Cimitero senza croci, idea folle. E c’è chi la difende

Pensavo che l’idea di un cimitero senza croci – come vorrebbero fare a Pieve di Cento (Bo), installando nella cappella una copertura amovibile dei segni religiosi – fosse il peggio. Ma avevo dimenticato la realtà di menti senza buon senso. Infatti, quello che teoricamente è «un sistema di oscuramento motorizzato con teli di tessuto sintetico per coprire temporaneamente le tombe di famiglia situate alle pareri della cappella» (Cronache del comune di Pieve di Cento, n.1 2019, p.6), in pratica è un sistema di oscuramento della nostra dignità, della nostra civiltà e ovviamente della nostra fede. E’ lampante.  Eppure c’è chi arriva a non capirlo, come la piddina Alessandra Moretti, la quale in tv, giorni fa, è arrivata ad affermare la presunta innocuità di questa vera follia.

Ovviamente il pretesto accampato dalla politica vicentina per difendere l’indifendibile è la solita manfrina delle sensibilità altrui da non turbare, perché della sensibilità dei cattolici, invece, chi se ne frega. Ma anziché soffermarmi sulla Moretti – sparare sulla croce rossa dovendo pure oscurarla sarebbe disagevole -, preferisco dilatare lo sguardo perché il problema non nasce a Pieve di Cento e neppure, stavolta, nel Pd. Non prendiamoci in giro. Il punto vero sono le chiese vuote, i confessionali deserti, i cimiteri visitati solo il primo novembre. Del resto, se ci si azzarda anche solo a pensare di eclissare anche solo temporaneamente le nostre croci, è perché un’eclissi, altrove, è già iniziata. Riflettiamoci, perché è dura proteggere dalle minacce dell’islamismo e dalle erbacce del progressismo una fede disabitata. Di tempo ne abbiamo già perso abbastanza.

Giuliano Guzzo

*****

«Da leggere!» (Diego Fusaro, filosofo)

«Fornisce gli strumenti per esaminare una notizia» (Giovaniadestra.it)

«Avvincente. Denuncia le manipolazioni di alcuni a difesa della libertà di pensiero di tutti. Un’arma contro la cultura dominante» (ProVita)

«Un libro che non dovrebbe mancare a nessun giornalista, a nessun operatore della comunicazione, a nessun consumatore di internet e dei mass media» (Lafedequotidiana.it)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Vittorio Messori: “La Chiesa non è di Bergoglio”

      di Bruno Volpe. “La Chiesa non è di Bergoglio, ma di Cristo. Certo, sono preoccupato”: l’affondo è del notissimo scrittore cattolico e giornalista di fama Vittorio Messori, fine intellettuale, autore di una storica intervista a San Giovanni Paolo II, quando intervistare un Papa era non era roba da giornali. Leggi il seguito…

    • Per vendetta e per potere: così Renzi tesse la tela

      di Romano l’Osservatore. Ora che Renzi ha dato l'addio al Pd, tutti si chiedono che cosa farà. Ma per capirlo è meglio chiedersi perché l'ha fatto: per vendetta contro Zingaretti, Conte e Salvini che detesta e per il suo ego spregiudicato che gli serve per raggiungere il suo unico obiettivo: il potere. Per cannibalizzare il vuoto creatosi al Centro.  Leggi il seguito…

    • Conte stai sereno! Renzi torna a fare Renzi

      di Giuseppe Leonelli. Risorto dalle ceneri del referendum fallito, Matteo Renzi veste ancora una volta i panni di dominus della politica italiana, capace di tenere sotto schiaffo il premier Conte e, di conseguenza, Pd e 5 Stelle per i quali il voto continua ad essere visto come il pericolo da evitare in tutti i modi. E mentre l’ex premier fiorentino tesse le sue trame, il Governo della ‘Svolta’ si ripiega sempre più verso le vecchie dinamiche della prima Repubblica. Un Esecutivo che, con lo strappo di Renzi, è sostenuto ora da 5 partiti Leggi il seguito…

    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.