista con Nicolas Diat (Le soir approche et déjà le jour baisse, Fayard), fa affermazioni diverse e perfino contrarie a quella che è divenuta la doxa del cattolicesimo contemporaneo.

Parla infatti delle migrazioni contemporanee come qualcosa di globalmente negativo e dei pericoli non imponderabili dell’islamizzazione (si veda in proposito l’ottima sintesi dell’ex diplomatico Alberto Indelicato, La distruzione dell’Europa, Lindau, 2018). Ma anche dell’ideologia del gender come colonizzazione nefasta e totalitaria, e last but not least dell’ipocrisia con cui buona parte del clero e dell’episcopato tenta di giustificare tutto ciò con un uso strumentale e selettivo della “Parola di Dio”.

La Croix rimprovera al coraggioso prelato, che comunque è stato nominato Prefetto di un importante Dicastero dallo stesso papa Francesco, di nutrire un “profondo pessimismo” sulla situazione della società e della Chiesa. E si sa che per i progressisti il pessimismo è un peccato mortale e inescusabile. Secondo Senèze, la Chiesa di oggi è vista dal Sarah come vittima “di un orizzontalismo che la trasformerebbe in una ONG senz’anima”. Cosa che a noi pare una banale costatazione, piuttosto che una discutibile idea di un anziano cardinale della Guinea.

Addirittura, Senèze con un certo cattivo gusto, arriva a scrivere che “Questa visione parziale è particolarmente flagrante nell’approccio geopolitico del cardinal Sarah, il quale sembra dipendere più da Russia Today o da Sputnik che da una vera riflessione”. Cioè, il presule vaticano, nelle sue analisi controcorrenti e libere della politica odierna, seguirebbe non la realtà dei fatti, ma la lettura che di essi viene data da certi media russi, apertamente filo Putin ed euroscettici.

Per le chiare riserve del cardinale sui moti migratori odierni e su chi li favorisce (ammantandosi di pelosa carità), Nicolas Senèze scrive che il presule “apre troppo facilmente le porte a tutte le rivendicazioni, in particolare di coloro che si sono posti in opposizione al papa e che vedono in lui (…) un comodo araldo”. Papa Francesco però, nel novembre del 2016 ha dichiarato: “chiudere il cuore è male, ma se un paese può integrare solo 20 rifugiati, quelli deve accogliere e non di più” (corsivo mio). Tutto mostra che in Italia e in Europa la misura è colma da un pezzo… Chiudere le porte dunque è prudenza e la prudenza è una grande virtù: personale, sociale e politica. Sarah aggiunge nel suo libro che l’emigrazione di tanti giovani africani nuoce gravemente all’Africa e non c’è motivo di non credergli.

Per chi lo ignorasse il quotidiano cattolico La Croix fu fondato in Francia nel lontano 1883 da una congregazione religiosa (gli assunzionisti) e per decenni si presentò come il quotidiano dell’intransigenza a fronte delle derive etiche della modernità. Fu monarchico e nazionalista ed arrivò a definirsi, nelle polemiche dell’affaire Dreyfus, come “il giornale cattolico più antiebraico di Francia” (edizione del 30 agosto 1890).

Oggi al contrario è divenuto in Europa l’organo del politicamente e del cattolicamente corretto. Peccato che i suoi obiettivi siano figure eminenti del cattolicesimo contemporaneo come Joseph Ratzinger o Robert Sarah.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…